Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Basta che paghino

Di

Editore: Il Saggiatore

2.9
(45)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 256 | Formato: Altri

Isbn-10: 8842807567 | Isbn-13: 9788842807568 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature , Gay & Lesbian

Ti piace Basta che paghino?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La piazza dove Kurt lavora è un intaglio rettangolare tra vecchi edificiindustriali. Nelle notti di nebbia, i ragazzi che aspettano sui marciapiedisono soltanto sagome di corpi. Per Kurt, far commercio di sé non è un dramma èun lavoro come un altro, che gli consente il massimo profitto con il minimosforzo. Né immorale né amorale, si limita a fare ciò che sa, senza il minimocoinvolgimento, fino al giorno in cui sulla piazza appaiono cinque ragazzistranieri, tra cui il buffo Rodolfo e il brasiliano Joao, ed ecco che lagiovane multilingue follia dell'innamoramento sposta l'azione versol'avventura.
Ordina per
  • 2

    Storie di ordinaria prostituzione

    Sinceramente mi aspettavo (molto) di più. Invece è davvero solo una finestra su un mondo abbastanza squallido, insensibile e permettetemi anche 'facile'. Speravo in un colpo di coda, in una piroetta che sconvolgesse la trama, o che la costruisse una trama...niente, se non quell'inutile lasciarsi ...continua

    Sinceramente mi aspettavo (molto) di più. Invece è davvero solo una finestra su un mondo abbastanza squallido, insensibile e permettetemi anche 'facile'. Speravo in un colpo di coda, in una piroetta che sconvolgesse la trama, o che la costruisse una trama...niente, se non quell'inutile lasciarsi trascinare dalla vita; solo uno scorrere modesto di attimi alla ricerca di un incrocio di sentimenti, falsamente riconducibili all'amore.
    Anche lo stile di scrittura lascia molto a desiderare. Brevi periodi intervallati da punti. Piccoli capitoletti senza pathos. Golinelli continua a non convincermi.

    ha scritto il 

  • 1

    Grandissima delusione

    Lessi questo libro nel 1992, avevo 18 anni e lo trovai insulso. Una specie di diario cronachistico della prostituzione di Alessandro Golinelli. La cosa che mi deluse di più, fu che mi resi conto che non si trattava di narrativa, o meglio si trattava di una narrativa talmente realista e basata sul ...continua

    Lessi questo libro nel 1992, avevo 18 anni e lo trovai insulso. Una specie di diario cronachistico della prostituzione di Alessandro Golinelli. La cosa che mi deluse di più, fu che mi resi conto che non si trattava di narrativa, o meglio si trattava di una narrativa talmente realista e basata sul vissuto autobiografico dell'autore, che la cosa mi dette fastidio. Chi avrebbe pensato che da questo orrore, pompato come un ossesso al Costanzo Show, sarebbe poi sbocciato l'autore di "Kurt sta facendo la farfalla"?

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro che ho letto in meno di 24 ore! La storia diventa sempre più avvincente ! Trama interessante e ben scritta! Peccato per il finale...un po' irrisolto secondo me:( (ecco perchè non ho dato 5 stelle ma solo 4!)

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    1

    Kurt è un “prostituto”. Vive a Milano, dove di giorno dorme e di notte lavora in piazza. Ha degli amici: brasiliani, peruviani, anche italiani come lui, con cui gira il mondo, ritrovandosi dapprima ad Amsterdam e poi ad Amburgo. Ha anche dei clienti fissi: Corrado, che gli chiede di amarlo, e Mar ...continua

    Kurt è un “prostituto”. Vive a Milano, dove di giorno dorme e di notte lavora in piazza. Ha degli amici: brasiliani, peruviani, anche italiani come lui, con cui gira il mondo, ritrovandosi dapprima ad Amsterdam e poi ad Amburgo. Ha anche dei clienti fissi: Corrado, che gli chiede di amarlo, e Marcello, che vorrebbe che diventasse il suo uomo a tempo pieno.

    Kurt ha anche il sogno di innamorarsi, ma non è semplice.

    Questo libro parla della sua vita, delle sue notti in piazza, dei suoi piccoli e grandi sogni, dei suoi viaggi e delle sue esperienze.

    L’autore usa questo linguaggio pseudo giovanile per cercare di ammiccare l’occhio ad un pubblico over 20, con la conseguenza di risultare del tutto patetico, assolutamente inutile poi i dialoghi tra lo spagnolo, il portoghese e l’inglese per rendere la trama più veritiera. La trama risulta del tutto insulsa, i pensieri di Kurt non sanno di niente ed in assoluto questo libro non ha nemmeno una riga che si salvi.

    Leggetelo, se siete all’aeroporto di Roma ed il vostro aereo è in ritardo di due ore. E’ quello che ho fatto io.

    ha scritto il 

  • 4

    Sulla scenario della prostituzione maschile si muovono vite e racconti di ragazzi che "fanno la vita".
    Personalmente ritengo che sia un continuo ricevere pugni nello stomaco.
    Buona lettura

    ha scritto il