Brûlant

Di

Editore: Youcanprint

4.0
(33)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 298 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8866184675 | Isbn-13: 9788866184676 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fantascienza & Fantasy

Ti piace Brûlant?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Brûlant è un romanzo esoterico che mostra quel mondo magico ben nascosto dalla quotidianità.Il lettore potrà facilmente immedesimarsi in Christian, il personaggio principale, che sarà costretto a partecipare a vecchi rituali inconsapevole di quanto questi siano radicati nella vita di tutti noi. Tramite la sua relazione con Brigitte verrà a contatto con le Brûlant, una congrega di sole donne che vive tra di noi da secoli e votata a mantenere in vita gli antichi riti e culti tramandando le conoscenze millenarie di cui sono depositarie.Cinismo e superstizione, folklore e realtà, si contrapporranno e si scontreranno nello svilupparsi della vicenda per fondersi poi in un unico vincitore: l'Amore.
Ordina per
  • 4

    Ottimo esordio!

    Letto questo libro perché consigliato da un'amica e devo dire che è stato un consiglio prezioso!
    Divorato in pratica in una sola notte, mi ha appassionata fin dalle prime righe e non sono riuscita più ...continua

    Letto questo libro perché consigliato da un'amica e devo dire che è stato un consiglio prezioso!
    Divorato in pratica in una sola notte, mi ha appassionata fin dalle prime righe e non sono riuscita più a staccarmi fino alla fine, tanto da attendere il secondo con grandi aspettative.
    Buona capacità di tenerti incollata alle pagine grazie alla trama intrigante ma anche grazie a una proprietà di linguaggio che ha resto il testo scorrevole e piacevole nella sua fluidità.
    Da editore e con occhio critico, devo dire che pochi libri riescono ad attrarmi e ad appassionarmi così alla prima lettura.
    Aspettando il seguito... complimenti all'autrice!

    ha scritto il 

  • 5

    Sinceramente non sapevo cosa aspettarmi dalla lettura di questo libro però avrei potuto aspettarmi tutto ma non questo.
    La storia, seppur sotto certi aspetti complessa è ironica, a tratti drammatica m ...continua

    Sinceramente non sapevo cosa aspettarmi dalla lettura di questo libro però avrei potuto aspettarmi tutto ma non questo.
    La storia, seppur sotto certi aspetti complessa è ironica, a tratti drammatica ma mantiene uno sfondo di semplicità e purezza rare.
    Senza fare tanti giri di parole questo libro è scritto con eleganza, con una classe che ricorda un classico tailleur di Chanel!
    Ammetto di essere di parte, perchè adoro questo tipo di romanzi, così diversi e ricchi rispetto a molta robetta che gira.
    L'autrice non cerca mai il colpo di scena forzato, piuttosto lascia che il lettore si immerga nel libro e lo esplori con calma, proprio come quando si saggia l'acqua prima di tuffarsi.
    A questo punto non mi resta che dire....Anita aspetto con ansia il seguito!!!!

    ha scritto il 

  • 2

    Recensione sul sito www.reginlaradiosa.it

    “Non importa in quale divinità tu creda perché, in linea di massima, tutte le religioni seguono gli stessi precetti dettati dal buonsenso. Vivi la tua vita con rettitudine, non far del male a nessuno ...continua

    “Non importa in quale divinità tu creda perché, in linea di massima, tutte le religioni seguono gli stessi precetti dettati dal buonsenso. Vivi la tua vita con rettitudine, non far del male a nessuno e, se ti va di festeggiare una solennità che non ti appartiene per retaggio culturale soltanto perché ti rende felice, fallo. L’uomo si è dimenticato come si fa ad essere felice.”

    Ho trovato questa lettura interessante, ma non una delle migliori dell’ultimo periodo.

    Ci troviamo a Roma. Il nostro protagonista Christian ha appena chiesto alla sua amata Brigitte di sposarlo, ricevendo un doloroso rifiuto.

    I primi capitoli del romanzo sono incentrati sul dolore che prova Christian, sui flashback dei suoi due anni con Brigitte. Successivamente la sua apatia mentale viene intervallata da alcuni capitoli dedicati a Brigitte o Bride, il suo nome gaelico, originario della dea Brigid patrona dei fabbri.

    Scopriamo, così, che l’amata “fatina francese” di Christian è una sacerdotessa della congrega delle Brûlant, che hanno sede a Roma, Praga e Parigi.

    Brigitte pur amando molto Christian ha dovuto allontanarlo a causa della natura del suo fidanzato. Christian, infatti, è l’Archetipo: “l’anima più antica di tutte quelle in circolazione. E’ nata con questa era e si concluderà con questa era per dare vita a tutte le future anime che nasceranno.” E per le sacerdotesse Brûlant è severamente vietato avere contatti con lui. Brigitte è riuscita a nascondere il loro rapporto per due anni, ma ora è arrivato il momento di scegliere tra la sua famiglia e il suo amore.

    Inizialmente, come possiamo immaginare, sceglie la sua famiglia e la congrega ma quando scopre che non ci saranno più rincarnazioni per Christian (sta infatti per finire l’era corrente e iniziare quella dell’Acquario) riceve la benedizione della sua sacerdotessa madre Morrigan e torna dal suo amato con la speranza di essere di nuovo accolta e potergli finalmente confidare ogni cosa.

    I due protagonisti si ricongiungono e vivono qualche giorno isolati dal resto del mondo. Sarà dura tornare alla vita reale, soprattutto quando Brigitte capisce di essere stata maledetta dalle seguaci di Zeus che tentano di togliere la speranza dal mondo. È a questo punto che la giovane si vede costretta a raccontare la verità a Christian.

    La scrittura è abbastanza complessa e articolata, fattore che ho trovato un po’ inverosimile nei confronti soprattutto dei personaggi; purtroppo ha reso soprattutto l’inizio un po’ pesante e poco fluido.

    I personaggi principali sono Christian e Brigitte. La maggior parte della storia è raccontata dal punto di vista di lui e anche la caratterizzazione è resa abbastanza bene, la stessa cosa non vale per la protagonista femminile che, nonostante il suo ruolo, è lasciata un po’ ai margini.

    In tutto questo, però, la storia d’amore fa solo da cornice a una specie di saggio sulle credenze della congrega Brûlant. Il sentimento tra Brigitte e Christian non sembra avere basi solide, non vengono approfonditi come persone singole e come coppia. E’ come se attraverso questa storia d’amore l’autrice volesse spiegare al lettore le tradizioni e i loro modi di pensare e di vivere; fattore che non sarebbe negativo se non fosse che è spiegato in termini complessi e proprio sotto forma di saggio, rendendoli cosi, a parer mio, pesanti e non abbastanza interessanti.

    Le Brûlant nacquero durante il basso medioevo a Parigi per amore della conoscenza e dell’evoluzione spirituale; all’epoca questi due termini, che oggi sono antitetici, avevano lo stesso significato ed erano un privilegio che pochi potevano permettersi.

    Analizzando il contesto sociale, politico e culturale in cui è nata la sorellanza è facile comprenderne il perché: non bastavano le poche, incoerenti risposte che venivano date alle domande che la gente poneva.

    Grazie alle fondatrici, una cerchia di sette donne, oggi conserviamo alcuni dei più antichi manoscritti esistenti. La maggior parte di questi riportano le tradizioni riportate oralmente di generazione in generazione dalla notte dei tempi.

    Purtroppo non mi sento di consigliarlo a tutti, piuttosto se qualcuno avesse voglia di approcciarsi a questi argomenti è una lettura che può risultare interessante, arricchita da una lieve storia d’amore.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Le librerie sono stracolme di testi che narrano di vicende legate all'esoterismo e alla magia, e tutti (o quasi) raffigurano un tema sul quale si è scritto e riscritto in maniera fantasiosa relegandol ...continua

    Le librerie sono stracolme di testi che narrano di vicende legate all'esoterismo e alla magia, e tutti (o quasi) raffigurano un tema sul quale si è scritto e riscritto in maniera fantasiosa relegandolo però alla semplice sfera dell'immaginazione.
    Con Brûlant ci ritroviamo ad affrontare quelle stesse tematiche in maniera però più matura e consapevole. Definire semplicemente Brûlant un testo “esoterico” non è corretto. Anita Borriello ci descrive il passato e il presente di questa congrega “magica” in maniera molto obiettiva ricorrendo spesso e volentieri, là dove ce n'è bisogno, a riferimenti storici del tutto inerenti alla narrazione.
    Non sono solita, quando recensisco un libro, raccontare per filo e per segno la trama e le vicende accadute perché non mi sembra corretto nei confronti del lettore che vorrà accostarsi al testo. Io sono qua solo per riferirvi le sensazioni che ho provato sfogliando quelle pagine e per incuriosirvi. E mentre seguivo le vicissitudini di Brigitte e Christian non ho potuto fare a meno di pensare a quanto somiglio al protagonista maschile, così ben delineato dalla mano femminile di Anita. E di questo me ne complimento perché se non avessi letto in copertina il nome di una donna, io avrei creduto che il libro fosse stato scritto da un uomo.
    Christian, come molti uomini, si crede estraneo a un mondo troppo materiale e superficiale. Questa sono io.
    Christian crede nel potere indiscusso dell'amore e nonostante la sua donna gli abbia spezzato il cuore, lui non esita a perdonarla. Questa sono io.
    Christian arriva alla consapevolezza di appartenere all'universo da molte vite oramai, ed è legato ad esso attraverso la nostalgia di epoche e situazioni lontane che rivive pian piano nella sua memoria. Questa vorrei essere io.
    Confesso che la reincarnazione è un tema che mi affascina (nonostante io sia cristiana ma chi mi conosce sa bene che ho la mente aperta a qualsivoglia religione purché si segua questa “regola”, e cito ora parole che condivido dal libro “vivi la tua vita con rettitudine, non far del male a nessuno e si ti va di festeggiare una solennità che non ti appartiene per retaggio culturale soltanto perché ti rende felice, fallo”) e potrei quasi scambiare questo mio amore e questa mia venerazione per epoche passate e per personalità legate ad altri secoli come ricordi e sensazioni che non sono altro che il frutto di esistenze precedenti...
    Si, sarebbe bello e si spiegherebbero di me molte “stranezze”...

    Brûlant come ci ricorda Anita è un libro di magia e d'amore, ma è anche un libro che vuole spronarci alla piena conoscenza di noi stessi. Ciascuno di noi ha dentro di sé un mondo da scoprire e donare; questo l'ho sempre pensato. Per quel che mi riguarda, per manifestare agli altri quello che ho dentro, ho trovato come mezzo la scrittura.
    Scrivere è il mio compiere magie, come credo lo sia anche per Anita.
    Il finale mi ha lasciato parecchio spiazzata, ma so che tra non molto uscirà il seguito quindi conserverò pazienza ancora per poco.
    Se vi consiglio questo libro? Assolutamente si.
    L'unica pecca? Alcuni errori di battitura, piccoli refusi che capita di incontrare spesso però anche nei libri dei grandi, ma che non disturbano affatto la lettura.

    Non chiedetemi per dove cosa o chi provo nostalgia riferendomi a epoche passate. Forse è solo la mia immaginazione, ma penso e dico sempre che sarei dovuta nascere altrove e in un altro tempo e in altro luogo, in compagnia magari di un certo Ellis Bell...

    ha scritto il 

  • 4

    In grado di guidare il lettore attraverso luoghi e tempi lontani

    Trama ben orchestrata che stimola il lettore a porsi delle domande, in perfetta sintonia con i protagonisti. I cenni storici sono ben documentati e danno lo spunto ai curiosi per piccole ricerche pers ...continua

    Trama ben orchestrata che stimola il lettore a porsi delle domande, in perfetta sintonia con i protagonisti. I cenni storici sono ben documentati e danno lo spunto ai curiosi per piccole ricerche personali.
    L'opera presenta qualche piccola imperfezione, ma complessivamente è un ottimo libro.

    ha scritto il 

  • 4

    Recensione Club Urban Fantasy

    Brûlant, opera prima di Anita Borriello, è il primo romanzo della saga omonima, di questo romanzo avevo già fatto l'anteprima che potete trovare a questo link: qui.

    I temi trattati sono molto interes ...continua

    Brûlant, opera prima di Anita Borriello, è il primo romanzo della saga omonima, di questo romanzo avevo già fatto l'anteprima che potete trovare a questo link: qui.

    I temi trattati sono molto interessanti, esoterismo, mangia, congreghe, entità incorporee, reincarnazione, per essere un'opera prima sono rimasta veramente molto colpita. Scritto in prima persona, presenta però un doppio punto di vista, alternato capitolo dopo capitolo. I protagonisti infatti sono Christian e Brigitte, fidanzati a distanza da diverso tempo (lui lavora all'università di Pisa, mentre lei vive a Roma) fin quando Christian non ritiene sia arrivato il momento fatidico per un uomo di chiedere alla propria donna di sposarlo, non ottenendo però la risposta sperata. Le vite dei due si separano per il momento, attendendo il momento in cui il loro amore li ricongiungerà (almeno si spera). Il tema centrale è sicuramente l'amore: quello vero con la A maiuscola, che malgrado le avversità e i problemi che la vita ci mette davanti, non deve essere lasciato scappare. Troppe volte infatti Brigitte si è lasciata sfuggire la possibilità di vivere questo amore, in troppe vite ha rinunciato, ma ora non è più disposta a lasciar perdere perché questa è l'ultima sua possibilità, non ce ne saranno altre.

    La recensione continua su Club Urban Fantasy:
    http://cluburbanfantasy.blogspot.it/2012/07/recensione-brulant.html

    ha scritto il 

  • 4

    Mi è piaciuto il primo romanzo di questa esordiente.
    Mi è piaciuta la trama (tutt'altro che scontata), mi è piaciuta la complessità dei personaggi, mi sono piaciute la costruzione degli intrecci e le ...continua

    Mi è piaciuto il primo romanzo di questa esordiente.
    Mi è piaciuta la trama (tutt'altro che scontata), mi è piaciuta la complessità dei personaggi, mi sono piaciute la costruzione degli intrecci e le ambientazioni. L'unico difetto che ho riscontrato sono alcuni errori ripetuti.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    http://www.amazon.it/Br%C3%BBlant-Saga-ebook/dp/B006E5LB30/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1343929917&sr=1-1

    Per ora mi ha messo in difficoltà, ma riproverò a leggerlo...

    Ho visto su amazon.it che è in revisione perciò attendo la nuova versione per riprovare a leggerlo...

    ha scritto il