Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Blankets

By

Publisher: Top Shelf Productions

4.3
(1853)

Language:English | Number of Pages: 592 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) German , French , Italian , Spanish , Catalan , Greek

Isbn-10: 1891830430 | Isbn-13: 9781891830433 | Publish date: 

Also available as: School & Library Binding , Hardcover , Others

Category: Comics & Graphic Novels , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Do you like Blankets ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
At 592 pages, Blankets may well be the single largest graphic novel ever published without being serialized first. Wrapped in the landscape of a blustery Wisconsin winter, Blankets explores the sibling rivalry of two brothers growing up in the isolated country, and the budding romance of two coming-of-age lovers. A tale of security and discovery, of playfulness and tragedy, of a fall from grace and the origins of faith. A profound and utterly beautiful work from Craig Thompson. The New Printing corrects 3 small typos, widening the spine graphics, but otherwise is identical to the first printing.
Sorting by
  • 4

    Felicità è una coperta calda

    "Non riuscivo a immaginare che l'anima intrappolata nel mio corpo di bambino un giorno sarebbe stata trapiantata nel suo grottesco equivalente adolescenziale"

    I miei sentimenti sono ancora misti rigua ...continue

    "Non riuscivo a immaginare che l'anima intrappolata nel mio corpo di bambino un giorno sarebbe stata trapiantata nel suo grottesco equivalente adolescenziale"

    I miei sentimenti sono ancora misti riguardo a questo romanzo grafico, tuttavia di una cosa sono certa: sono felice di averlo letto.

    said on 

  • 3

    I dolci ricordi di un'infanzia più o meno spensierata in compagnia del fratellino; un segreto torbido che viene svelato un po' frettolosamente tra le pagine, che ha lasciato il segno ma a cui non vien ...continue

    I dolci ricordi di un'infanzia più o meno spensierata in compagnia del fratellino; un segreto torbido che viene svelato un po' frettolosamente tra le pagine, che ha lasciato il segno ma a cui non viene data così tanta attenzione; i pericoli (grandi, enormi) di una soffocante educazione religiosa, perno s cui si basa tutta la vita del protagonista; un grande, grandissimo amore, il primo amore che è sempre purissimo e perfetto, esattamente come quei paesaggi bianchissimi di neve del Wisconsin, così duri e così belli da vedere.
    Ecco, tutto questo è Blankets.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Un graphic novel in cui il protagonista si chiama come l’autore del graphic novel.

    Storia di Craig, un ragazzo che assimila tutti i precetti religiosi dei suoi genitori fondamentalisti, dei suoi insegnanti fondamentalisti e dei suoi conoscenti fondamentalisti tanto da sentire l’obbl ...continue

    Storia di Craig, un ragazzo che assimila tutti i precetti religiosi dei suoi genitori fondamentalisti, dei suoi insegnanti fondamentalisti e dei suoi conoscenti fondamentalisti tanto da sentire l’obbligo morale di leggere la Bibbia ogni sera. Quando Craig pecca, un ritratto di Gesù lo guarda piangendo. Il suo destino (è Dio a volerlo) è di essere pastore o missionario. Poi, un bel giorno, una tipa gliela fa vedere.

    said on 

  • 4

    Disegni molto belli per una storia autobiografica poetica e delicata. La una parte finale però secondo me non è all'altezza del resto, e si perde un po' nel racconto del suo rapporto con la religione. ...continue

    Disegni molto belli per una storia autobiografica poetica e delicata. La una parte finale però secondo me non è all'altezza del resto, e si perde un po' nel racconto del suo rapporto con la religione. Molto bello comunque, lo consiglio

    said on 

  • 5

    Un romanzo di formazione sensibile come al vento le foglie. Molto vero, senza ricette per la felicità, nè addolcimento dei ricordi d'infanzia nè lieto fine. Lo spaccato della strada sempre irta di ost ...continue

    Un romanzo di formazione sensibile come al vento le foglie. Molto vero, senza ricette per la felicità, nè addolcimento dei ricordi d'infanzia nè lieto fine. Lo spaccato della strada sempre irta di ostacoli e infelicità ma anche di affetti, stupore ingenuo di fronte alla belleza delle cose che è la crescita. Uno spaccato dell'America bigotta di provincia e del suo manto protettivo ma soffocante.di bontà e ristrettezza mentale.

    said on 

  • 5

    Piacevole scoperta

    Io non sono tipo da graphic novel; i fumetti sono entrati solo per un breve periodo nella mia vita e tendenzialmente mi hanno sempre delusa, quindi ne sono usciti velocemente.
    Ma questo titolo merita. ...continue

    Io non sono tipo da graphic novel; i fumetti sono entrati solo per un breve periodo nella mia vita e tendenzialmente mi hanno sempre delusa, quindi ne sono usciti velocemente.
    Ma questo titolo merita. Non ha nulla di meno "serio" rispetto a un libro standard, anzi, tutte le situazioni sono (drammaticamente) reali. L'autore non dimentica alcun dettaglio nei suoi disegni, nessuna sfumatura emotiva è trascurata. Credo che, grazie a lui, potrò avvicinarmi pian piano a qualche altro "must" del genere.
    - E comunque si legge davvero in pochissime ore a dispetto delle dimensioni fisiche: vale la pena provare.

    said on 

  • 5

    Ho iniziato da qui ad esplorare il genere 'grafico': sono stupendi il tocco e la sensibilità di Thompson. Consigliatissimo. Avvolgente come un film.

    said on 

  • 4

    "Da bambino pensavo che il mondo fosse il posto più orribile in cui si potesse vivere e che ci dovesse essere qualcosa di meglio"

    Emozionante, poetico e bello da togliere il fiato.

    "Quella notte fu più fredda della precedente, e la coperta in più, tenuta stretta a me, era proprio quel che mi ci voleva. A volte, quando ci si sveg ...continue

    Emozionante, poetico e bello da togliere il fiato.

    "Quella notte fu più fredda della precedente, e la coperta in più, tenuta stretta a me, era proprio quel che mi ci voleva. A volte, quando ci si sveglia, il sogno residuo può essere più allettante della realtà, e lo si abbandona a malincuore. Altrimenti, è il sogno che ci perseguita. Si aspetta con la promessa del prossimo sogno. Ma il gesto di svegliarsi è subordinato al ricordo. Usiamo i rituali come espedienti mnemonici...le vacanze come un rituale con un significato...e le stagioni come incrementi nella misurazione. [...] Che soddisfazione lasciare un segno su una superficie bianca. Fare una mappa dei miei movimenti...anche se è soltanto temporanea".

    said on 

Sorting by
Sorting by