Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Black Orchid

By ,

Publisher: Vertigo

4.0
(194)

Language:English | Number of Pages: 160 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 0930289552 | Isbn-13: 9780930289553 | Publish date: 

Also available as: Hardcover

Category: Comics & Graphic Novels

Do you like Black Orchid ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    La maggior parte delle cose che "sanno tutti" è sbagliata. Il resto è meramente inesatto.

    Non so come valutare questa Graphic Novel, perchè non sono un'amante del genere. Non mi dispiacciono ma neanche le cerco, L'ho letta per il gioco dell'Osa e ne ho apprezzato molto le tavole, ma la sto ...continue

    Non so come valutare questa Graphic Novel, perchè non sono un'amante del genere. Non mi dispiacciono ma neanche le cerco, L'ho letta per il gioco dell'Osa e ne ho apprezzato molto le tavole, ma la storia mi ha convinta poco. Interessante l'inizio, poi si è un po' afflosciata, come succede ai fiori quando non gli si da acqua. I disegni sono splendidi e i colori ancora di più, però non so se possono bastare per esprimere un giudizio positivo.

    said on 

  • 4

    originale l'idea, straniante il ritmo (spesso in Gaiman), eccezionali i dialoghi tranne quelli che coinvolgono la protagonista e Batman (fastidioso usarlo così, come deus ex machina senza spessore). N ...continue

    originale l'idea, straniante il ritmo (spesso in Gaiman), eccezionali i dialoghi tranne quelli che coinvolgono la protagonista e Batman (fastidioso usarlo così, come deus ex machina senza spessore). Non tutto però è pienamente riuscito. Manca quel filo di maturità, di chimica che fa il grande romanzo o il grande fumetto. Una stella in più per i disegni di mcKeane, perfetti.

    said on 

  • 4

    " ehi... la sai una cosa? li ho visti i film, quelli di james bond e quella roba lì. li ho letti i fumetti, io. quindi sai cosa non farò? non ti rinchiuderò a chiave nello scantinato, prima di interro ...continue

    " ehi... la sai una cosa? li ho visti i film, quelli di james bond e quella roba lì. li ho letti i fumetti, io. quindi sai cosa non farò? non ti rinchiuderò a chiave nello scantinato, prima di interrogarti. non allestirò alcuna complicata trappola mortale dotata di raggio laser per poi lasciarti da sola, libera di fuggire. solo un idiota farebbe una cosa simile.
    sai invece cosa farò io?
    ti ucciderò.
    adesso. "

    said on 

  • 3

    Allora, dico che i disegni sono belli davvero e che Dave McKean non si sbizzarrisce troppo ma dona un'espressività ai suoi personaggi pazzesca (m'ha ricordato leggermente Bill Sienkiewicz, non so perc ...continue

    Allora, dico che i disegni sono belli davvero e che Dave McKean non si sbizzarrisce troppo ma dona un'espressività ai suoi personaggi pazzesca (m'ha ricordato leggermente Bill Sienkiewicz, non so perché);
    invece Gaiman parte a manetta con un primo capitolo carichissimo ma si smoscia a metà volume.
    Ci sono alcuni momenti degni d'essere ricordati; ma andando avanti la trama sembra perdere interesse e si conclude in maniera piuttosto incolore.
    Sono comunque contento di aver comprato questo volumozzo (edizione davvero bella: buonissime pagine spesse, bella stampa, copertina tosta, un vero gioiellino), ma principalmente per i disegni di McKean, Gaiman qui è floppo.
    E poi cita troppe canzoni, è un dettaglio che in un fumetto mi fa venire mal di stomaco, ma questo è un problema mio.

    said on 

  • 4

    "Non avevo mai incontrato un dio prima".

    Ciascuno ha le proprie coppie artisiche preferite. I Neu! ad esempio, o magari i White Stripes. Io impazzisco per ogni nuovo lavoro di Neil Gaiman e Dave McKean.
    Anche se questa miniserie è 'nuova' so ...continue

    Ciascuno ha le proprie coppie artisiche preferite. I Neu! ad esempio, o magari i White Stripes. Io impazzisco per ogni nuovo lavoro di Neil Gaiman e Dave McKean.
    Anche se questa miniserie è 'nuova' solamente per il sottoscritto, dato che si tratta in effetti della loro prima pubblicazione per la DC Comics, dopo le iniziali collaborazioni indipendenti: Violent Cases e Signal to Noise. Proprio queste ultime guadagnarono ai due un ingaggio per la DC; i tre numeri di Black Orchid vennero serializzati tra novembre 1988 e gennaio 1989, per poi venire raccolti in volume quello stesso anno. Karen Berger, futura Executive Editor della linea Vertigo, lesse ed apprezzò, offrendo a Gaiman il re-vamp di Sandman. E il resto è storia.
    Lunga introduzione per inquadrare gli esordi di una delle joint ventures più celebrate nella storia recente dei comics.

    Nell'intro, il giornalista Mikal Gilmore di Rolling Stone (!) giustamente sottolinea come entrambi gli artisti approntino proprio su queste pagine uno stile che verrà ulteriormente sviluppato, affinato ed amplificato sulla lunga distanza. Ma che già s'impone per originalità e profondità di visione, oltre naturalmente che per la qualità assoluta.
    Si tratta quindi di un'opera pioneristica nell'ambito stesso di quella British Invasion che avrebbe rivoluzionato i fumetti d'oltreoceano. Questa è una delle (poche) opere che avrebbe provocato la nascita della linea DC Comics Vertigo, portando ad un'intera nuova concezione dei fumetti.
    Gaiman prese un vecchio personaggio minore della DC, modificandone in parte la storia ma spt dandole uno spessore inedito; avrebbe fatto lo stesso con Sandman, e Alan Moore l'aveva già fatto con Swamp Thing. La dimensione supereroistica adolescenziale viene trascesa in una visione matura, capace di affrontare temi come il lutto, il perdono, i crimini familiari; ma anche la pazzia, i manicomi, il contrabbando d'armi, la corruzione sistematica da parte di spregiudicati complessi farmaceutici, la violenza sulle culture indigene...
    Come avrà forse già intuito chi ha familiarità con l'universo DC Comics, la storia contiene precisi legami di continuity con altri personaggi, fondamentali per lo sviluppo della trama; ma è godibile anche da chi come me non conosce i retroscena, tranne magari i più ovvii.
    Dal canto suo McKean dipinge (eh sì) delle tavole splendide, mozzafiato, grondanti colore e vita e sapienza compositiva ed espressività. Specialmente nella terza parte: la cui sequenza iniziale è un capolavoro nel capolavoro. McKean ci avrebbe abituato allo stile ibrido già usato per Mr Punch, fatto di chine nervose e collage fotografici; ma qui tocca vette di poesia da punto esclamativo.
    E per inciso The Green (alias il parlamento degli alberi) mi sembra un'invenzione più potente degli Elfi della Terra di Mezzo, o anche degli Ent. È vero che quella non è farina del sacco di Gaiman (chi sa capirà) e che d'altronde lo separavano da Tolkien trent'anni fondamentali per il pensiero ecologista; ma il modo in cui viene utilizzato qui ha un'efficacia rara.

    In un'epoca in cui il termine 'graphic novel' è diventato chic, bisognerebbe ripassare i fondamentali.
    Da leggere e rileggere. Ed ammirare.

    Sull'edizione Magic Press
    Tempo fa (e parliamo del periodo in cui veniva pubblicato questo volume) la Magic Press era la mia editrice di fumetti preferita. Non acquistai quest'opera solo perché all'epoca ero giovane e squattrinato.
    E per fortuna, perché in questo caso hanno fatto le cose davvero col culo. La traduzione fa pena. A più riprese mi sono trovato a leggere frasi italiane senza senso, intravedendo in filigrana il testo originale inglese. E dove questo si intuisce poetico, ricco di citazioni e rimandi oltre che di sfumature, la traduzione italiana butta in vacca anche quello che era salvabile semplicemente usando la preposizione giusta.
    E non è finita. La terza volta che ho preso in mano il volume, la copertina si è staccata di netto dalle pagine.
    E il bello è che l'edizione inglese risulta irreperibile. Quanti porchi...

    said on