Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Berlin. La città di fumo vol. 2

Di ,

Editore: Coconino Press

4.0
(151)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 216 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8876181202 | Isbn-13: 9788876181207 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Comics & Graphic Novels , History

Ti piace Berlin. La città di fumo vol. 2?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Continua la rappresentazione della Germania tra le due guerre: dopo il disastroso corteo del primo maggio del 1929, con cui si conclude il primo volume della serie, aumentano le tensioni a Berlino. La città vive un periodo drammatico e stimolante allo stesso tempo: le camicie brune, la vita notturna, il crescente antisemitismo, lo scontro tra comunisti e nazionalsocialisti, l’arrivo del jazz, le grandiose feste da ballo. E, all’orizzonte, il minaccioso avanzare del secondo conflitto mondiale.
Ordina per
  • 3

    Sopravvalutato - vol. 2

    Vale lo stesso discorso fatto per il primo volume di questo libro: mi aspettavo molto di più da questa graphic novel. Il tratto è gradevole e in effetti adeguato all'epoca, ma il libro nel suo insieme non è nulla di speciale né sotto il profilo storico e nemmeno sotto quello sociale né dell'anali ...continua

    Vale lo stesso discorso fatto per il primo volume di questo libro: mi aspettavo molto di più da questa graphic novel. Il tratto è gradevole e in effetti adeguato all'epoca, ma il libro nel suo insieme non è nulla di speciale né sotto il profilo storico e nemmeno sotto quello sociale né dell'analisi dei personaggi.
    Insomma: sopravvalutato.

    ha scritto il 

  • 3

    Ritmo lento, sembra un libro intermedio in attesa di un finale. Coerente con il primo volume di cui porta avanti le storie, sempre bello il disegno ma ho trovato la storia faticosa nello sviluppo.

    ha scritto il 

  • 4

    Il secondo volume di City of smoke non ha niente da invidiare al precedente. E spero che Lutes decida di farmi dire la stessa cosa per un terzo...
    Difficoltà e tensioni della repubblica di Weimar sono incarnate in personaggi appartenenti ad ambiti, sociali economici religiosi, diversi e res ...continua

    Il secondo volume di City of smoke non ha niente da invidiare al precedente. E spero che Lutes decida di farmi dire la stessa cosa per un terzo...
    Difficoltà e tensioni della repubblica di Weimar sono incarnate in personaggi appartenenti ad ambiti, sociali economici religiosi, diversi e resi in modo contemporaneamente lucido e appassionato.
    Un romanzo grafico di ambientazione storica da maestro. Letteralmente, se insegnassi storia lo userei a scuola.

    ha scritto il 

  • 4

    L'alba nera di Berlino

    Migliore del I a mio avviso.
    I personaggi crescono e gli eventi cominciano a prendere forma.

    La mia recensione
    http://opinionista.noblogs.org/post/2011/01/13/berlin/

    ha scritto il 

  • 3

    Rispetto al primo volume le situazioni di questo sono molto più complesse e ingarbugliate. Si inizia a vedere come tutto iniziò a divenire troppo complicato per essere compreso facilmente. Il tratto mi pare meno curato che nel volume precedente ma non mancano bellissime tavole che fanno aprire la ...continua

    Rispetto al primo volume le situazioni di questo sono molto più complesse e ingarbugliate. Si inizia a vedere come tutto iniziò a divenire troppo complicato per essere compreso facilmente. Il tratto mi pare meno curato che nel volume precedente ma non mancano bellissime tavole che fanno aprire la bocca di ammirazione e stupore.
    Attendo il terzo a questo punto, anche se temo che dovrò attendere a lungo...

    ha scritto il 

  • 4

    Ma i traduttori li pagano un tanto al chilo??
    Quando perfino io mi accorgo che con la traduzione c'è qualcosa che non va è davvero grave, perchè fa perdere punti (e in questo caso una stellina) ad un'opera del genere, che è davvero notevole.
    Frasi che non quadrano, refusi anche molto ...continua

    Ma i traduttori li pagano un tanto al chilo??
    Quando perfino io mi accorgo che con la traduzione c'è qualcosa che non va è davvero grave, perchè fa perdere punti (e in questo caso una stellina) ad un'opera del genere, che è davvero notevole.
    Frasi che non quadrano, refusi anche molto gravi (tanto da farsi domandare se il traduttore sia lo stesso del primo volume e se il primo volume l'abbia quanto meno letto). E perchè lasciare i nomi originali delle città tedesche (non è per nazionalismo, ma leggere "Vado a Stuttgart", "Vengo da Koeln", "Sono stato convocato a Leipzig" mi suona di un male...) e scrivere poi Berlino al posto di Berlin, che è il titolo originale dell'opera? Ignoranza del traduttore? Nessun controllo successivo?
    Male per la Coconino, che si fa pure pagare fior di soldoni, consiglio a tutti la lettura in inglese. Magari ci si perde qualcosina, ma almeno non si viene presi per scemi.

    ha scritto il 

  • 4

    Molto bello, come il primo. Si continuano a seguire le vicende di alcuni dei protagonisti del primo volume. La narrazione affronta molti aspetti: la politica, il giornalismo, la vita quotidiana, l'ascesa del partito nazionalsocialista, la crisi economica del 1929...

    ha scritto il