Breakfast at Tiffany's

By

Publisher: Penguin Classics

3.9
(5367)

Language: English | Number of Pages: 160 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Catalan , German , Italian , French , Portuguese , Czech , Slovenian , Greek , Dutch

Isbn-10: 0141182792 | Isbn-13: 9780141182797 | Publish date: 

Also available as: Audio Cassette , Hardcover , Others , Mass Market Paperback , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Breakfast at Tiffany's ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Holly Golightly, glittering socialite traveller, generally upwards, sometimes sideways and once in a while down. She's up all night drinking cocktails and breaking hearts. She's a shoplifter, a delight, a drifter, a tease. She hasn't got a past.She doesn't want to belong to anything or anyone. Not to 'Rusty' Trawler, the blue-chinned, cuff-shooting millionaire man about women about town. Not to Salvatore 'Sally' Tomato, the Mafia sugar-daddy doing life in Sing Sing. Not to a starving writer. Not even to her one-eyed rag-bag pirate of a cat. One day Holly might find somewhere she belongs. Until then she's travelling.
Sorting by
  • 4

    Signorina Holiday Goligthly, in transito

    Vi presento Holly Golightly, una bellissima bambina o, come direbbe qualcuno che le vuole meno bene di me, una montatura, ma una montatura autentica. E' quello che dice, tra le righe, l'io narrante di ...continue

    Vi presento Holly Golightly, una bellissima bambina o, come direbbe qualcuno che le vuole meno bene di me, una montatura, ma una montatura autentica. E' quello che dice, tra le righe, l'io narrante di questo breve romanzo, alter ego dello scrittore.
    Ad ispirare Truman Capote fu Marylin Monroe - “bellissima bambina” - ed è questa la differenza sostanziale tra il libro e il film cult che ne è stato tratto.
    Quel mix di innocenza e peccato, quell'intelligenza nascosta dietro la maschera da svampita, quella solitudine profonda appartenevano alla bionda star hollywoodiana e per apprezzare al meglio queste pagine è necessario dimenticarne la versione cinematografica. Sono pagine scritte in stato di grazia, raffinate, ironiche e mai volgari.
    Holly è una prostituta d'alto bordo “in transito”, alla ricerca di un posto tutto suo dove stabilirsi: “Non so ancora precisamente dove sarà. Ma so com'è”.
    Quello che non sa è che a volte la felicità può posarsi non vista sulla scala di sicurezza di un edificio newyorkese dell'East Side, mentre asciugandosi i capelli al sole e pizzicando le corde di una chitarra si racconta la propria vita ad un vicino di appartamento aspirante scrittore.
    Lui, chiaramente omosessuale, diventa il suo unico vero amico, il suo Fred, fratello che invoca nei sogni: “Dove sei, Fred? Perché fa freddo. C'è neve nel vento”.
    “Fred” conosce il suo vezzo infantile di grattarsi il naso quando le rivolge domande importune, le “tolette” con cui si guadagna da vivere, il gatto senza nome amato “senza impegno”, il suo cuore onesto: “Sii quello che vuoi ma non un vigliacco, un fanfarone, un ladro di emozioni, una sgualdrina”.
    Il mondo fatuo di milionari ambigui, starlette ottuse e pigmalioni di mezza tacca viene descritto senza sbavature, tra battute argute e litri di alcol che non scaldano mai abbastanza.
    Molto più corroborante, rimedio infallibile scaccia “paturnie”, è fare un salto da Tiffany: “Non ci può capitare niente di brutto là dentro, con quei cortesi signori vestiti così bene, con quel simpatico odore d'argento e di portafogli di coccodrillo”.
    A fare da sfondo a questa improbabile amicizia c'è New York con le sue giornate autunnali deliziosamente tratteggiate, che fanno pensare al futuro parlando del passato ed hanno la struggente bellezza delle foglie che cadono.

    said on 

  • 3

    Frasi dal libro

    “Mi sono accorta che per sentirmi meglio mi basta prendere un taxi e farmi portare da Tiffany. E’ una cosa che mi calma subito, quel silenzio e quell’aria superba: non ci può capitare niente di brutto ...continue

    “Mi sono accorta che per sentirmi meglio mi basta prendere un taxi e farmi portare da Tiffany. E’ una cosa che mi calma subito, quel silenzio e quell’aria superba: non ci può capitare niente di brutto là dentro, non con quei cortesi signori vestiti così bene, con quel simpatico odore d’argento e di portafogli di coccodrillo.”
    https://frasiarzianti.wordpress.com/2016/07/13/colazione-da-tiffany-truman-capote/

    said on 

  • 4

    Le pagine sono pochissime di questa storia, poco più di 100, ma ci presentano un personaggio memorabile, di cui è inevitabile innamorarsi e che si ricorderà sempre con affetto. Holly Golightly, la pro ...continue

    Le pagine sono pochissime di questa storia, poco più di 100, ma ci presentano un personaggio memorabile, di cui è inevitabile innamorarsi e che si ricorderà sempre con affetto. Holly Golightly, la protagonista di questo estroso romanzo breve, è una cover-girl di New York, attrice cinematografica mancata, generosa di sé con tutti, consolatrice di carcerati, eterna bambina chiassosa e scanzonata. E' un personaggio incantevole, dotato di una sorprendente grazia poetica. Intorno a lei ruotano tipi bizzarri come Sally Tomato, paterno gangster ospite del penitenziario di Sing Sing, O.J. Berman, il potente agente dei produttori di Hollywood, il "vecchio ragazzo" Rusty Trawler, Joe Bell, proprietario di bar e timido innamorato... Una storia dolce/amara in cui la strambissima protagonista Holly nonostante tutti i suoi difetti (e sono davvero tantissimi) si fa amare perchè dotata di un carisma pazzesco, che nonostante abiti in una topaia disordinata, sporca e fatiscente non si può fare a meno di immaginarla vestita di costosissimi abiti,trucco impeccabile, gioielli giusti al posto giusto e una nuvola di profumo che lascia dietro una lunghissima scia pronta ad ammaliare chiunque le capiti vicino.
    Nonostante le pagine siano poche le avventure invece sono tantissime, come altrettanti sono i personaggi di questa vicenda che si incastrano in questo meccanismo perfetto dove ognuno trova il suo "posto nel mondo" e dove ognuno fa esattamente quello che ci si aspetta sia nel bene che nel male. Un libro davvero intenso, non ho visto il film ma non ho affatto avuto difficoltà a immaginare l'affascinante Holly nelle vesti della bellissima, elegantissima e anche un pò svampitella Audrey Hepburn, mancanza che voglio assolutamente recuperare perchè questa è una di quelle storie che lasciano il segno.

    said on 

  • 4

    Il romanzo di Capote risponde pienamente al suo stile e lo rende unico perché il lettore si deve orientare in mezzo a tutta una serie di indizi e di note obbligando chi legge a farsi un'idea della sto ...continue

    Il romanzo di Capote risponde pienamente al suo stile e lo rende unico perché il lettore si deve orientare in mezzo a tutta una serie di indizi e di note obbligando chi legge a farsi un'idea della storia e dei personaggi senza che lo scrittore lo condizioni troppo. Capote ha l'arte rara della sintesi, con poche parole descrive al meglio le persone e le situazioni che restano come scolpite dentro il racconto. Holly non è Audrey Hepburn, il film è altra cosa, ha creato un'icona perdendo molto di quello che il personaggio è nel libro. Una ragazzina di cui si può immaginare un'infanzia terribile di privazioni e probabilmente anche di violenza, che cerca disperatamente di trovare una collocazione nel mondo, una sicurezza economica, una vita e dei sogni che non gli appartengono. Holly è un bluff, questo è il significato profondo che ho colto e che spesso viene ribadito dall'impresario cinematografico, forse ce la farà ma non se saremo mai sicuri.

    said on 

  • 4

    "Io no. Non mi abituo mai a niente, io. Chi si abitua a tutto tanto vale che muoia."

    Un libro che è un inno ad una figura femminile: Holly Golightly che è alla continua ricerca di un posto nel mondo, una ragazza dolce, caparbia, cinica e sognatrice che è rimasta nei nostri cuori per s ...continue

    Un libro che è un inno ad una figura femminile: Holly Golightly che è alla continua ricerca di un posto nel mondo, una ragazza dolce, caparbia, cinica e sognatrice che è rimasta nei nostri cuori per sempre, perché interpretata nella versione cinematografica dalla indimenticabile Audrey Hepburn.
    Un piccolo libro che ci parla di una figura eccentrica, che conduce una vita sregolata, tra mille eccessi, un'attrice mancata, che al campanello del suo appartamento ha messo il cartellino con su scritto "in transito", perché lei è una persona che difficilmente si stabilisce in un posto, Holly cerca un luogo "speciale" nel quale sentirsi "speciale", libera e completamente sé stessa, senza costrizioni ed obblighi.
    "Non voglio dormire, Non voglio morire, Voglio soltanto viaggiare per i pascoli del cielo."
    La vita è complicata e spesso si può soffrire di "paturnie", curabili solo andando nella meravigliosa gioielleria da Tiffany.
    "La melanconia viene perché si diventa grassi, o perché piove da troppo tempo. Si è tristi, ecco tutto. Ma le paturnie sono orribili. Si ha paura, si suda maledettamente, ma non si sa di che cosa si ha paura. Si sa che sta per capitarci qualcosa di brutto, ma non si sa che cosa."
    Holly possiede un gatto, al quale non ha dato neppure un nome, lei dice: "Ci siamo incontrati un giorno per caso vicino al fiume, non apparteniamo l'uno all'altra; e lui è indipendente, come me. Non voglio possedere niente finché non avrò trovato un posto dove io e le cose faremo un tutto unico. Non so ancora precisamente dove sarà. Ma so com'è", al termine del libro i lettori si augurano che lei abbia esaudito il suo sogno, la stravagante Holly che ci insegna a non perdere la speranza e i desideri, che rifugge da tutto e da tutti.
    "E' stato questo lo sbaglio di Doc. Si portava sempre a casa qualche bestiola selvatica. Un falco con un'ala spezzata. E una volta un gatto selvatico adulto con una zampa rotta. Ma non si può dare il proprio cuore a una creatura selvatica; più le si vuol bene più forte diventa. Finché diventa abbastanza forte da scappare nei boschi. O da volare su un albero. Poi in cielo. E sarà questa la vostra fine, signor Bell, se vi concederete il lusso di amare una creatura selvatica. Finirete per guardare il cielo."
    Con il suo stile scorrevole e diretto, Capote, ha costruito un personaggio, dalle mille sfaccettature, il racconto di una ragazza piena di desideri, affascinante e "leggera" che rimarrà per sempre nel cuore del lettore.
    "L'amore dovrebbe essere libero."

    said on 

  • 4

    Il film, paragonato al libro e al suo splendido personaggio, perennemente in transito come può esserlo solo un animo fatto di luci a cui si sovrappongono violente ombre cupe, è un polpettone sentiment ...continue

    Il film, paragonato al libro e al suo splendido personaggio, perennemente in transito come può esserlo solo un animo fatto di luci a cui si sovrappongono violente ombre cupe, è un polpettone sentimentale e vagamente malmostoso. Alcuni dialoghi sono da antologia.

    said on 

  • 3

    Molto più cattiva triste e pazzarella della Holly cinematografica. Ma impossibile ormai non vedere la magica Hepburn tra le pagine di questo bel libro

    said on 

  • 3

    Un sabato pomeriggio con Holly Golightly rigenera, dà una mano di vernice fresca alla giornata di chichessia.

    Holly Golightly, una delle tante malas ninas che la letteratura dipinge, che sia la La ...continue

    Un sabato pomeriggio con Holly Golightly rigenera, dà una mano di vernice fresca alla giornata di chichessia.

    Holly Golightly, una delle tante malas ninas che la letteratura dipinge, che sia la Laide di Un amore di Buzzati, che sia la ragazza cattiva di Vargas Llosa o la Lolita di Nabokov o molte altre malas ninas che nei prossimi giorni affolleranno la mia mente…

    Ma Holly è più, più…, incantevole, sbarazzina, frivola, svampita ma solo agli occhi degli sciocchi che non vedono al di là di un bel nasino all’insù, di un tubino nero e di una collana di perle, l’inafferrabile Holly sempre in transito con l’aria sana di chi vive di latte e burro, anche se sicuramente amorale, in fondo non è che una ventenne prezzolata ma… ammantata da charme ed eleganza, e alla grazia ed all’eleganza molto si perdona, specialmente quando dietro batte un cuore che sa rimanere puro e genuino.

    Holly, bestiola selvatica che non si fa addomesticare da alcuno

    Non amate mai una creatura selvatica, signor Bell," lo ammonì Holly. "È stato questo lo sbaglio di Doc. Si portava sempre a casa qualche bestiola selvatica. Un falco con un'ala spezzata. E una volta un gatto selvatico adulto con una zampa rotta. Ma non si può dare il proprio cuore a una creatura selvatica; più le si vuol bene più forte diventa. Finché diventa abbastanza forte da scappare nei boschi. O da volare su un albero. Poi su un albero più alto. Poi in cielo. E sarà questa la vostra fine, signor Bell, se vi concedete il lusso di amare una creatura selvatica. Finirete per guardare il cielo>

    Bestiola selvatica che ha nel cuore il suo luogo del cuore.
    Holly che quando è triste ferma un taxi con un fischio, lo prende al volo e si fa portare in 5th Avenue da Tiffany, non altro che… per una colazione da Tiffany.
    Entra e si muove nel tempio dell’effimero, sicura tra teche trasparenti, custodi di minuscoli cristalli di carbonio volgarmente chiamati diamanti, le cui 57 faccette dal taglio a brillante riverberano raggi di luce artificiale e raggi di luce di sogni femminili, ….luogo che calma Holly con tutto quel silenzio, quei passi felpati di perdigiorno che guardano e poco comprano, quell’aria superba che aleggia tra le sale, quei gentili signori vestiti così bene e sorridenti.
    Tiffany dove nulla di brutto le può capitare, in fondo un desiderio tanto accessibile e poco ambizioso, meno di un caffè, e, come la deliziosa Holly, ognuno ha dentro il cuore il proprio Tiffany dove consumare una vera colazione, il luogo - miraggio dove si va perchè solo quel posto ci fa stare bene.

    Ottimo Truman Capote, penna eccellente che sa scrivere su tutto e per tutti: freddo e asciutto se cronaca nera, lieve e mondano quando impersona i pensieri di una donna meglio di una donna stessa, poetico e rurale come nel delicatissimo L’arpa d’erba.

    said on 

  • 5

    Holiday Golightly, in transito.
    Che personaggio meraviglioso quello creato da Capote.
    Assieme fragile e determinata, in perenne impossibile equilibrio tra romanticismo e materialismo, frivola e intens ...continue

    Holiday Golightly, in transito.
    Che personaggio meraviglioso quello creato da Capote.
    Assieme fragile e determinata, in perenne impossibile equilibrio tra romanticismo e materialismo, frivola e intensa, irrefrenabile manifestazione dell'irrequietezza.
    Come si può non innamorarsi di una ragazza così. Della ragazza impossibile. Anche io me ne sono innamorato da qualche parte in mezzo a queste pagine. E anche io ho capito, come il narratore, che questa creatura straordinaria dovesse essere lasciata libera, perché quando porti a casa un animale selvatico, prima o poi finisci che guardi il cielo.

    said on 

Sorting by
Sorting by