Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Brat Farrar

By Josephine Tey

(5)

| Paperback | 9780684803852

Like Brat Farrar ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

In this tale of mystery and suspense, a stranger enters the inner sanctum of the Ashby family posing as Patrick Ashby, the heir to the family's sizable fortune. The stranger, Brat Farrar, has been carefully coached on Patrick's mannerism's, appearanc Continue

In this tale of mystery and suspense, a stranger enters the inner sanctum of the Ashby family posing as Patrick Ashby, the heir to the family's sizable fortune. The stranger, Brat Farrar, has been carefully coached on Patrick's mannerism's, appearance, and every significant detail of Patrick's early life, up to his thirteenth year when he disappeared and was thought to have drowned himself. It seems as if Brat is going to pull off this most incredible deception until old secrets emerge that jeopardize the imposter's plan and his life.

7 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Il sole un po' pallido sulle distese di prato inglese! E cavalli, famiglie e sosia misteriosi. Un libro molto intrigante che sbava solo un poco in inizio e fine, ma per il resto avvolge nel suo tepore.

    Is this helpful?

    Henrietta Stackpole said on Apr 17, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Brat Farrar by Josephine Tey

    My rating: 4 of 5 stars


    Free download at Project Gutenberg Australia


    Chapter 1:
    "At this same table had eaten Ashbys who had died of fever in India, of wounds in the Crimea, of starvation in Queensland, of typhoid at the Cape, and of cirrhosis of the liver in the Straits Settlements. But always there had been an Ashby at Latchetts; and they had done well by the land."

    "No queens had come to Latchetts to dine; no cavaliers to hide. For three hundred years it had stood in its meadows very much as it stood now; a yeoman’s dwelling. And for nearly two of those three hundred years Ashbys had lived in it."
    "But the Ashbys stayed at Latchetts."

    Chapter 18:
    "Antipathy or no antipathy, common sense or no common sense, he wanted to know where Simon Ashby was when his twin went over the Westover cliffs."

    Page 176:
    "Some day, Brat Farrar, he thought as he walked down the path to the Rectory, you are going to be faced with something that you couldn’t possibly have forgotten."

    Page 219:
    “I suppose because you are the only one who doesn’t believe that I am Patrick.”
    “You mean, don’t you, that I’m the only one who knows you’re not?”"

    Another splendid gothic mystery written by Josephine Tey which books are becoming available at public domain.


    Is this helpful?

    Laura N said on Apr 3, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Il mistero sulla scomparsa/suicidio di Patrick è facilmente intuibile fin dalle prime pagine, quindi la soluzione lascia tutt'altro che sorpresi. Ma Josephine Tey è una narratrice straordinaria e grazie ai suoi personaggi vividi e credibili, ed alla ...(continue)

    Il mistero sulla scomparsa/suicidio di Patrick è facilmente intuibile fin dalle prime pagine, quindi la soluzione lascia tutt'altro che sorpresi. Ma Josephine Tey è una narratrice straordinaria e grazie ai suoi personaggi vividi e credibili, ed alla sottile tensione che pervade la narrazione riesce a catturare l'attenzione del lettore fino alla fine.

    Is this helpful?

    Yuelung said on Feb 23, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un giallo tradizionale con belle ambientazioni e una costruzione appassionante. Bella scoperta :-)

    Is this helpful?

    chrisdavis said on Oct 6, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Brat Farrar

    Una scrittrice davvero fine.L' Inghilterra raccontata da Tey è ancora più bella.

    Is this helpful?

    Jo said on Jun 3, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una piacevole scoperta.

    Mi sono imbattuta in questo libro per caso, proprio quando ne cercavo uno per riempire un pomeriggio di viaggio in treno.
    Non solo è stata una fortunatissima scelta, ma in sua compagnia le ore monotone sul treno son passate in un lampo!
    Josephine T ...(continue)

    Mi sono imbattuta in questo libro per caso, proprio quando ne cercavo uno per riempire un pomeriggio di viaggio in treno.
    Non solo è stata una fortunatissima scelta, ma in sua compagnia le ore monotone sul treno son passate in un lampo!
    Josephine Tey ha scritto questo romanzo alla fine degli anni quaranta e mi ha piacevolmente stupita per la freschezza dello stile, per la scorrevolezza della scrittura, per l'ironia pungente e a tratti addirittura dissacrante.
    E' la storia di una truffa, di un omicidio, di una redenzione, in cui i personaggi sono ben delineati, anche quelli di contorno, e la Campagna Inglese è uno dei protagonisti.
    Più che un giallo, è un "mistery", genere fortunato nell'Inghilterra di quel periodo: scordatevi l'impianto classico alla Nonna Agatha (presentazione dei personaggi nella location della storia; omicidio; intervento dell'investigatore -più o meno dilettante- indagine e interrogatori faccia a faccia; risoluzione del mistero), qua c'è un truffatore che sa di esserlo, che fa un "colpaccio", la fa pure franca, salvo poi trovarsi faccia a faccia con qualcosa di molto più grande e pericoloso... e inspiegabilmente ti metti a fare il tifo per lui, sperando pure che non lo scoprano!
    Ecco la grande bravura di Josephine Tey, semisconosciuta e virtuosa della macchina da scrivere finora ignorata.
    Mea culpa!

    Is this helpful?

    RedBallerina said on May 28, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book