Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Bit generation

La fine della Olivetti e il declino dell'informatica italiana

Di

Editore: Editori Riuniti

3.5
(8)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 207 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8835955610 | Isbn-13: 9788835955610 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Prefazione: Marco Vitali

Genere: Business & Economics , Computer & Technology , History

Ti piace Bit generation?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
L'autore ha attraversato da protagonista il mondo dell'industria informatica italiana dai primi anni sessanta a oggi. Il racconto della sua odissea professionale e politica inizia con una cadenza di narrazione leggera, per assumere la forma di analisi e denuncia delle responsabilità dell'arretramento del paese in questo settore vitale per l'economia e per la società. Emerge, tra le riflessioni politiche, il tema della formazione della grande impresa di software a partire da ciò che resta sul mercato frammentato e occupato dalle aziende straniere. La grande impresa proiettata verso l'Europa è considerata la condizione per non perdere definitivamente il treno delle opportunità nell'alta tecnologia.
Ordina per
  • 2

    Interessante ma eccessivamente autoreferenziale, per questo motivo un po' mi ha deluso. Manca una panoramica macroscopica vera e propria della situazione italiana che il lettore deve costruirsi da sé partendo dagli episodi biografici dello scrittore, operazione che appare un po' difficoltosa e ch ...continua

    Interessante ma eccessivamente autoreferenziale, per questo motivo un po' mi ha deluso. Manca una panoramica macroscopica vera e propria della situazione italiana che il lettore deve costruirsi da sé partendo dagli episodi biografici dello scrittore, operazione che appare un po' difficoltosa e che toglie un po' il piacere della lettura; per questo motivo non è esattamente il saggio che speravo di leggere.

    ha scritto il