Blankets

By

Publisher: Top Shelf Productions

4.3
(1952)

Language: English | Number of Pages: 592 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) German , French , Italian , Spanish , Catalan , Greek

Isbn-10: 1891830430 | Isbn-13: 9781891830433 | Publish date: 

Also available as: School & Library Binding , Hardcover , Others

Category: Comics & Graphic Novels , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Do you like Blankets ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
At 592 pages, Blankets may well be the single largest graphic novel ever published without being serialized first. Wrapped in the landscape of a blustery Wisconsin winter, Blankets explores the sibling rivalry of two brothers growing up in the isolated country, and the budding romance of two coming-of-age lovers. A tale of security and discovery, of playfulness and tragedy, of a fall from grace and the origins of faith. A profound and utterly beautiful work from Craig Thompson. The New Printing corrects 3 small typos, widening the spine graphics, but otherwise is identical to the first printing.
Sorting by
  • 5

    Imperdibile

    Letto per la prima volta anni fa, quando uscì quella meravigliosa collana di graphic novel con l'Espresso. Ad una seconda lettura - recente - mi sono reso conto del vero punto forte di Blankets: la ca ...continue

    Letto per la prima volta anni fa, quando uscì quella meravigliosa collana di graphic novel con l'Espresso. Ad una seconda lettura - recente - mi sono reso conto del vero punto forte di Blankets: la capacità di raccontare una vita (come può essere quella di molti di noi) nella sua complessità, tra le cadute e in tutte le sue piccole sfumature. Non è una storia che automaticamente ci porta QUEL lieto fine che tutti aspettavamo, ma - come detto, è geniale proprio per questo motivo - ci è concesso tuffarci in ogni spigolo della vita del protagonista, lontano dai paradigmi classici delle storie. Capolavoro, perfino nei lunghi silenzi.

    said on 

  • 4

    Dolce

    Tenero, dolce, malinconico. I disegni di Thompson sono stupendi e la lettura ti avvolge di tra il gelo della neve e il calore delle coperte.

    said on 

  • 5

    Blankets

    Un monumentale fumetto (600 pagine) sul passaggio dall'infanzia all'adolescenza alla età adulta. Un percorso fatto di dolori, gioie, primi amori, scoperte di se stessi.

    said on 

  • 5

    Immenso splendore.

    Questa storia è davvero completa di tutto ciò che riguarda una vita.
    Questa lettura non è facile perché narra di argomenti pesanti per la vita del nostro protagonista: bambino che, col passare del tem ...continue

    Questa storia è davvero completa di tutto ciò che riguarda una vita.
    Questa lettura non è facile perché narra di argomenti pesanti per la vita del nostro protagonista: bambino che, col passare del tempo, è costretto a crescere. Lo ritroveremo vent'enne ma con le stesse paure che lo hanno caratterizzato fin da piccolo.
    Il protagonista è Craig e all'inizio lo conosciamo da bambino. Ha un fratello più piccolo: Phil, e con lui divide il letto; essi giocano e scherzano sempre assieme ma il cruccio di Craig è che non ha mai potuto proteggere Phil dai pericoli. Pericoli che incombono anche nella loro stessa casa; infatti, il baby sitter, un adolescente, abusa sessualmente dei due fratelli.
    Craig, è cattolico attivo, cresce in una famiglia devota a Gesù e a Dio. I loro genitori non sono assenti, anzi, cercano di crescerli insegnando a loro la fede e la devozione, ma il risultato è che sono un po' "padroni" specialmente il padre che, quando Phil e Craig fanno qualche marachella, rinchiude uno dei due in uno sgabuzzino nella parete, pieno di ragnatele e circondato da buio pesto. E quando è Phil ad essere rinchiuso nello sgabuzzino, Craig sta male perché non osa far nulla, ha paura e non lo difende, non lo tira fuori dai guai bensì lo lascia lì, inerte al suo destino fino a quando suo padre non tornerà per farlo uscire.
    Tramite la chiesa, da anni Craig va in "settimana bianca" in montagna durante le festività natalizie. Ma, conoscendo il nostro protagonista, i bulli, come anche a scuola, lo perseguitano e lo deridono davanti a tutti e Craig è costretto a subire. Infatti non ama fare attività sportive con gli altri, vuole star solo perché solo così si sente bene e sé stesso.
    Con l'arrivo dell'adolescenza e pochi cambiamenti nell'aria, a 16 anni Craig conosce Raina al ritrovo invernale e subito ne rimane folgorato, lei lo ricambia e dopo la vacanza, essi si tengono in contatto e decidono di passare due settimane assieme nella casa della famiglia di Raina. Così, Craig passa due settimane in compagnia dei genitori della ragazza; essi sono in rotta di collisione, benché cattolici attivi, stanno divorziando e si smezzano i figli durante la giornata e Raina deve badare ai suoi due fratelli adottivi con la sindrome di Down.
    Raina è totalmente il contrario di Craig: è bella, popolare, è coraggiosa, protegge i suoi fratelli adottivi sin dall'infanzia.
    E qui mi fermo perché il resto è spoiler.
    Di certo non è una storia facile. Ben poche volte ho letto una storia che mi abbia saputa toccare nel profondo così tanto e farmi sentire inutile ma fortunata allo stesso tempo.
    Ogni disegno amplifica le parole dello scrittore che sono già poesia; il resto è pura arte. Anche nei disegni senza fumetti puoi percepire il silenzio carico di parole o piccoli rumori come la neve che cade, il suo scricchiolio o l'acqua che cade dai tetti, il rombo di un auto,...
    Credo che questo libro si può solo amare. Comunque questa è una lettura super consigliata anche per chi non ha mai avuto l'occasione di approcciarsi alle graphic novel (questa è la mia prima).
    Questa novel è stata un colpo al cuore ma allo stesso tempo anche un rimedio, funge come balsamo dell'anima. Una grande avventura da non abbandonare mai, questo volume e questa storia me li terrò sempre vicino, stretti al cuore.

    said on 

  • 5

    È vero che non sono cresciuta in un paesino sperduto degli Stati Uniti, e neanche in una fanatica famiglia religiosa; non sono nemmeno un uomo, né tantomeno la primogenita, MA ho trovato moltissimi el ...continue

    È vero che non sono cresciuta in un paesino sperduto degli Stati Uniti, e neanche in una fanatica famiglia religiosa; non sono nemmeno un uomo, né tantomeno la primogenita, MA ho trovato moltissimi elementi in comune tra me e il protagonista: forse, come è già stato detto, è impossibile non trovarne. Il senso di colpa (qui dato da una sbagliata e ossessiva vita religiosa), il senso di inadeguatezza, di impotenza che pervade tutti i bambini e una gran parte degli adolescenti. La vastità del fenomeno, però, non ci deve indurre a minimizzarlo.
    Più della storia d’amore ho apprezzato tantissimo la storia dei due fratelli: la conflittualità che li anima è allo stesso tempo una ragione in più per sentirsi legati.
    Una storia molto bella che - purtroppo - si legge in un soffio.

    said on 

Sorting by
Sorting by