Bevo grappa

Di

Editore: Todaro Editore

3.7
(18)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 121 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8886981856 | Isbn-13: 9788886981859 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Mistero & Gialli

Ti piace Bevo grappa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Flaminia, che vive con la sua famiglia ai margini di una Brianza benestante, è determinata a condurre una vita assolutamente normale. Massimo si muove con leggerezza in un'esistenza sregolata e irresponsabile, mantenuto dalle facoltose clienti della sua presunta "agenzia investigativa". Il caso porta nella loro vita un vero delitto da risolvere: l'omicidio di due ragazzi, apparentemente solo sfortunate vittime di una rapina. L'indagine si alterna a momenti di vita quoridiana, in una vicenda dominata dal perenne conflitto tra lo sguardo ironico e razionale di flaminia e l'egoismo narcisista di Massimo.
Ordina per
  • 3

    Ottimo romanzo d'esordio di Paola Sironi, "Bevo grappa" è il ritratto della provincia lombarda, attraverso gli occhi di Flaminia, perito informatico e voce narrante del romanzo, la quale si trova invi ...continua

    Ottimo romanzo d'esordio di Paola Sironi, "Bevo grappa" è il ritratto della provincia lombarda, attraverso gli occhi di Flaminia, perito informatico e voce narrante del romanzo, la quale si trova invischiata, suo malgrado, in un'indagine di un duplice omicidio. Flaminia lavora in una banca e il ragazzo è uno studente universitario di Giurisprudenza, ma è un'assidua frequentatrice dei centri sociali, dove beve grappa e ogni tanto si fa uno spinello. Per contro, snobba le discoteche, tanto che si deve far spiegare dai colleghi più giovani che cosa sia uno 'schiuma-party'. L'omicidio è solo un pretesto per introdurre uno spaccato di vita quotidiana.
    Curiosa di leggere le sue prossime opere.

    ha scritto il 

  • 4

    Uno spicchio di vita metropolitana attraverso una prosa arguta e profonda

    Flaminia è un tecnico informatico, come l’autrice. Vive con i suoi fratelli in una casa popolare e si reca tutti i giorni a Milano presso l’azienda dove lavora. Uno dei suoi fratelli fa l’investigator ...continua

    Flaminia è un tecnico informatico, come l’autrice. Vive con i suoi fratelli in una casa popolare e si reca tutti i giorni a Milano presso l’azienda dove lavora. Uno dei suoi fratelli fa l’investigatore privato e viene coinvolto in un’indagine su un duplice omicidio.

    L’autrice dipinge un quadro della vita contemporanea molto intelligente, in particolar modo le fetta sofferta nella sussistenza metropolitana. Il thriller è un pretesto per costruire una vicenda sagace, talvolta grottesca e ricca di humor, spesso amaro.
    Come protagonisti viene scelto un insolito e inedito quartetto di fratelli, occasionalmente coadiuvati dal compagno o compagna di turno. La magia della scrittura sa cogliere verità spiritose della vita familiare.

    ha scritto il 

  • 4

    Il mondo di Flam

    Ho apprezzato molto la capacità dell'autrice di portarti dentro al mondo di questa protagonista insolita. Se non si trattasse dell'interland milanese, verrebbe da dire una khasba nella quale si incroc ...continua

    Ho apprezzato molto la capacità dell'autrice di portarti dentro al mondo di questa protagonista insolita. Se non si trattasse dell'interland milanese, verrebbe da dire una khasba nella quale si incrociano con nonchalanche arguta: neolaureandi, esperti informatici, sciroccati e apprendisti investigatori. L'io narrante di Flam è il domatore delle tigri nella gabbia. Un domatore paziente e disponibile, incline alle relazioni personali e agli affetti familiari più di quanto l'identikit del suo mestiere non dovrebbe consentirle. La conclusione del giallo, semmai, avrebbe meritato un'elaborazione più generosa. Il lettore ci si trova dentro che è già troppo tardi ... avrebbe avuto voglia di continuare a frequentare il mondo di Flam.

    ha scritto il 

  • 0

    Bevo Grappa e' un libro unico nel suo genere. Ci porta infatti a Milano e nella sua periferia apparentemente piu' ricca, la Brianza. La storia e' narrata con spontaneita', tanto che sembra di sentirla ...continua

    Bevo Grappa e' un libro unico nel suo genere. Ci porta infatti a Milano e nella sua periferia apparentemente piu' ricca, la Brianza. La storia e' narrata con spontaneita', tanto che sembra di sentirla raccontare da Flaminia in persona.

    http://ghettodeilettori.blogspot.com/2010/09/bevo-grappa-paola-sironi-giudizio-4.html

    Vittoria A. ha anche intervistato Paola Sironi, l'autrice del noir, agli indirizzi
    http://ghettodeilettori.blogspot.com/2010/09/intervista-paola-sironi-autrice-di-bevo.html
    http://www.lastambergadeilettori.com/2011/11/intervista-paola-sironi-autrice-di.html

    ha scritto il 

  • 4

    Voto 7 più

    In assoluto, sarebbero tre stellette e mezzo. Ma nel relativo - trattandosi cioè di opera prima - ne merita quattro, perché anche questa è una rara opera prima ben riuscita.
    Si tratta di un giallo ati ...continua

    In assoluto, sarebbero tre stellette e mezzo. Ma nel relativo - trattandosi cioè di opera prima - ne merita quattro, perché anche questa è una rara opera prima ben riuscita.
    Si tratta di un giallo atipico, un giallo per interposta persona, che entra di sbieco in una storia per così dire "mainstream" profondamente radicata in questo mondo. E' vero che la famiglia Malesani, di cui fa parte l'io narrante Flaminia, è un po' particolare come composizione (tre fratelli e una sorella, molto giovani, rimasti insieme dopo la morte dei genitori), ma da un punto di vista caratteriale e comportamentale rispecchia in maniera estremamente realistica il nostro tempo. Su e giù da treni e metro, alcool e canne, un mix infernale di egoismo e altruismo. Vite in cui si naviga a vista, senza mappe e senza certezze.
    Il delitto, seppure trasversale alla narrazione - noi coinvolgendo direttamente i protagonisti - è anch'esso lo specchio di un tempo gramo, in cui ciò che conta è solo l'utile.
    Ho particolarmente apprezzato l''eccellente capacità dell'autrice di descrivere la realtà sociale che ci circonda.

    ha scritto il