Boys don't cry

Da San Pietroburgo a Kuala Lampur. Un romanzo di non formazione

Voto medio di 78
| 22 contributi totali di cui 16 recensioni , 6 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
A quindici anni dalla caduta del muro di Berlino i giovani dell'Europa orientale hanno avuto il tempo di innovare la loro grande tradizione letteraria. Uno sguardo privilegiato al futuro dell'Occidente, con il disincanto di chi da tempo ha smesso di ... Continua
Ha scritto il 03/03/14
nonostante Kuala
La prima parte è lenta, non arriva a essere faticosa ma è molto al di sotto della parte in cui descrive il viaggio in malesia. Qui artiglia un paio di situazioni, azzecca parecchi passaggi e si riconcilia con la platea. Anche se alla fine ...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 02/04/12
lettura affascinante...
...è un testo abrasivo, sensuale e destabilizzante, che ha la pecca di non riuscire a condurti completamente tra le righe dell'opera..quasi come si fosse esagerato con la vodka e si facesse fatica a indovinare la chiave giusta che apre la porta di ...Continua
Ha scritto il 09/02/12
In realtà non ci ho capito granchè: un viaggio che dovrebbe essere psichedelico in una realtà borderline. Una stanchezza e lagnosità unica.
Ha scritto il 07/03/10
Nel vagone c'era davvero poca gente. Un uomo che già portava il cappotto, un paio di ragazze. Una leggeva attentamente un grosso mattone. Sulla copertina si leggeva Dizionario russo-giapponese. Altre persone dormivano con la testa a ciondoloni. ...Continua
Ha scritto il 23/01/10
Vogliamo chiamarlo un novello Bukowski, questo Stogoff? Be', è per lo meno un emulo, e non dei peggiori. Il libro ha la forza dei racconti sbilenchi, allucinati, sconclusionati, appassionati e disperati che tanto ci hanno fatto amare una certa ...Continua
  • 1 mi piace

Ha scritto il Mar 03, 2014, 23:13
Gli imperi crollavano, i continenti cadevano in fondo agli oceani ma io, stupido e sempre sbronzo, non arrivavo da nessuna parte.
Pag. 249
Ha scritto il Mar 03, 2014, 21:50
Non feci nessuna fatica a riconoscere i miei connazionali. Hanno certi tagli di capelli che non si fanno piu' in nessuna parte del mondo.
Pag. 220
Ha scritto il Mar 03, 2014, 21:19
Gli uomini portavano camicie bianche fuori dai pantaloni. I loro baffi sembravano incollati sui volti rosa da minorenni. Perfino le nonnine apparivano come un sogno per pedofili. Alcune donne tenevano in braccio bambini minuscoli. A giudicare dalle ...Continua
Pag. 200
Ha scritto il Feb 26, 2014, 00:40
Era di nuovo come un bambino che scopriva gli angoli appuntiti della vita infilando le dita in una presa elettrica. Bere fin dal mattino è considerata una cosa da criminali. Come fare sesso con tua sorella o mangiare la minestra o la carne piccante ...Continua
Pag. 150
Ha scritto il Feb 26, 2014, 00:35
La gente di rado permette al proprio interlocutore di andare oltre un viso sorridente.
Pag. 148

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi