Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Boy

Tales of Childhood

By Roald Dahl

(32)

| Paperback | 9780140089172

Like Boy ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

'Throughout my young days at school and just afterwards a number of things happened to me that I have never forgotten'. "Boy" is a funny, insightful and at times grotesque glimpse into the early life of Roald Dahl, one of the world's favourite author Continue

'Throughout my young days at school and just afterwards a number of things happened to me that I have never forgotten'. "Boy" is a funny, insightful and at times grotesque glimpse into the early life of Roald Dahl, one of the world's favourite authors. We discover his experiences of the English public school system, the idyllic paradise of summer holidays in Norway, the pleasures (and pains) of the sweetshop, and how it is that he avoided being a Boazer. This is the unadulterated childhood - sad and funny, macabre and delightful - that inspired our most-loved children's writer.

90 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    ci sono delle parti molto spassose. Ma altre che sono un po' forti, esempio mentre vengono picchiati l'autore descrive nei minimi dettagli ciò che avviene e quello che prova.

    Is this helpful?

    Alessandra Zambon said on Jul 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Roald Dahl non delude mai. Devo ammettere di non aver ancora letto alcuni dei suoi romanzi più famosi, ma anche adesso che sono cresciuta capita che sfogli qualche suo libro.
    Ho letto Boy diverso tempo fa, ma me lo ricordo bene: gli aneddoti che l'au ...(continue)

    Roald Dahl non delude mai. Devo ammettere di non aver ancora letto alcuni dei suoi romanzi più famosi, ma anche adesso che sono cresciuta capita che sfogli qualche suo libro.
    Ho letto Boy diverso tempo fa, ma me lo ricordo bene: gli aneddoti che l'autore racconta sono indimenticabili. Dahl ha saputo cogliere i momenti significativi della sua infanzia (ma c'erano dubbi?) e scriverli in modo da farli vivere anche ai lettori. Questo è senza dubbio un libro che rileggerei sempre, a tutte le età.

    Is this helpful?

    Airborne said on Apr 27, 2014 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    Un libro che si legge con il sorriso sulle labbra, circa vent'anni di ricordi che l'autore ha voluto condividere, raccontati con semplicità e naturalezza.
    Piacevoli da vedere anche le foto personali, lui bambino, la sua famiglia, e i suoi luoghi, tea ...(continue)

    Un libro che si legge con il sorriso sulle labbra, circa vent'anni di ricordi che l'autore ha voluto condividere, raccontati con semplicità e naturalezza.
    Piacevoli da vedere anche le foto personali, lui bambino, la sua famiglia, e i suoi luoghi, teatro di qualche avventura particolare, come quella di una pipa caricata con tabacco di... capra.

    Is this helpful?

    Annissa said on Apr 21, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Libro di narrativa 2012/2013

    Questa lettura ci è piaciuta, lo consigliamo a ragazzi della nostra età (medie).

    Is this helpful?

    Iiasgckennedy said on Dec 20, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il dahl che si consiglia assolutamente assieme a Going solo e a Danny il campione del mondo. beh1 si certo le streghe ... Matilda ... ma la biografia è da leggere come romanzo di formazione 1 e 2.

    Is this helpful?

    Francesca Gleria said on Nov 24, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    «love from Boy»

    Boy. Tales of childhood, 1984

    «Questa non un'autobiografia».
    E' una breve raccolta di ricordi personali di Dahl, dalla prima infanzia alla fine della scuola e al suo primo impiego.
    Famiglia, giochi, scuola; dottori e insegnanti; amicizie e p ...(continue)

    Boy. Tales of childhood, 1984

    «Questa non un'autobiografia».
    E' una breve raccolta di ricordi personali di Dahl, dalla prima infanzia alla fine della scuola e al suo primo impiego.
    Famiglia, giochi, scuola; dottori e insegnanti; amicizie e punizioni. I suoi primi vent'anni ci scorrono davanti agli occhi in un attimo, la vita nel Galles del sud, le vacanze in Norvegia dai nonni, il collegio; Roald ci racconta tanti episodi belli e brutti con il suo stile lieve e ironico, e condanna con decisione quell'abitudine sacrosanta di picchiare i bambini e i ragazzi a scuola. E ci ritorna più e più volte.

    << Certamente vi domanderete come mai insisto tanto, in queste pagine, sulle punizioni corporali. La risposta è che non posso farne a meno. Durante tutti i miei studi mi ha sempre sconvolto il fatto che agli insegnanti e agli alunni più grandi venisse accordato il privilegio di ferire, a volte gravemente, i ragazzini più piccoli. Non potevo farci l'abitudine. Non mi ci sarei abituato mai. Sarebbe naturalmente ingiusto dire che tutti gli insegnanti dell'epoca passassero il tempo a picchiare i loro piccoli allievi. Certamente no. Alcuni soltanto, ma questo bastava a ispirarmi un permanente sentimento d'orrore. E ancora un'altra sensazione fisica perdura in me: ancora oggi, quando rimango seduto un po' a lungo su un banco duro o su una sedia scomoda, il cuore comincia a battermi lungo quelle vecchie cicatrici che la canna mi ha tracciato sul sedere ben cinquantacinque anni fa. >>

    E poi traccia un bel ritratto della madre, una giovane norvegese rimasta sola in un paese straniero, con tre bambini suoi, due della prima moglie del marito, incinta; una donna coraggiosa, forte e buona. Per fortuna i soldi non mancavano. Una donna che conservò ognuna delle sue seicento lettere, da quelle scritte dal St Peter's, dove vigeva l'obbligo di scrivere a casa ogni domenica mattina, e poi da Repton, e dall'Africa Orientale, e infine durante la guerra.

    << Molte mamme, di fronte a una situazione simile, avrebbero lasciato trasparire un certo dispiacere. Tre anni sono lunghi e l'Africa era lontana. Non ci sarebbe stato possibile incontrarci, durante quel periodo. Ma mia madre non mostrò il più lieve rammarico per non turbare la mia gioia. «E bravo il mio piccolo!» esclamà. «Che magnifica notizia! E' proprio dove volevi andare, vero? >>

    Is this helpful?

    Thalita said on Nov 8, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book