Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Bella da morire

Di

Editore: Bompiani

3.6
(37)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8845240258 | Isbn-13: 9788845240256 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature , Health, Mind & Body , Teens

Ti piace Bella da morire?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    ...e mezzo!

    "Sei bella così", dice mia mamma. "Ma sicuro, bella come una balena!"

    All'inizio dell'adolescenza anche io ero una ragazzina che non si sentiva bene con il proprio corpo e ovviamente, quando vidi questo libro tra gli scaffali, lo presi.
    Mostra il dramma che passa una persona quando s ...continua

    "Sei bella così", dice mia mamma. "Ma sicuro, bella come una balena!"

    All'inizio dell'adolescenza anche io ero una ragazzina che non si sentiva bene con il proprio corpo e ovviamente, quando vidi questo libro tra gli scaffali, lo presi.
    Mostra il dramma che passa una persona quando si ritrova in un corpo brutto, che non vuole, che neanche la società accetta...e la triste realtà dell'anoressia e di cosa si è capaci di fare per piacere.

    ha scritto il 

  • 3

    Romanzo sulla bulimia. La storia e il modo in cui è scritta è carina, si lascia leggere, ma non mi è piaciuto molto il modo leggero con cui questo libro tratta l'argomento dei disturbi alimentari: la protagonista diventa bulimica e dopo 2 mesi (circa...) guarisce perchè vede una sua amica (anores ...continua

    Romanzo sulla bulimia. La storia e il modo in cui è scritta è carina, si lascia leggere, ma non mi è piaciuto molto il modo leggero con cui questo libro tratta l'argomento dei disturbi alimentari: la protagonista diventa bulimica e dopo 2 mesi (circa...) guarisce perchè vede una sua amica (anoressica) in ospedale, perchè la sua mamma piange ed è preoccupata...beh, magari bastasse così poco per guarire da un disturbo alimentare...

    ha scritto il 

  • 4

    Come morire per la bellezza e salvarsi accettandosi

    Libro semplice e diretto, che racconta con semplicità il dramma adolescenziale del confronto con un aspetto fisico che non piace. La protagonista non sopporta i suoi chili di troppo e decide di provvedere, aiutata dal cattivo esempio: la più bella della scuola, la ragazza invidiata, col ragazzo f ...continua

    Libro semplice e diretto, che racconta con semplicità il dramma adolescenziale del confronto con un aspetto fisico che non piace. La protagonista non sopporta i suoi chili di troppo e decide di provvedere, aiutata dal cattivo esempio: la più bella della scuola, la ragazza invidiata, col ragazzo fantastico... la ragazza con uno scheletro nell'armadio più grande di lei, fatto di digiuni e corse in bagno quando mangia, fino a finire in ospedale, ancora ossessionata da una realtà che vede solo deformata (ingrandita) allo specchio. La protagonista prova a seguire la sua strada, attratta dal risultato finale, ma non perde la ragione, riesce a fermarsi in tempo, comprendendo che, in fondo, qualche chilo in più o in meno non fa nessuna differenza.

    ha scritto il 

  • 0

    Letto in prima media: non ero ancora in grado di comprendere del tutto le problematiche di cui trattava. Peccato che l'avessi preso in biblioteca, perché mi piacerebbe averlo: pur avendomi impressionata, mi è stato utile nel corso del tempo.

    ha scritto il 

  • 4

    Lo consiglio a tutte quelle ragazzine che si sentono nè carne nè pesce, che guardano il loro riflesso nello specchio ma non riescono a vedere quello che vorrebbero, a quelle che la battuta cattiva l'hanno dovuta mandar giù...con la speranza che si sentano meno sole (si, è successo quasi a tutte) ...continua

    Lo consiglio a tutte quelle ragazzine che si sentono nè carne nè pesce, che guardano il loro riflesso nello specchio ma non riescono a vedere quello che vorrebbero, a quelle che la battuta cattiva l'hanno dovuta mandar giù...con la speranza che si sentano meno sole (si, è successo quasi a tutte) e che possano un giorno vedere riflessa la loro anima in quel dannato specchio ed amarla così com'è, senza volerla cambiare.

    (Una fiduciosa che crede ancora che qualcuno si innamorerà della sua).

    ha scritto il 

  • 4

    L'ho letto molto tempo fa, ma devo dire che lo ricordo quasi chiaramente.
    E' scritto molto semplicemente. Ricordo che, quando lo vidi tra gli scaffali della biblioteca, limitandomi alla copertina, ho pensato fosse un pò una stupidata, ; che parlasse di una ragazzina cicciotta che aveva le f ...continua

    L'ho letto molto tempo fa, ma devo dire che lo ricordo quasi chiaramente.
    E' scritto molto semplicemente. Ricordo che, quando lo vidi tra gli scaffali della biblioteca, limitandomi alla copertina, ho pensato fosse un pò una stupidata, ; che parlasse di una ragazzina cicciotta che aveva le fisse per assomigliare a una velina.
    Leggendo invece, ci si può avvicinare a comprendere almeno in minima parte cosa sia l'anoressia, quanto sia una malattia carogna, che prende psicologicamente e logora.
    Che rende schiavi di abitudini morbose, e fa vedere ciò che non c'è.

    ha scritto il