Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Blankets

By

Publisher: Ediciones Astiberri, S.L.

4.3
(1819)

Language:Español | Number of Pages: 600 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , German , French , Italian , Catalan

Isbn-10: 8495825635 | Isbn-13: 9788495825636 | Publish date: 

Also available as: Hardcover

Category: Comics & Graphic Novels , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Do you like Blankets ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
"En este libro, Craig Thompson se revela como uno de los jóvenes maestros del cómic: con una forma narrativa depuradísima nos transmite una historia personal con una fuerte descarga de dolor, descubrimiento, diversión, penitencia, convicción religiosa y su pérdida… con el consiguiente auto-rechazo. En este narración de una familia y de un primer amor, lo que no ha salido bien en la vida funciona perfectamente en el mundo del arte. El Sr. Thompson es astutamente modesto al dejarnos boquiabiertos con su combinación de habilidades. Su experta unión de palabras, dibujos y resonantes silencios conforman una forma trascendental de narración que te atrapa a medida que vas leyendo y que se prolonga cuando acabas. Es lo que yo llamo literatura."
-Jules Feiffer
Ganador del premio Pulitzer
Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Un graphic novel in cui il protagonista si chiama come l’autore del graphic novel. Già in libreria, mentre sfogliavo il mattone, mi sarei dovuto insospettire.

    Storia di Craig, un ragazzo che assimila tutti i precetti religiosi dei suoi genitori fondamentalisti, dei suoi insegnanti fondamentalisti e dei suoi conoscenti fondamentalisti tanto da sentire l’obbl ...continue

    Storia di Craig, un ragazzo che assimila tutti i precetti religiosi dei suoi genitori fondamentalisti, dei suoi insegnanti fondamentalisti e dei suoi conoscenti fondamentalisti tanto da sentire l’obbligo morale di leggere la Bibbia ogni sera. Quando Craig pecca, un ritratto di Gesù lo guarda piangendo. Il suo destino (è Dio a volerlo) è di essere pastore o missionario. Poi, un bel giorno, una tipa gliela fa vedere.

    said on 

  • 4

    Disegni molto belli per una storia autobiografica poetica e delicata. La una parte finale però secondo me non è all'altezza del resto, e si perde un po' nel racconto del suo rapporto con la religione. ...continue

    Disegni molto belli per una storia autobiografica poetica e delicata. La una parte finale però secondo me non è all'altezza del resto, e si perde un po' nel racconto del suo rapporto con la religione. Molto bello comunque, lo consiglio

    said on 

  • 5

    Un romanzo di formazione sensibile come al vento le foglie. Molto vero, senza ricette per la felicità, nè addolcimento dei ricordi d'infanzia nè lieto fine. Lo spaccato della strada sempre irta di ost ...continue

    Un romanzo di formazione sensibile come al vento le foglie. Molto vero, senza ricette per la felicità, nè addolcimento dei ricordi d'infanzia nè lieto fine. Lo spaccato della strada sempre irta di ostacoli e infelicità ma anche di affetti, stupore ingenuo di fronte alla belleza delle cose che è la crescita. Uno spaccato dell'America bigotta di provincia e del suo manto protettivo ma soffocante.di bontà e ristrettezza mentale.

    said on 

  • 5

    Piacevole scoperta

    Io non sono tipo da graphic novel; i fumetti sono entrati solo per un breve periodo nella mia vita e tendenzialmente mi hanno sempre delusa, quindi ne sono usciti velocemente.
    Ma questo titolo merita. ...continue

    Io non sono tipo da graphic novel; i fumetti sono entrati solo per un breve periodo nella mia vita e tendenzialmente mi hanno sempre delusa, quindi ne sono usciti velocemente.
    Ma questo titolo merita. Non ha nulla di meno "serio" rispetto a un libro standard, anzi, tutte le situazioni sono (drammaticamente) reali. L'autore non dimentica alcun dettaglio nei suoi disegni, nessuna sfumatura emotiva è trascurata. Credo che, grazie a lui, potrò avvicinarmi pian piano a qualche altro "must" del genere.
    - E comunque si legge davvero in pochissime ore a dispetto delle dimensioni fisiche: vale la pena provare.

    said on 

  • 5

    Ho iniziato da qui ad esplorare il genere 'grafico': sono stupendi il tocco e la sensibilità di Thompson. Consigliatissimo. Avvolgente come un film.

    said on 

  • 4

    "Da bambino pensavo che il mondo fosse il posto più orribile in cui si potesse vivere e che ci dovesse essere qualcosa di meglio"

    Emozionante, poetico e bello da togliere il fiato.

    "Quella notte fu più fredda della precedente, e la coperta in più, tenuta stretta a me, era proprio quel che mi ci voleva. A volte, quando ci si sveg ...continue

    Emozionante, poetico e bello da togliere il fiato.

    "Quella notte fu più fredda della precedente, e la coperta in più, tenuta stretta a me, era proprio quel che mi ci voleva. A volte, quando ci si sveglia, il sogno residuo può essere più allettante della realtà, e lo si abbandona a malincuore. Altrimenti, è il sogno che ci perseguita. Si aspetta con la promessa del prossimo sogno. Ma il gesto di svegliarsi è subordinato al ricordo. Usiamo i rituali come espedienti mnemonici...le vacanze come un rituale con un significato...e le stagioni come incrementi nella misurazione. [...] Che soddisfazione lasciare un segno su una superficie bianca. Fare una mappa dei miei movimenti...anche se è soltanto temporanea".

    said on 

  • 5

    Clarament, Craig Thompson és un mestre del seu medi. Ja havia llegit la meravella de Habibi, i em faltava Blankets, que el va catapultar a la fama. Ben merescuda la té, l'obra en qüestió és sublim.

    En ...continue

    Clarament, Craig Thompson és un mestre del seu medi. Ja havia llegit la meravella de Habibi, i em faltava Blankets, que el va catapultar a la fama. Ben merescuda la té, l'obra en qüestió és sublim.

    En to autobiogràfic, Thompson ens explica les seves vivències d'infant i d'adolescent, la relació amb el seu germà, la seva fe cristiana i el seu primer amor. El realisme i el ritme són genials, no falten ni sobren paraules. La cruesa d'alguns moments és suficient i no pretén la compassió fàcil, però té una empatia profunda i seca. Es llegeix ràpid i està perfectament estructurada.

    L'apartat gràfic, com de costum, és adient a l'obra, no tan detallat com en Habibi, però perfecte per la temàtica. L'estil de traç ample de l'autor és comunicatiu i fluid, cosa destacable en aquest tipus de traç. La milloria des d'"Adéu, Chunky Rice" és notòria tot i el diferent caliu de la narració. A més, els seus buits adquireixen més significat que moltes paraules.

    En definitiva, l'obra estrella de Thompson, la més famosa, no la millor. Perfecta en la seva essència.

    A l'autor li recomanaria: Treure alguna cosa nova, ens té esperant amb candeletes! El seguiré llegint.

    Als lectors els recomano: No el coneixeu encara? No sé a què espereu... Jo em penso gastar els 35€ que valen Blankets i Habibi d'Astiberri, ho valen, i la traducció catalana és molt bona.

    said on 

  • 5

    Difficile parlare di questo libro senza trovarci almeno un collegamento con la propria vita.

    Conferma tutte le bellissime aspettative che mi ero creato, il che non è poco.

    said on 

Sorting by
Sorting by