Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Blue Moon

By

Publisher: Headline

3.9
(1146)

Language:English | Number of Pages: 512 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 0755355369 | Isbn-13: 9780755355365 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Hardcover , eBook , Audio CD , Others

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like Blue Moon ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
An Anita Blake, Vampire Hunter, novel 'Richard was an alpha werewolf. It was his only serious flaw. We'd broken up after I'd seen him eat somebody.' You never forget your ex-fiance. And when the call came at three in the morning, I thought for a moment it was him. It wasn't. It was his brother. And it wasn't good news. Apparently the former love of my life had got himself thrown into jail for assaulting a woman. Since I make my living as a preternatural expert, I tend to believe almost anything's possible. But though he may be one of the monsters, Richard would never harm a woman. So it's Anita Blake to the rescue. I've got just a few days to spring Richard and find out who framed him - and why. There's a full moon coming, and if my werewolf love is still behind bars when it rises, he'll be facing a lot worse than an assault charge...
Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Blue Moon: Anita, tocca sti benedetti leopardi, ti prego!!!!

    Un'altra avventura di Anita Blake, un altro libro che non è ne un miglioramento effettivo ne un peggioramento clamoroso. Siamo in una situazione di stallo, diciamo.
    Anita ha smesso di fare la Risvegliante (chissà come campa e con quale stipendio... Mah!) nel senso che ormai il suo lavoro è ...continue

    Un'altra avventura di Anita Blake, un altro libro che non è ne un miglioramento effettivo ne un peggioramento clamoroso. Siamo in una situazione di stallo, diciamo.
    Anita ha smesso di fare la Risvegliante (chissà come campa e con quale stipendio... Mah!) nel senso che ormai il suo lavoro è passato in decimo piano. Ancora una volta la cara Laurel mette in evidenza ben altro, discostandosi così completamente dai primi libri, di gran lunga più interessanti e ben costruiti.
    Ah, Laurel, Laurel... Con gli zombie ci sapevi proprio fare, dico sul serio. Devo ancora capire perchè tu ti sia fossilizzata su tutte queste creature mannare, ma chissà... Magari col tempo ci riuscirò.
    Dunque, il libro parte con Anita che viene chiamata nel bel mezzo della notte da quello che fu suo cognato che la avvisa del fatto che il caro Richard (ahimè, è sempre presente -.-) è finito in galera con l'accusa di stupro.
    La cosa in se potrebbe anche essere interessante, ma in realtà non ci sono indagini, non ci sono misteri, non ci sono interrogatori. Niente di niente; Anita parte, va a salvare la sua dama in pericolo alias l'aitante Richard e in meno di due ore lo fa uscire di prigione. Libro finito? Macchè mai, siamo solo al quinto capitolo, dopotutto. A questo punto, essendo il mistero stato archiviato in così poco tempo, cosa possiamo fare? Ma sì, discutiamo inutilmente del fatto che Richard si è messo a fare il tombeur des femmes e che Anita è gelosa. Ma dico io... CHE CE FREGA???? °-° Cioè, Richard ha delle amanti? Bravo! E a me? Anita è gelosa? Comprensibile, è pur sempre una donna, ma appurato ciò possiamo andare avanti? No. In questo libro tutto il rapporto di Anita e Richard si basa su questo ossia i dispetti reciproci che si fanno come due mocciosi. Nel bel mezzo ci sono Asher e Damien, mandati a fare la scorta di Anita, entrambi ammaliati dalla serva umana di Jean-Claude. Sempre accanto a lei, come ulteriore scorta vi sono Jason, Nathaniel, Zane e Cherry. Di tutti, solo gli ultimi due sembrano essere immuni al fascino assassino della negromante e in effetti leggendo sembra che le pecore nere del gruppo siano loro. A questo punto viene da chiedersi: ma se Anita è simpatica come una spina dritta dritta nel frenulo, se Anita è acida come litri di limonata scaduta, se Anita ha la stessa sensualità di un Mocio Vileda (vogliamo parlare degli immancabili calzini bianchi alla Piero Angela e le sneakers che ormai cammineranno da sole da tanto sono usate? Ah e vogliamo parlare degli ettolitri di sudore che fuoriescono dai pori di questa fanciulla quando indossa, anche se non è necessario, le fondine puzzolenti delle sue pistole?)come cactus è possibile che chiunque la veda venga fulminato dal bisogno di giacere con lei? E' la fiera del chi ci prova per primo °-° E il bello è che nonostante lei dia molti segnali positivi ad Asher, alla fine con chi finisce a letto? Con Richard! PREGOOOOO? O.O Sfrenata e brutale, la cara Anita alla fine gliela da, ebbene sì! Richard ha atteso mesi e mesi per questo. Bene, Amen. In tutto ciò lei però fa la pudica quando si tratta di toccare i leopardi mannari. Dunque, ti dicono che serve il contatto per dare loro forza e per consolarli quindi fammi capire...
    COSA CRIBBIO TI COSTA FARE UN GRATTINO DIETRO LE ORECCHIE A QUESTI BENEDETTI LEOPARDI? Tutto, a quanto pare. Perchè darla a Richard e aver pomiciato con lui di fronte a mezza crew di guardi del corpo non è nulla, ma fare due coccole a sti quattro disgraziati la rende pudica e timida.
    Non capisco, francamente.
    Il libro si riprende fortunatamente, verso il finale, quando, finalmente, viene inserita un pò di suspance e di azione. Nel complesso è stato più facile da leggere rispetto a Dono di Cenere o a Il ballo della morte, ma ancora non ci siamo >.< Laurel, ti prego, torniamo alle origini! ç_ç

    said on 

  • 4

    Questo libro mi è piaciuto molto sotto alcuni aspetti, sotto altri invece un po' sono rimasta interdetta..a mio parere dovevano essere inserite più indagini e più azione e meno discorsi mentali infiniti della povera Anita, ma, considerando la serie e ciò che va a diventare in futuro con i prossi ...continue

    Questo libro mi è piaciuto molto sotto alcuni aspetti, sotto altri invece un po' sono rimasta interdetta..a mio parere dovevano essere inserite più indagini e più azione e meno discorsi mentali infiniti della povera Anita, ma, considerando la serie e ciò che va a diventare in futuro con i prossimi libri, mi rendo conto che il cambiamento stava già avvenendo.

    said on 

  • 3

    3 stelle e mezzo

    Troppa carne sul fuoco! Si rischia di perdere di vista lo scopo della storia e i capi saldi su cui si basa, col rischio di fare un risotto con dentro troppa roba.

    said on 

  • 5

    Dono di cenere + Blue Moon (Anita Blake #7 e #8)

    Dopo essere sopravvissuta all’ennesima minaccia, la sterminatrice di vampiri Anita Blake spera di riuscire a godersi finalmente un periodo di tranquillità per esplorare il nuovo e intenso rapporto con Jean-Claude, il vampiro master della città che è finalmente riuscito a conquistare il suo cuore. ...continue

    Dopo essere sopravvissuta all’ennesima minaccia, la sterminatrice di vampiri Anita Blake spera di riuscire a godersi finalmente un periodo di tranquillità per esplorare il nuovo e intenso rapporto con Jean-Claude, il vampiro master della città che è finalmente riuscito a conquistare il suo cuore. Tuttavia le speranze si dissolvono come neve al sole quando all’orizzonte si profila una nuova minaccia, un attentato non solo alla sua vita ma anche e soprattutto a quella del suo amante e del suo ex, Richard: i rappresentanti del Consiglio dei Vampiri temono il triumvirato che i tre hanno creato e sono convinti che l’unico modo per evitare una lotta per il potere sia proprio l’eliminazione dei suoi membri. Ma non finisce qui, perché Richard corre un ulteriore pericolo: accusato di tentato stupro, è stato arrestato proprio nel momento più delicato del mese, a pochi giorni dalla luna piena; incapace di prendere le distanze dall’uomo che ancora ama, Anita decide di correre in suo aiuto per scoprire chi abbia voluto incastrarlo e perché, ritrovandosi però invischiata in una fitta rete di corruzione ma anche in una spietata lotta per il potere e per la sopravvivenza tra il branco e i vampiri del Tennessee..

    Rispettivamente settimo e ottavo volume della serie, Dono di cenere e Blue Moon ci portano ancora una volta ad immergerci nella sfiancante e dannatamente complicata vita della tostissima Anita Blake; come se non bastassero i sicari, le streghe e gli stregoni che tentano di ucciderla continuamente, trasformandola in un bersaglio vivente, Anita vive una continua lotta interiore, divisa tra il desiderio e l’amore per il bel vampiro Jean-Claude e l’amore ma la paura nei confronti di Richard, l’alfa del branco di St. Louis. Ho trovato questi due volumi della serie molto equilibrati da questo punto di vista, in quanto in Dono di cenere si da più spazio a Jean-Claude e all’universo dei vampiri, mentre in Blue Moon il master è praticamente assente e l’attenzione è concentrata quasi esclusivamente su Richard e sui problemi del branco; tra le novità che più mi sono piaciute c’è sicuramente la figura di Asher, il vampiro che ha condiviso buona parte della sua esistenza con Jean-Claude e che ne porta il segno sul suo corpo. E’ stato anche interessante approfondire il ruolo che Anita viene suo malgrado ad assumere nel branco dei leopardi mannari: lei viene vista come leopard lionné, una figura dominante in grado di proteggere tutti i componenti del branco; diciamo che non si fa mancare niente, se si considera anche il suo ruolo di lupa nel branco di Richard :) Ormai l’avete capito, io amo alla follia questa serie: so che molti lettori sono rimasti delusi dalla piega che ha preso negli ultimi libri ma fino a questo momento il mio giudizio non è cambiato, anzi!

    Consigliati!

    said on 

  • 0

    Decisamente un libro che mi è piaciuto moltissimo !! L'autrice per me é molto brava , un po' meno bello dei precedenti ma comunque da leggere se si ha già letto gli altri!!! Adoro i personaggi come Anita forti e determinate.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Il libro mi è piaciuto molto, ma per la prima volta da quando leggo la Hamilton (che con i primi 4/5 libri è riuscita ad appassionarmi tanto, che non appena arrivavo agli ultimi capitoli di uno, ero già andata a comprare quello seguente) ho fatto davvero una fatica terribile a proseguire con la l ...continue

    Il libro mi è piaciuto molto, ma per la prima volta da quando leggo la Hamilton (che con i primi 4/5 libri è riuscita ad appassionarmi tanto, che non appena arrivavo agli ultimi capitoli di uno, ero già andata a comprare quello seguente) ho fatto davvero una fatica terribile a proseguire con la lettura. Credo che il racconto ingrani davvero solo dopo le prime 100 pagine, ma quella prime 100 pagine le senti tutte, con la loro pesantezza ed anche con un pochino di noia ed assenza di quella suspanse, invece sempre presente nelle avventure di Anita Blake, che ti porta costantemente a voltare pagina per sapere come andrà a finire la storia. Ecco, nella prima parte, il ritmo veloce ed intraprendente, tipico della Hamilton, manca completamente. Poi, finalmente, il racconto ingrana la quarta e procede in modo spedito: superato lo scoglio della prima parte (che mi ha tenuta ferma nella lettura per oltre due anni, prima che avessi voglia di riprenderlo e dargli un'altra chance!!) la storia si fa interessante, seppur con pochi - ma buoni - colpi di scena. Pecca dell'intero volume, oltre la noia delle prima cento pagine? La presenza assoluta, pregnante - e anche fastidiosa, a mio avviso - dell'argomento "sesso". Ogni pagina ne è tanto pregna che dopo un po' quasi ti dimentichi di star leggendo un urban-fantasy e ti domandi se non ti stai confondendo con un libro erotico. Non capisco, sinceramente, che cosa sia passato nella mente della Hamilton che, nei primi cinque libri, il massimo dell'erotismo che aveva inserito consisteva in un bacio. Adesso, la tensione sessuale si avverte in ogni riga e Anita, da fredda donna calcolatrice, si è trasformata in un'affamata di sesso - per la quale viene data la colpa alla munin Raina, della quale ricordo poco e niente, sinceramente, dai libri precedenti - che trova attraente qualsiasi essere respirante (e non!). Fosse per lei, si sarebbe fatta nel corso del libro, non solo Richard (con il quale viene descritta la scena di sesso così minuziosamente da bastare per tutto il libro), e con Jean-Claude (grande assenza nel racconto, se non per l'inizio e un paio di deboli telefonate), ma anche con Jason, Nathaniel, Cherry, Asher, Damien...e sono sicura che me ne sfugga qualcuno! Insomma, leggere di un po' di tensione sessuale è anche piacevole, di tanto in tanto, e rende i personaggi più reali, più umani...ma questo voler marcare sull'argomento anche nelle scene di battaglia o in scene drammatiche, sinceramente non l'ho capito nè l'ho apprezzato.
    Nel complesso, un bel libro: adoro lo stile di scrittura della Hamilton e la sua capacità di intrecciare i vari personaggi tra di loro, ma spero sinceramente che questo cambio di direzione verso il genere erotico sia stato solo una momentanea svista e che, presto, tornerà a deliziarci con le classiche avventure (NON sessuali!) di Anita Blake!

    said on 

  • 3

    personalmente AMO la Hamilton come scrittrice ma questi libri della saga di Anita non li trovo all'altezza dei primi 4/5. Detto ciò io ADORO letteralmente la scrittura della Hamilton quindi assolutamente da leggere se avete iniziato la saga! :D

    said on