Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Big Baby

Di

Editore: Coconino Press

3.8
(86)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 100 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese

Isbn-10: 8876181318 | Isbn-13: 9788876181313 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Irene Bozzeda

Genere: Comics & Graphic Novels , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Big Baby?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Tony Delmonte è un bambino timido e impressionabile. Vive in un tipico quartiere residenziale americano, e la sua vita scorre tranquilla fino a che, un giorno, esce dalla sua stanza e incontra l’orrore. Si troverà invischiato in una trama terrificante che include misteriosi omicidi che avvengono nei campeggi estivi, cadaveri sepolti nei giardini del retro di apparentemente innocue villette a schiera. Un ennesimo capolavoro di Burns, che continua la sua inquietante esplorazione del quotidiano, alla ricerca degli aspetti più disturbanti e, allo stesso tempo, affascinanti della vita di tutti i giorni. Con un occhio allo stile classico del fumetto e un’attenzione filologica a tutto quello che è stata la letteratura pulp del secolo scorso, Burns ci mostra, con feroce umorismo e crudeltà, la fragilità e la peculiarità dell’adolescenza.
Ordina per
  • 5

    In un estate dei primi anni Ottanta, in vacanza in Italia ci sono Art Spiegelman e Charles Burns. La moglie di Burns in quel periodo lavora per l’Università Americana di Roma. Stanno in una casa sul mare che alcuni amici hanno prestato a Art. Prestato... dicono che lui sia sempre stato un tipo pa ...continua

    In un estate dei primi anni Ottanta, in vacanza in Italia ci sono Art Spiegelman e Charles Burns. La moglie di Burns in quel periodo lavora per l’Università Americana di Roma. Stanno in una casa sul mare che alcuni amici hanno prestato a Art. Prestato... dicono che lui sia sempre stato un tipo parsimonioso. Tipo, in quel periodo dei ragazzi appassionati di fumetti avevano fondato un’ agenzia a Milano, che si occupava di fumetti e si chiamava StorieStrisce: loro hanno portato e venduto in Italia (a Linus) il Maus di Spiegelman, e lui per il lavoro di agenzia li ha pagati con un mucchio di copie di Raw. Mica soldi. Comunque, insomma: in quel periodo Burns è in Italia con lui. Va alle fiere del fumetto, fa il simpatico, entra in un gruppo di cartoonist italiani che è rimasto il migliore degli ultimi venticinque anni: Valvoline. Ma non è questo il motivo per cui i suoi fumetti ci piacciono. È che sono bellissimi. Questa è una raccolta di racconti anche vecchi, che danno punti al 90% della roba che trovate in una qualsiasi libreria.

    MICHELE SERRAMANICO

    ha scritto il 

  • 3

    L'inquietudine di Charles Burns descrive l'adolescenza e tutte le problematiche relative a questo periodo della vita. Le tavole sono come sempre fantastiche (ma ti deve piacere lo stile di Burns, molto particolare), i tre racconti - per tacer del brevissimo racconto introduttivo - vanno in cresce ...continua

    L'inquietudine di Charles Burns descrive l'adolescenza e tutte le problematiche relative a questo periodo della vita. Le tavole sono come sempre fantastiche (ma ti deve piacere lo stile di Burns, molto particolare), i tre racconti - per tacer del brevissimo racconto introduttivo - vanno in crescendo.

    ha scritto il 

  • 3

    il segno netto è il motivo per cui mi avvicinai a black hole, dello stesso autore. E non mi piacque. La trama non reggeva la perizia del disegno, troppo pulp. Big baby invece è bello. Il bambino immagina infernali creature fumettistiche attorno a sè, mentre è circondato da mostri veri, adulti vio ...continua

    il segno netto è il motivo per cui mi avvicinai a black hole, dello stesso autore. E non mi piacque. La trama non reggeva la perizia del disegno, troppo pulp. Big baby invece è bello. Il bambino immagina infernali creature fumettistiche attorno a sè, mentre è circondato da mostri veri, adulti violenti, abusi, omicidi: i mostri sono come noi, i vicini, i passanti. Ambientazione fine anni '50: il passaggio dalla morale di facciata allo svelamento delle bassezze di famiglia. Bello.

    ha scritto il 

  • 3

    Tre stelle e mezzo, potendo.
    Devo decidermi a comprare l'opera completa di questo autore il cui segno originale apprezzo moltissimo, ma che a volte mi inquieta per le sue storie in cui mescola horror sesso e morbosità, in una miscela che però scava a fondo nelle nostre ipocrisie, oltre che n ...continua

    Tre stelle e mezzo, potendo.
    Devo decidermi a comprare l'opera completa di questo autore il cui segno originale apprezzo moltissimo, ma che a volte mi inquieta per le sue storie in cui mescola horror sesso e morbosità, in una miscela che però scava a fondo nelle nostre ipocrisie, oltre che nel nostro inconscio.
    Qui Big Baby è un preadolescente dalla fantasia molto accesa, attraverso lui incontriamo una serie di personaggi e di storie in cui vengono abilmente miscelati temi classici ed inquietudini moderne (in una delle storie è presente ancora il tema del contagio).

    ha scritto il