Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Blues di Bay City

E altri racconti

Di

Editore: Feltrinelli

3.9
(206)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 246 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8807807203 | Isbn-13: 9788807807206 | Data di pubblicazione:  | Edizione 8

Traduttore: Attilio Veraldi

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Blues di Bay City?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Quattro racconti ("Giada cinese", "La donna del lago", "In montagna non c'èpace" e, appunto, "Blues di Bay City") degli otto (gli altri sono raccolti in"L'uomo a cui piacevano i cani"), composti tra il 1935 e il 1941 di cuiRaymond Chandler era gelosissimo: non li volle pubblicare in vita e uscironopostumi, nel 1964. Costituivano per lo scrittore una fonte segreta a cuiattingere idee per scrivere uno dei suoi romanzi. Ne cavava ora unpersonaggio, ora un episodio, ora una descrizione. Vi si trova anche unantesignano del celebre investigatore privato Philip Marlowe: un detectivedi nome Johnny Dalmas, ma si tratta già dell'"uomo nato per l'avventura",animato dal desiderio di portare a termine un'opera "appassionatamentemorale".
Ordina per
  • 3

    Solo per appassionati. Chandler non voleva neanche che venissero pubblicati e non avrebbe avuto tutti i torti: sono 4 bozzetti utili a comprendere la stratificazione del processo di creazione di Marlowe (Johnny Dalmas è una specie di prova generale del detective perdente per antonomasia), ma le s ...continua

    Solo per appassionati. Chandler non voleva neanche che venissero pubblicati e non avrebbe avuto tutti i torti: sono 4 bozzetti utili a comprendere la stratificazione del processo di creazione di Marlowe (Johnny Dalmas è una specie di prova generale del detective perdente per antonomasia), ma le storie, prese singolarmente, non brillano certo per originalità, stile o contenuti, complice anche la distanza breve del racconto.
    Io avrei rispettato le volontà del vecchio Raymond, insomma.

    ha scritto il 

  • 3

    Spunti, idee, trame e caratterizzazioni che Chandler ha creato prima del suo Marlowe...e che utilizzerà in quasi tutti i suoi libri successivi. Ci troverete appena sbozzato il grande investigatore e tutto il suo mondo, popolato da tipacci, corrotti, potenti, venduti, psicopatici, zoccole e poveri ...continua

    Spunti, idee, trame e caratterizzazioni che Chandler ha creato prima del suo Marlowe...e che utilizzerà in quasi tutti i suoi libri successivi. Ci troverete appena sbozzato il grande investigatore e tutto il suo mondo, popolato da tipacci, corrotti, potenti, venduti, psicopatici, zoccole e poveri cristi con ancora un briciolo di umanità.

    ha scritto il 

  • 4

    Il capostipite in germoglio

    Già detto in altri commenti a Chandler che l'intera umanità di scrittori di noir, gialli, polizieschi, giallini ocra, limone, uovosodo , nerissimi, grigini, compositi, finto gialli, fumè , e chi più ne ha più ne metta , gli sono tutti debitori.
    Dalla sua costola sono venuti fuori a frotte e ...continua

    Già detto in altri commenti a Chandler che l'intera umanità di scrittori di noir, gialli, polizieschi, giallini ocra, limone, uovosodo , nerissimi, grigini, compositi, finto gialli, fumè , e chi più ne ha più ne metta , gli sono tutti debitori.
    Dalla sua costola sono venuti fuori a frotte e a sciami, alcuni molto buoni e degni eredi, altri molto meno.
    Questi raccontini( pubblicati postumi) sono precedenti come stesura alla nascita di Marlowe, diciamo che sono stati una specie di vivaio da cui il Genio ha attinto ispirazione per scene, personaggi, immagini, idee, ombre e luci più o meno modificate.
    Una sorta di magnifica serra dove coltivare con sperticata pazienza le sue meraviglie successive.

    ha scritto il 

  • 3

    Non si uccidono così anche i morti?

    Il primo racconto "La giada cinese" è un bozzetto di "Addio mia amata", non è Marlowe il detective ma Johnny Dalmas. Racconti usciti postumi. Si dice che Chandler ne era gelosissimo, ci credo sono rozzi e come dire "non passati dall'editor". Allora? Perché far rivoltare nella tomba il buon Raymon ...continua

    Il primo racconto "La giada cinese" è un bozzetto di "Addio mia amata", non è Marlowe il detective ma Johnny Dalmas. Racconti usciti postumi. Si dice che Chandler ne era gelosissimo, ci credo sono rozzi e come dire "non passati dall'editor". Allora? Perché far rivoltare nella tomba il buon Raymond?

    ha scritto il 

  • 4

    In questo libro e nel suo seguito (L'uomo a cui piacevano i cani) sono raccolti i migliori racconti di Chandler, quelli da cui prendeva ispirazione per i suoi romanzi. Leggendoli immaginavo le storie, spesso, in bianco e nero!

    ha scritto il