Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Bestiario

Di

Editore: Einaudi (Nuovi Coralli 97)

4.1
(898)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 121 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Portoghese

Isbn-10: 8806402870 | Isbn-13: 9788806402877 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Flaviarosa Rossini Nicoletti

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Bestiario?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Caro Lettore non sono qui per presentarti in modo accademico un autore qualsiasi.
    Cortàzar è uno di quegli scrittori che può stravolgere il tuo modo di vedere il mondo; regala degli occhiali anche al ...continua

    Caro Lettore non sono qui per presentarti in modo accademico un autore qualsiasi.
    Cortàzar è uno di quegli scrittori che può stravolgere il tuo modo di vedere il mondo; regala degli occhiali anche al più miope dei lettori e lo rende capace di percepire qualcosa che va oltre il proprio piccolo e apparentemente confortevole universo.
    Ti dico, leggi Cortàzar, leggi "bestiario", leggi "tanto amore per glenda", leggi tutti i racconti, le poesie, leggi "Rayuela".
    Gustati ogni racconto come se fosse un cioccolatino ripieno di liquore caldo, proprio perché il fulcro di Cortàzar è lo stesso di una sbronza, quando sei seduto immerso nella lettura non ti accorgi di quanto ti stia invadendo quella piccola storia, ma quando ti alzi e rifletti, barcolli: i personaggi inizieranno a popolare i tuoi sogni più intimi, alcuni periodi diventeranno ricorrenti come una preghiera ossessiva e allora non vedrai l'ora, lettore, di incontrare un altro come te, condividerete le medesime ossessioni e leggerai la tua stessa luce nei suoi occhi e ti accoglierà un caldo sorriso di risposta quando dirai "chissà come sarebbe vomitare un coniglietto".

    ha scritto il 

  • 4

    Alcuni racconti sono più accessibili e piacevoli, altri meno. Tuttavia il libro è davvero interessante e unico.

    I racconti preferiti? Circe e Bestiario.

    Da segnalare l'appendice Alcuni aspetti del rac

    ...continua

    Alcuni racconti sono più accessibili e piacevoli, altri meno. Tuttavia il libro è davvero interessante e unico.

    I racconti preferiti? Circe e Bestiario.

    Da segnalare l'appendice Alcuni aspetti del racconto che per certi versi è davvero illuminante. Da consigliare a chiunque si avvicini al mestiere dello scrittore di racconti brevi!

    ha scritto il 

  • 4

    Ho preferito i racconti di "Ottaedro", più efficaci e maturi, per quanto anche questa raccolta per me contenga piccole gemme d'assurdo e d'inquietudine degne d'esser ricordate: "Bestiario" (bellissimo ...continua

    Ho preferito i racconti di "Ottaedro", più efficaci e maturi, per quanto anche questa raccolta per me contenga piccole gemme d'assurdo e d'inquietudine degne d'esser ricordate: "Bestiario" (bellissimo, il mio preferito), "Circe" e "Casa occupata", su tutti.

    ha scritto il 

  • 4

    Bestiario

    « Ogni racconto durevole è come il seme in cui sta dormendo l’albero gigantesco. Quell’albero crescerà in noi, farà ombra nella nostra memoria. »
    “Alcuni aspetti del racconto” Julio Cortázar

    In quest ...continua

    « Ogni racconto durevole è come il seme in cui sta dormendo l’albero gigantesco. Quell’albero crescerà in noi, farà ombra nella nostra memoria. »
    “Alcuni aspetti del racconto” Julio Cortázar

    In questo libro ci sono otto racconti che apparentemente parlano del quotidiano ma riservano sorprese inquietanti, quando meno te lo aspetti ti catapultano in una dimensione parallela di incubo o rivelazione.
    Consigliato.
    Buona lettura.

    ha scritto il 

  • 4

    Solo che uno non si mette a spiegare alla gente

    Non gliene avevo mai detto niente, non per slealtà creda, solo che uno non si mette a spiegare alla gente che di tanto in tanto vomita un coniglietto. Poichè mi è sempre capitato mentre ero solo, tene ...continua

    Non gliene avevo mai detto niente, non per slealtà creda, solo che uno non si mette a spiegare alla gente che di tanto in tanto vomita un coniglietto. Poichè mi è sempre capitato mentre ero solo, tenevo la cosa per me, come ci si tengono per sé le prove di tante cose che accadono (o facciamo accadere) nell'assoluta initimità. Non mi rimproveri per questo, Andrée, non mi rimproveri. Di tanto in tanto mi capita di vomitare un coniglietto. Non è una buona ragione per non vivere in una qualsiasi casa, non è una buona ragione perchè uno debba vergognarsi e restare isolato e continuare a tacere.

    ha scritto il 

  • 5

    E' uno scrittore paziente, che espone con calma e con un ritmo molto personale i suoi personaggi, che ci imprigioneranno nell'incredibile, ma tanto, tanto, reale.

    ha scritto il 

Ordina per