Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Bombe e segreti

Piazza Fontana: una strage senza colpevoli

Di

Editore: Eleuthera

3.9
(13)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 180 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8889490764 | Isbn-13: 9788889490761 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Disponibile anche come: Altri

Ti piace Bombe e segreti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
«È stata una vicenda incredibile, della quale tutti sanno ma di cui in pubblico si preferisce tacere perché non fa onore alla storia della magistratura»
Guido Salvini.

Sono passati quarant'anni dalla strage di piazza Fontana a Milano, ma della bomba alla Banca nazionale dell'agricoltura di Milano e della morte dell'anarchico Giuseppe Pinelli, volato dal quarto piano della questura, si continua a parlare ancora oggi. Perché quel 12 dicembre 1969 ha aperto una frattura sociale che questi quattro decenni non hanno ancora ricomposto. Una storia che non si è affatto conclusa con la sentenza della Cassazione nel 2005 che ha assolto gli ultimi tre neonazisti imputati per una strage rimasta senza colpevoli. In questo libro viene ricostruita la montatura contro Pietro Valpreda, la morte – anch'essa senza colpevoli – di Pinelli e soprattutto la fitta trama di connivenze, coperture e depistaggi che attestano come la «madre di tutte le stragi» sia stata una strage di Stato. Un documentato atto di accusa contro coloro che pur di non perdere il potere sono ricorsi a un piano criminale.
Ordina per
  • 4

    Un buon libro

    Questo interessante saggio sarà anche stato scritto da "una persona coinvolta emotivamente" come viene indicato giustamente nella prefazione ma riesce ad essere sufficientemente obiettivo su un periodo storico controverso della storia italiana troppe volte trattato in maniera pedestre.Rispetto al ...continua

    Questo interessante saggio sarà anche stato scritto da "una persona coinvolta emotivamente" come viene indicato giustamente nella prefazione ma riesce ad essere sufficientemente obiettivo su un periodo storico controverso della storia italiana troppe volte trattato in maniera pedestre.Rispetto al precedente libro in parte coevo) che ho letto "Il golpe inglese" la materia viene trattata in maniera più estesa e chiara risultando più completo ed esaustivo, chiarendo molti punti oscuri lasciati da "Il golpe inglese".

    Un buon libro, per fare luce su una delle pagine più buie della storia italiana.

    ha scritto il 

  • 4

    il libro sulla madre di tutte le stragi

    Luciano Lanza, in modo agile e sintetico (a tratti forse anche un po' troppo sintetico), ripercorre ancora una volta le vicende della strage del 12 dicembre 1969. Lo fa da un punto di vista molto particolare. All'epoca infatti Lanza era un militante anarchico e rimase coinvolto personalmente nei ...continua

    Luciano Lanza, in modo agile e sintetico (a tratti forse anche un po' troppo sintetico), ripercorre ancora una volta le vicende della strage del 12 dicembre 1969. Lo fa da un punto di vista molto particolare. All'epoca infatti Lanza era un militante anarchico e rimase coinvolto personalmente nei primi giorni di indagini, soprattutto vide moltissimi suoi amici arrestati e accusati.
    Molto interessante l'intervista, nella seconda parte del libro, al giudice Salvini, che non dà certo un'immagine limpida di parte della magistratura.

    ha scritto il