Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Big fish

Di

Editore: Il Saggiatore (Tascabili)

3.7
(756)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 188 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Giapponese , Spagnolo , Chi tradizionale , Francese , Tedesco , Portoghese

Isbn-10: 885650054X | Isbn-13: 9788856500547 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Silvia Lalia

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Big fish?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Delusione.

    Se devo dire la verità questo libro mi ha deluso profondamente: le recensioni erano così positive che mi sono fatta influenzare, creandomi delle aspettative davvero troppo alte. Non è certo un capolav ...continua

    Se devo dire la verità questo libro mi ha deluso profondamente: le recensioni erano così positive che mi sono fatta influenzare, creandomi delle aspettative davvero troppo alte. Non è certo un capolavoro: l'ho trovato fantasioso e scorrevole sì, ma niente di speciale. Tra l'altro ho trovato Ed Bloom, padre del protagonista, estremamente antipatico e irritante. Peccato.

    ha scritto il 

  • 3

    Me parece una historia muy interesante, pero como en la película, no puedo con el personaje de Edward Bloom. Me pone de los nervios un personaje que esté siempre de cachondeo y haciendo gracias y no s ...continua

    Me parece una historia muy interesante, pero como en la película, no puedo con el personaje de Edward Bloom. Me pone de los nervios un personaje que esté siempre de cachondeo y haciendo gracias y no sea capaz de mantener una conversación seria en todo lo que se cuenta de la historia. Me recuerda mucho a lo que me sucede con el personaje de Forrest Gump, pero este llevado a lo fantástico. Sin embargo, el personaje del hijo me gusta mucho, todo contraposición al padre y el único personaje que en la historia tiene la cabeza sobre los hombros.
    He echado en falta muchas cosas que en la película salen y en la novela no, como las siamesas, por ejemplo, y la época en la que el protagonista trabaja en el circo. Ahora que sé que es invención de Tim Burton, la película me gustará más.

    ha scritto il 

  • 2

    Meglio il film

    Forse mi aspettavo troppo dal libro avendo già visto il film. Non mi è piaciuto, l'ho trovato interessante giusto per la prima metà, poi è stato solo un susseguirsi di delusioni.
    Il libro in se è cari ...continua

    Forse mi aspettavo troppo dal libro avendo già visto il film. Non mi è piaciuto, l'ho trovato interessante giusto per la prima metà, poi è stato solo un susseguirsi di delusioni.
    Il libro in se è carino ma appunto il film è molto meglio!

    ha scritto il 

  • 3

    Una lettura piacevole, seppur non entusiasmante, in cui ancora una volta un padre assente viene sostituito nella fantasia del figlio da una figura eroica e generosa.
    Mi è venuto naturale paragonarlo a ...continua

    Una lettura piacevole, seppur non entusiasmante, in cui ancora una volta un padre assente viene sostituito nella fantasia del figlio da una figura eroica e generosa.
    Mi è venuto naturale paragonarlo a "Le botteghe color cannella" di B. Schulz, ma solo per il modo in cui viene creato un mito, a giustificazione di una carenza affettiva, nel rapporto fondamentale quale quello tra padre e figlio.

    ha scritto il 

  • 3

    Non all'altezza del bellissimo film di cui è stato ispirazione. Burton e August lo hanno trasformato in qualcosa di diverso, più cinematografico ed emozionante. Qui mancano tante cose ma ne sono prese ...continua

    Non all'altezza del bellissimo film di cui è stato ispirazione. Burton e August lo hanno trasformato in qualcosa di diverso, più cinematografico ed emozionante. Qui mancano tante cose ma ne sono presenti tante altre, con differenze importanti rispetto alla pellicola. Non me ne voglia Wallace, ma dal soggetto del mio film preferito mi aspettavo molto di più.

    ha scritto il