Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Benito Cereno

I grandi della narrativa, 8

Di

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso (La biblioteca di Repubblica)

3.7
(581)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 111 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Tedesco , Catalano

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Massimo Bacigalupo ; Prefazione: Giancarlo De Cataldo

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , History , Travel

Ti piace Benito Cereno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Benito Cereno si presta a una serie di domande che trascendono i limiti del tempo in cui fu scritto, e continua a porci quelle domande, alle quali l'America ha trovato finalmente risposta, e che per noi sono diventate, da qualche anno a questa parte, angoscia quotidiana. La questione non è da che parte sta Melville, ma da che parte stiamo noi. Stiamo con lo stolido capitano yankee, con l'hidalgo che non accetterà mai la natura umana dello schiavo, o con il ribelle, demoniaco Babo?

Dall'introduzione di Giancarlo De Cataldo
Ordina per
  • 2

    Tralascio la PESSIMA sinossi di Anobii, praticamente uno spoiler.
    Si vede che Melville ha fatto il marinaio, immagino sapesse trarre un libro anche da una vasca da bagno.
    Benito Cereno, un capitano sp ...continua

    Tralascio la PESSIMA sinossi di Anobii, praticamente uno spoiler.
    Si vede che Melville ha fatto il marinaio, immagino sapesse trarre un libro anche da una vasca da bagno.
    Benito Cereno, un capitano spagnolo che rinascerà poi centrocampista brasiliano, è il protagonista di una storia che sfocia nel mistery, sebbene resti sempre credibile.
    Nelle fasi finali, alla risoluzione del mistero, il libro cala parecchio. Non lo consiglio, c'è molto di meglio nel reparto "avventure sul mare".

    ha scritto il 

  • 3

    Amasa Delano

    Don Benito e il suo comportamento schivo e offensivo, privo di educazione e buone maniere, cosa nascondono?

    un libro che non mi ha lasciato molto... ma la storia è curiosa, e quando si comincia si vu ...continua

    Don Benito e il suo comportamento schivo e offensivo, privo di educazione e buone maniere, cosa nascondono?

    un libro che non mi ha lasciato molto... ma la storia è curiosa, e quando si comincia si vuole sapere dove va a parare.

    corto e ben scritto, godibile.

    ha scritto il 

  • 4

    Fidarsi è rischioso, non fidarsi lo è di più.

    Più rischioso ancora è non leggersi l’opera omnia di Melville, compresi i diari di viaggio, le lettere agli amici e gli appunti a inchiostro sui polsini. Oh, non chiedete mai niente su Melville e i su ...continua

    Più rischioso ancora è non leggersi l’opera omnia di Melville, compresi i diari di viaggio, le lettere agli amici e gli appunti a inchiostro sui polsini. Oh, non chiedete mai niente su Melville e i suoi libri, sarebbe così stupido rovinarsi il piacere di finire impreparati e ansiosi nei suoi naufragi, nelle sue tempeste, nelle sue secche, nei suoi insabbiamenti, nei suoi ammutinamenti, nel suo maelstrom, nel ventre di balena della sua letteratura.

    ha scritto il 

  • 5

    Herman Melville “Benito Cereno”: una tranquilla giornata di paura a bordo di un vascello in difficoltà, quasi fantasma. Bianchi e negri, buoni e cattivi, menzogna e falsità, la vittima e il suo carnef ...continua

    Herman Melville “Benito Cereno”: una tranquilla giornata di paura a bordo di un vascello in difficoltà, quasi fantasma. Bianchi e negri, buoni e cattivi, menzogna e falsità, la vittima e il suo carnefice. Carta perde carta vince. E tu sei lì, sul ponte di coperta, davanti al tavolinetto con le tre carte che si sposteranno, si scavalcheranno, si confonderanno. Carta perde carta vince. Tutto è chiaro all'inizio. La Malasorte, è la carta buona, è sulla destra, ne sei sicuro, continui a fissarla per non perderla. Al tuo fianco osservi Delano, il comandante americano, positivo, buono, altruista, salito a bordo per portare soccorso. Vedete tutti e due la stessa cosa, la medesima realtà: La Malasorte, è sulla destra, con a fianco, al centro del tavolinetto, la carta con il Signorino Spagnolo, Benito Cereno, il comandante della nave ospitante. Alla sua sinistra, vicino, molto vicino, l'ultima carta, il Diavolo, il negro Babo, suo fedele servitore. Il conduttore, attorniato dai compari, inizia allora il suo spettacolo. Uno due tre passaggi, subito le prime puntate, e tutto è già non più chiaro. E La Malasorte? Ti senti perso. Guardi di sbieco Delano, al tuo fianco. A volte sembra seguire l'azione, a volte ha lo sguardo come perso in quel mare pesante, immobile, che tutto circonda, dalla superficie metallica, plumbea, che i dubbi che lo assalgono non riescono a penetrare, per affondare. Sembrano sparire ma poi riappaiono, come un galleggiante di una lenza, per tutto il corso della narrazione, fino all'epilogo, quando solamente una seconda voce narrante svelerà sotto quale delle tre carte è rimasta nascosta la verità, la Malasorte, l'ennesima tragedia contro cui, come in “Billy Budd”, ogni cosa sarebbe stata inutile. Per Melville la realtà è orribile, come è orribile l'Uomo, lasciato in balìa, o piuttosto in malìa, della sua stessa cattiveria e disumanità, in un tempo sospeso, eterno, dove tutto è inevitabile ripetizione. Neppure la natura benigna appare in grado, minimamente, di intervenire per modificare il corso delle cose. Anzi, sembra che non se ne preoccupi affatto, rimane sullo sfondo, immobile e sorniona, stanca e sfiduciata, ad osservare il nostro misero eterno teatrino, carta perde carta vince, carta perde carta vince … o no?

    ha scritto il 

  • 3

    Mare. Calma piatta. Una nave in stato di semi abbandono viene avvistata e il capitano sale a bordo per scoprire cosa sia successo. Glielo racconterà Benito Cereno...per ben due volte.
    Un piccolo roman ...continua

    Mare. Calma piatta. Una nave in stato di semi abbandono viene avvistata e il capitano sale a bordo per scoprire cosa sia successo. Glielo racconterà Benito Cereno...per ben due volte.
    Un piccolo romanzo che invita a superare le apparenze e, per i tempi, di denuncia.
    Tre e mezzo.

    ha scritto il 

  • 3

    Decisamente il linguaggio è troppo ampolloso per i miei gusti, ma il messaggio interessante riguarda il rischio che la fiducia di cui sono armati gli ingenui impedisca di vedere l'evidenza della realt ...continua

    Decisamente il linguaggio è troppo ampolloso per i miei gusti, ma il messaggio interessante riguarda il rischio che la fiducia di cui sono armati gli ingenui impedisca di vedere l'evidenza della realtà che pure è sotto i loro occhi: principio da tenere ben presente ancor più ai tempi nostri!

    ha scritto il 

  • 4

    Come ogni classico che si rispetti, anche questo romanzo breve di Melville è di una attualità disarmante. Nonostante sia passato più di un secolo, ancora il mondo non ha superato la paura e la diffide ...continua

    Come ogni classico che si rispetti, anche questo romanzo breve di Melville è di una attualità disarmante. Nonostante sia passato più di un secolo, ancora il mondo non ha superato la paura e la diffidenza nei confronti del diverso e penso mai lo farà.

    ha scritto il 

Ordina per