Bilal

Il mio viaggio da infiltrato nel mercato dei nuovi schiavi

Voto medio di 509
| 221 contributi totali di cui 178 recensioni , 43 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
"Bilal" è un'avventura contemporanea attraverso i deserti e il mare, dall'Africa all'Europa, dalle bidonville al mercato dei nuovi schiavi, vissuta in prima persona dall'autore. Fabrizio Gatti ha attraversato il Sahara sui camion e si è fatto ... Continua
Ha scritto il 24/10/16
La banalità del male
L’inchiesta di Fabrizio Gatti è una contro-storia della cronaca contemporanea. Se ne “L’Orda” Gian Antonio Stella aveva ricordato agli italiani l’infelice periodo delle emigrazioni forzate dei nostri avi, in questa inchiesta il ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 29/06/16
Bilal
Stupendo libro, purtroppo sempre attuale. .dopo averlo letto, non si può più fare finta di niente! Da far leggere a scuola.
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 22/04/16
Stupendamente terribile
Uno dei libri più belli che io abbia letto ultimamente. Così coinvolgente da far venire le lacrime, da attorcigliarti la pancia dalla vergona e dalla umiliazione di sapere che tutto quello che l'autore sta de-scrivendo son cose che stanno ..." Continua...
  • 3 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il 25/12/15
Una storia del 2005, una storia di oggi, purtroppo una storia di domani
A Fabrizio Gatti decisamente manca qualche rotella in testa. Una importante, di quelle che servono a far funzionare l'istinto di sopravvivenza, a tenere a bada lo sprezzo del pericolo.Altrimenti non ti avventuri in prima persona nel “viaggio della ..." Continua...
  • 4 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 11/12/15
Il cambiamento di prospettiva, nei confronti dei tanti immigrati, è possibile attraverso le letture di queste pagine che narrano delle realtà che ci sembrano tanto lontane, quando invece sono estremamente vicine.Storie di persone trattate come ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi

Ha scritto il Apr 15, 2016, 19:11
Il tempo qui non è denaro. E' una dimensione che ancora appartiene all'umanità, non agli orologi.
  • Rispondi
Ha scritto il Jan 13, 2014, 16:55
Mancano le leggi.
Secondo te, per impedire la schiavitù servono ancora leggi?
Pag. 442
  • Rispondi
Ha scritto il Jan 13, 2014, 16:54
A Bilal sembrava di aver già camminato sul fondo. Invece il baratro scende ancora. Va più giù. Qualcuno, per non vedere dove sta andando a finire, si anestetizza con l'alcol. Con la droga. Oppure con l'idea di riprendersi il dovuto entrando nelle ... Continua...
Pag. 402
  • Rispondi
Ha scritto il Jan 13, 2014, 16:51
Poi si cade.
Pag. 402
  • Rispondi
Ha scritto il Jan 13, 2014, 16:51
Lo si vede soprattutto negli adolescenti. Sembrano agitati dalla stessa sindrome. Non hanno paura di farsi male. Dopo il Sahara, dopo il mare, che pericolo può essere uno spiazzo di sassi appuntiti?
Pag. 356
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi