Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Batman: The killing joke

By Alan Moore,Brian Bolland

(50)

| Paperback

Like Batman: The killing joke ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Supplemento a Corto Maltese n. 1/90

66 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    "Ecco tutta la distanza che passa tra me e il mondo: una brutta giornata."

    Is this helpful?

    BluVega said on Feb 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Però leggetela in lingua originale, vi prego, l'edizione italiana è piena di refusi.

    Is this helpful?

    Nessuno said on Jan 2, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Se non piace agli autori, un motivo ci sarà...

    Sarà che l'ho letto in inglese (con un po' di fatica per la prosa di Moore) sinceramente ho trovato un colpo basso scrivere le origini del Joker...
    Detto questo, grandissima caratterizzazione del Cavaliere Oscuro e ottimo plot cinematografico nei dis ...(continue)

    Sarà che l'ho letto in inglese (con un po' di fatica per la prosa di Moore) sinceramente ho trovato un colpo basso scrivere le origini del Joker...
    Detto questo, grandissima caratterizzazione del Cavaliere Oscuro e ottimo plot cinematografico nei disegni di Bolland, eppure è come se mancasse qualcosa, o come se ci fosse, nascosta da qualche parte, una nota stonata...
    Da rileggere.

    Is this helpful?

    Etrigan79 said on Oct 3, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Inquietante, sconvolgente. Turba veramente
    I disegni e i colori sono bellissimi. Non ne avevo mai visti così belli! Per non parlare dell'unico particolare colorato nelle pagine in black&white. Una graphic novel incredibile.

    Is this helpful?

    Sacajawea said on Jun 19, 2013 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    “Come possono due persone odiarsi tanto se nemmeno si conoscono?”

    “It’s fool to remain sane”. Così cantavano nella primavera-estate del 2001 il gruppo svedese “The Ark”.
    Bisogna essere folli per rimanere sani di mente, così dice il titolo di questa canzone…eh già, ci vuole proprio un pizzico di follia per r ...(continue)

    “It’s fool to remain sane”. Così cantavano nella primavera-estate del 2001 il gruppo svedese “The Ark”.
    Bisogna essere folli per rimanere sani di mente, così dice il titolo di questa canzone…eh già, ci vuole proprio un pizzico di follia per rimanere sani di mente al giorno d’oggi, in questo periodo di grande crisi culturale, antropologica, spirituale che ci sta investendo in pieno.
    Diciamocelo francamente, questa società fa schifo, basta guardarsi intorno per vedere solo ingiustizie, brutalità, ignoranza e allora ecco che coloro che si trovano in una posizione di forte disagio emotivo e culturale, impazziscono, facciano qualcosa di orribile, distruggendo inconsapevolmente la vita di altre persone(vedi caso Previti)
    Può accadere che un uomo, apparentemente normale, un uomo comune, uno come noi, come il nostro vicino di casa, il nostro venditore di fiducia un giorno, ormai saturo di tutto ciò che vede di sbagliato intorno a lui, impazzisca e diventi il simbolo del Male, il Joker.
    Evaso dal manicomio criminale, il più temibile dei nemici dell’uomo pipistrello rapisce il commissario Gordon, sparando allo stesso tempo all’amata figlia Barbara(Batgirl), costringendola per sempre a vivere su di una sedia a rotelle.
    Gordon viene portato in un Luna Park abbandonato dove viene sottoposto a ogni tipo di umiliazioni e di torture, a dimostrazione di come anche un uomo tutto d’un pezzo come il commissario possa diventare un pazzo come lui se sottoposto a ogni tipo di vessazione dalla vita.
    Ed ecco che contemporaneamente assistiamo a lunghi flashback che ci mostrano chi sia in realtà Joker, il suo passato da chimico fallito e da cabarettista di night ancor più fallito, un uomo finito, disperato, aggrappato a una vita che non lo vuole più solo per amore della moglie, che presto lo renderà padre per la prima volta.
    Sono loro la sua unica ragione di vita, ma quando muoiono entrambi a causa di un incidente, ecco che l’uomo dal dolore si trasforma nell’essere crudele che tutti noi conosciamo, la Nemesi di Batman, suo nemico giurato, nemico giurato dell’intera umanità ma simile a lui, simile a tutti quanti noi.
    Una di quelle storie che hanno cambiato l’immaginario collettivo di uno dei personaggi più amati dei fumetti, il folle e controverso Joker, il suo rapporto con Batman, un rapporto fatto di odio reciproco ma anche di attrazione reciproca, Joker altro non è che una visione deformata di Batman, la sua Nemesi appunto, il suo lato più oscuro.
    Colmando finalmente la lacuna sul passato di Joker, un uomo che ha fallito ogni obiettivo nella vita, Moore lo rende finalmente protagonista di una storia tanto triste quando dolce-amara, una storia che trova i suoi momenti clou nella spettacolare evasione dal carcere da parte di Joker, alla violenta irruzione a casa del commissario Gordon(un irruzione in stile “Arancia Meccanica”), ai terribili flashback sulla vita passata di Joker fino allo sconvolgente quanto triste finale.
    Alla fine Joker non fa più paura, Joker è uno di noi, un uomo che rivolge una feroce accusa contro una società che è direttamente responsabile della sua rovina, della sua follia, del suo essere criminale.
    Joker non ha altre alternative, non ha altri sbocchi, è un uomo messo con le spalle al muro, come molti di noi in questo particolare momento della nostra vita.
    Il suo è un modo per scappare da una realtà terribile che, prima o poi, l’avrebbe reso folle comunque, così come sta rendendo folli alcuni di noi.
    Meraviglioso il finale, con l’abbraccio tra i due sotto la pioggia, un abbraccio fra due uomini simili, due uomini frutto della stessa società menefreghista, vuota e superficiale.
    Batman è uno di noi, certo, ma anche Joker lo è, anzi, lui lo è molto di più.

    Is this helpful?

    Banshee said on May 9, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Uno dei fumetti più belli che abbia mai letto.

    Is this helpful?

    Hrocr said on Feb 6, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (50)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Paperback 48 Pages
  • ISBN-10: A000218421
  • Publisher: Rizzoli
  • Publish date: 1990-01-01
  • Also available as: Hardcover
  • In other languages: other languages English Books
Improve_data of this book