Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Blackout

Di

Editore: TEA (Teadue; 1422)

3.7
(1340)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 202 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8850212321 | Isbn-13: 9788850212323 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Blackout?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In un torrido ferragosto bolognese, tre persone entrano insieme nell'ascensore di un palazzo di venti piani, una grande torre bianca che svetta su un quartiere popolare. Di colpo si spengono le luci, e i tre si ritrovano intrappolati tra l'undicesimo e il dodicesimo piano. Claudia è una studentessa omosessuale che per pagarsi gli studi è costretta a fare la cameriera in un bar. Ha solo voglia di rientrare nel suo appartamento per farsi una doccia. Tomas è un ragazzo di sedici anni che vive nel palazzo con i genitori. Sta scappando di casa e deve raggiungere Francesca per fuggire con lei verso una nuova vita. Aldo Ferro è proprietario di tre noti locali, marito e padre, ma anche efferato serial killer e produttore di snuff movies casalinghi. Non vive in quel palazzo, ma vi custodisce i ferri del mestiere. Ha molta fretta: deve tornare in una baracca tra le montagne, dove, incatenata ma ancora viva, c'è la sua ultima vittima a cui ha staccato la pelle del viso per poi riattaccargliela con i chiodi, ma capovolta.
Ordina per
  • 3

    pulp!

    molto ammanitiano, con un brutto finale ma con un ritmo serrato e uno stile, sebbene non perfetto, divertente da leggere e che non stufa. bellissime (come al solito per morozzi) le mille citazioni musicali.

    ha scritto il 

  • 4

    da andare in debito d'ossigeno...letteralmente!!

    claustrofobico,pulp,rivoltante in maniera simpatica(sempre si possa definire simpatica una tortura da santa Inquisizione),adrenalinico.
    finale adeguato,noto "personaggio" pubblico a parte.
    una stella in meno per qualche pagina di troppo dedicata alle riflessioni di alcuni personaggi che secondo m ...continua

    claustrofobico,pulp,rivoltante in maniera simpatica(sempre si possa definire simpatica una tortura da santa Inquisizione),adrenalinico. finale adeguato,noto "personaggio" pubblico a parte. una stella in meno per qualche pagina di troppo dedicata alle riflessioni di alcuni personaggi che secondo me hanno tolto un po di pathos alla bella atmosfera creata dallo scrittore

    ha scritto il 

  • 0

    Buono.

    Non prometteva granché l'inizio splatter: lì per lì ti pare un Thomas Harris o un Nesbo all'italiana. Ma, avendo perseveranza (e sì, magari un po' d'istinto) continui e vale la pena.

    ha scritto il 

  • 3

    Buona l'idea di chiudere tre personaggi così diversi (e particolari) in ascensore e vedere cosa succede. Il racconto è decisamente claustrofobico;le boccate d'aria sono fornite dagli interludi che a volte sono ancora più inquietanti della vicenda principale ma che comunque aiutano a tirare le fil ...continua

    Buona l'idea di chiudere tre personaggi così diversi (e particolari) in ascensore e vedere cosa succede. Il racconto è decisamente claustrofobico;le boccate d'aria sono fornite dagli interludi che a volte sono ancora più inquietanti della vicenda principale ma che comunque aiutano a tirare le fila della storia. Ho trovato il finale un po' deludente, non tanto per la conclusione quanto perchè poteva essere trattata in maniera un po' più approfondita e meno sbrigativa.

    Considerazioni sulla lettura di e-book http://thequeenofmira.blogspot.it/2014/10/bozza-e-book-vs-cartaceo.html

    ha scritto il 

  • 2

    via la testa, via la coda ...

    Letto dopo 'radiomorte'

    via la testa decisamente eccessiva e volgare

    via la coda completamente posticcia e fuori luogo

    il cuore del distillato scialbo, prevedibile e stereotipato ... da evitare

    ha scritto il 

Ordina per