Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Blackout

By Gianluca Morozzi

(692)

| Paperback | 9788850212323

Like Blackout ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

In un torrido ferragosto bolognese, tre persone entrano insieme nell'ascensore di un palazzo di venti piani, una grande torre bianca che svetta su un quartiere popolare. Di colpo si spengono le luci, e i tre si ritrovano intrappolati tra l'undicesimo Continue

In un torrido ferragosto bolognese, tre persone entrano insieme nell'ascensore di un palazzo di venti piani, una grande torre bianca che svetta su un quartiere popolare. Di colpo si spengono le luci, e i tre si ritrovano intrappolati tra l'undicesimo e il dodicesimo piano. Claudia è una studentessa omosessuale che per pagarsi gli studi è costretta a fare la cameriera in un bar. Ha solo voglia di rientrare nel suo appartamento per farsi una doccia. Tomas è un ragazzo di sedici anni che vive nel palazzo con i genitori. Sta scappando di casa e deve raggiungere Francesca per fuggire con lei verso una nuova vita. Aldo Ferro è proprietario di tre noti locali, marito e padre, ma anche efferato serial killer e produttore di snuff movies casalinghi. Non vive in quel palazzo, ma vi custodisce i ferri del mestiere. Ha molta fretta: deve tornare in una baracca tra le montagne, dove, incatenata ma ancora viva, c'è la sua ultima vittima a cui ha staccato la pelle del viso per poi riattaccargliela con i chiodi, ma capovolta.

296 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 7 people find this helpful

    E' andata così: prima mi sono detta 'solo venti minuti' per concludere la pausa pranzo.
    Poi i venti minuti sono diventati 30, e in rapida successione 40, 50, 60 e insomma, alla fine, tre ore.

    Tre ore come un unico respiro.

    Ritmo serrato, quasi da ...(continue)

    E' andata così: prima mi sono detta 'solo venti minuti' per concludere la pausa pranzo.
    Poi i venti minuti sono diventati 30, e in rapida successione 40, 50, 60 e insomma, alla fine, tre ore.

    Tre ore come un unico respiro.

    Ritmo serrato, quasi da inciampare nelle parole per quanto la storia ti sa trascinare avanti e ancora avanti, pagina dopo pagina.

    Perfetto nel ritmo, nello stile, nelle pause, negli interludi.
    Si rimane sospesi per tutto il tempo, un vero e proprio blackout, una lunga parentesi in cui tutto può accedere.

    E, senz'altro, molto accade.

    Bravo Gianluca.

    Is this helpful?

    Chiara Appolloni said on May 9, 2014 | 2 feedbacks

  • 20 people find this helpful

    se questo è un bel noir...

    Il giorno di ferragosto, in una torrida Bologna semideserta, il piccolo ascensore di un condominio rimane bloccato per ore. Dentro ci sono Claudia, cameriera di bar lesbica, Tomas, studente in procinto di fuggire di casa con la sua ragazza, e Aldo, s ...(continue)

    Il giorno di ferragosto, in una torrida Bologna semideserta, il piccolo ascensore di un condominio rimane bloccato per ore. Dentro ci sono Claudia, cameriera di bar lesbica, Tomas, studente in procinto di fuggire di casa con la sua ragazza, e Aldo, serial killer fuori di testa che si veste come Elvis Presley e si crede un dio. Come cafonaggine ricorda molto Tony Pagoda di Sorrentino.

    E’ una strana storia, in cui succede di tutto e di più:
    comincia bene, come un noir durissimo, con lo psicopatico che sta torturando sadicamente una vittima in un capanno isolato nei boschi
    procede a tentoni per un tratto, i tre sono rinchiusi da un po' dentro l’ascensore ed iniziano a conoscersi, annusarsi e detestarsi
    finisce male, sembra di essere stati magicamente teletrasportati dall'ascensore bloccato all’isola dei famosi, o in un’altra qualsiasi di quelle trasmissioni/cazzata.

    Le ultime pagine sono decisamente un obbrobrio inutile.

    E se vi fosse data la possibilità
    di fare qualunque cosa,
    senza che nessuno possa giudicarvi o punirvi,
    senza che nessuno vi dica Basta! Smettetela!',
    fin dove vi spingereste?
    Più avanti di quanto siamo andati noi?

    Ma certo che si.
    Io quell’ascensore l’avrei fatto precipitare con tutti dentro, scrittore compreso. Almeno ci sarebbe stato un bellissimo gran finale col botto.

    ✰✰ molto claustrofobiche

    Is this helpful?

    ✿ Erika said on May 5, 2014 | 14 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Colpo di scena!

    Cosa succede se il giorno di ferragosto rimangono bloccati in ascensore un ragazzo adolescente, una giovane universitaria e un serial killer? Un crescendo di emozioni che culmina in un finale veramente a sorpresa, in cui il lettore non sa se hanno vi ...(continue)

    Cosa succede se il giorno di ferragosto rimangono bloccati in ascensore un ragazzo adolescente, una giovane universitaria e un serial killer? Un crescendo di emozioni che culmina in un finale veramente a sorpresa, in cui il lettore non sa se hanno vinto i buoni o i cattivi.

    Is this helpful?

    Silvia Gaia Valisi said on Mar 21, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book