Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Biancaneve

By Donald Barthelme

(351)

| Softcover | 9788875211127

Like Biancaneve ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

La Biancaneve di Barthelme è una donna annoiata, che scrive poesie erotiche, ha una difficile relazione col suo psichiatra, studia letteratura italiana e, in attesa che arrivi il principe azzurro, vive intanto in una comune hippy con sette uomini. Do Continue

La Biancaneve di Barthelme è una donna annoiata, che scrive poesie erotiche, ha una difficile relazione col suo psichiatra, studia letteratura italiana e, in attesa che arrivi il principe azzurro, vive intanto in una comune hippy con sette uomini. Donald Barthelme stupì il mondo letterario americano e internazionale quando, esattamente quarant'anni fa, pubblicò questo suo primo romanzo.

46 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    A cosa pensa Biancaneve? Nessuno lo sa.
    E’ una governante stretta in una morsa dall’insoddisfazione. Annoiata, lunatica, irrazionale e costantemente assorta nei suoi pensieri, scrive lunghe poesie oscene e sembra non abbia alcun problema a starsene u ...(continue)

    A cosa pensa Biancaneve? Nessuno lo sa.
    E’ una governante stretta in una morsa dall’insoddisfazione. Annoiata, lunatica, irrazionale e costantemente assorta nei suoi pensieri, scrive lunghe poesie oscene e sembra non abbia alcun problema a starsene un po’ per conto suo, rimirandosi nuda nello specchio o lasciando correre fuori dalla finestra i lunghi, splendidi capelli corvini. Abituati alla sua compagnia in una quotidiana coesistenza decisamente “promiscua” (ma torbida rende meglio l’idea), i suoi sette coinquilini – paranoici e formalissimi individui, più che i paciosi nanetti della fiaba dei Grimm – cominciano ad “avere in uggia” la cosa e la loro inziale preoccupazione comincia a tendere a un aperto nervosismo, almeno da parte di Bill. Che è sì il leader del gruppo, ma un leader in declino, schiacciato da troppi tormenti (morali e non solo), logorato dallo scetticismo e quindi più somigliante a un monaco, polemico e disincantato. Assieme ai fratelli Kevin, Edward, Hubert, Henry, Clem e Dan, campa confezionando omogeneizzati di carne cinesi dai nomi improbabili, lavando palazzi (perché i palazzi puliti “riempiono gli occhi della luce del sole, e il cuore dell’idea che l’uomo sia perfettibile”) ma anche di piaceri sottili come l’osservare le ragazze in strada, o di piccoli espedienti come rubacchiare in casa dell’”amico di famiglia” Paul, pretestuoso artista monominimista che parrebbe avere un notevole ascendente su Biancaneve. Quest’ultima si fa ogni giorno più criptica e insofferente, sempre meno appagata dalle sue mansioni collaterali di svago carnale per i compagni e frustrata per l’incapacità di andare più a fondo nelle relazioni con l’altro sesso. Il misero fallimento di una sua provocazione, alla maniera di Raperonzolo più che della Biancaneve classica, la persuaderà circa l’impossibilità di incontrare nel desolante teatro contemporaneo qualcuno che abbia anche solo vagamente fattezze e condotta da principe, con il conseguente deteriorarsi di ogni rapporto umano nella sua sfera d’influenza.

    Barthelme confonde costantemente i riferimenti, ubriaca il punto di vista del lettore servendosi di depistaggi e divergenze del senso, salvo adottare poi inattese corrispondenze incrociate tra pensieri di personaggi diversi, quasi a simulare danze sensuali o rituali di corteggiamento del tutto immaginari. Prime e terze persone si rincorrono in un affannoso gioco di specchi, e plurali o singolari non fa certo differenza se capita di imbattersi in pagine di strabiliante poesia come il capolavoro di auto deprezzamento regalato dal disilluso Bill/Brontolo a una Biancaneve poco attenta alle sue angosciate riflessioni, per non parlare del monologo interiore imbevuto di misoginia dello scellerato Hogo De Bergerac. In una prospettiva antinarrativa come quella perseguita dall’autore in questo pastiche, tra morbide invettive e falsi spunti documentaristici sulla cultura e la società statunitensi, inserti-caricatura d’argomento psicologico e fumose digressioni in flash-forward, è inevitabile che sia affidato al nonsense il compito di tenere assieme una narrazione ironica e cerebrale quanto sfilacciata, e non può stupire che Barthelme strizzi spesso e volentieri l’occhio ai suoi lettori attraverso tutta una serie di dispositivi meta testuali d’avanguardia (all’epoca, in linea con il clima di accesa sperimentazione del periodo), tra cui un questionario sulla fruizione stessa piazzato grossomodo a metà del tragitto come stimolo e presa in giro. Il risultato è un’opera completamente folle, la rilettura di un classico che definire libera è puro eufemismo. Originale, a tratti divertente, ma poco incisiva nella sua burlesca negazione di qualsivoglia appiglio strutturale. Inutile girarci attorno: è innegabile che buona parte di questa cervellotica pirotecnia retorica sia destinata ad andare perduta con la traduzione, pure valida. E’ un limite insormontabile per un visionario postmodernista della parola quale Barthelme è stato, nell’accezione più pop e irriverente che possiate immaginare. In fin dei conti la sua scrittura – e quest’opera in particolare – può rappresentare un’avventura stimolante, se la disposizione d’animo e la fame creativa sono quelle giuste. Viceversa, potrebbe essere un’esperienza alquanto terribile. It’s up to you!

    Is this helpful?

    Seashanty said on Apr 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Che succede se...lascio perdere e mi annoio con qualcos'altro...

    Poca sostanza e molti ghirigori.

    (Senza l'introduzione di Bariani forse non mi sarei nemmeno spinta fino a pagina 86.)

    Is this helpful?

    Sara said on Feb 2, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un'allegoria psichedelica

    La Biancaneve di Barthelme è un'allegoria psichedelica, la quale - in chiave ironico/grottesco - vuole dimostrare, tramite i protagonisti (presi SOLAMENTE in "prestito" dalla favola dei fratelli Grimm), che il grande sogno americano non esiste...che ...(continue)

    La Biancaneve di Barthelme è un'allegoria psichedelica, la quale - in chiave ironico/grottesco - vuole dimostrare, tramite i protagonisti (presi SOLAMENTE in "prestito" dalla favola dei fratelli Grimm), che il grande sogno americano non esiste...che non esiste nessun sogno.

    Is this helpful?

    frasfereculturali said on Dec 27, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    BIANCANEVE

    La favola c’è tutta. Ci sono Biancaneve i sette nani il principe e la cattiva matrigna. E soprattutto c’è un fantastico Donald. Consiglio la lettura di Barthelme, iniziando da questa opera. Hei-hò

    Is this helpful?

    Gabriele said on Jun 4, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bruciavo nella fornace della mia ambizione come in un inferno. La ragione, tu dicesti, era che avevo letto il libro sbagliato.

    Is this helpful?

    Luca Leone said on Jan 18, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (351)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Softcover 237 Pages
  • ISBN-10: 8875211124
  • ISBN-13: 9788875211127
  • Publisher: Minimum Fax (Minimum classics, 19)
  • Publish date: 2007-04-01
  • Also available as: Paperback
Improve_data of this book

Margin notes of this book