Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Breathing Lessons by Anne Tyler - Large Print Edition

By

Publisher: Knopf

3.8
(267)

Language:English | Number of Pages: | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , Japanese , Italian , Spanish , Finnish

Isbn-10: 0739416529 | Isbn-13: 9780739416525 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , School & Library Binding , Audio Cassette , Others , Mass Market Paperback , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Philosophy

Do you like Breathing Lessons by Anne Tyler - Large Print Edition ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    Forse non ho iniziato dal romanzo migliore, sebbene Anne Tyler abbia vinto il Pulitzer nel 1989 proprio con Lezioni di respiro. Ci sono tutti gli ingredienti che, da quanto leggo, caratterizzano le op ...continue

    Forse non ho iniziato dal romanzo migliore, sebbene Anne Tyler abbia vinto il Pulitzer nel 1989 proprio con Lezioni di respiro. Ci sono tutti gli ingredienti che, da quanto leggo, caratterizzano le opere dell’autrice: la quotidianità e le debolezze di uomini e donne comuni, Baltimora, un filo di ironia, le ansie e le manie di una famiglia come tante, anche se ogni famiglia è disgraziata a modo suo…
    Epperò è mancato il coinvolgimento che mi aspettavo di trovare in un romanzo della Tyler. Probabilmente è sempre un problema di aspettative elevate.
    La storia ruota intorno alla famiglia Moran. Maggie è la versione giovane e americana di mia suocera, la cui vita si è modellata sulle esigenze dei figli; sempre un po’ a dieta ma sempre pronta a trasgredire, perché “che vuoi che mi faccia un cucchiaino di gelato?”; una di quelle donne che da una frase ascoltata per caso riescono a girare un intero film. E pretendono di convincerti che “è andata proprio così, non posso che avere ragione”.
    Suo marito, Ira Moran, è la versione americana e, se possibile, ancora più taciturna di mio padre. “C’erano dei periodi in cui Ira non arrivava a dire una dozzina di parole in tutto il giorno, e anche quando parlava non si riusciva mai a capire quello che provava. Era un uomo chiuso, isolato: era il suo difetto più grave”. Quando dicono che gli opposti si attraggono…
    Una relazione che, come tutte le storie, è fatta di alti e bassi.
    “Quando si era sposata aveva pensato che lui l’avrebbe sempre guardata come in quella prima notte, quando era comparsa in piedi di fronte a lui nel suo negligé del suo corredo da sposa […] L’aveva guardata dritto negli occhi e sembrava che non respirasse nemmeno. Aveva pensato che sarebbe continuato così per sempre”. Entrambi hanno sogni e progetti che sembrano non essere impossibili. Certo, bisognerà pur scendere a qualche compromesso, ma non si dovrà rinunciare a tutto. Invece, con l’avanzare degli anni, Ira Moran si scopre molto sensibile allo spreco. “Aveva rinunciato all’unico sogno serio che avesse mai avuto. Non si può esser più spreconi di così”.
    Poi ci sono i figli che crescono e i matrimoni che naufragano.
    La Tyler racconta cose così; si chiamano Moran e vivono a Baltimora ma potrebbero anche chiamarsi Bianchi e vivere in un paesetto italico. Sarebbe più o meno la stessa cosa.
    Forse in questo romanzo l’ha tirata un po’ troppo per lunghe; non lo molli ma si arranca.

    said on 

  • 3

    Ho trovato l'idea di base (la vicenda familiare su cui si basa l'intero romanzo) originale e lo stile scorrevole....quello che non mi ha convinto fino in fondo è stato l'aver"compresso"tutti i fatti s ...continue

    Ho trovato l'idea di base (la vicenda familiare su cui si basa l'intero romanzo) originale e lo stile scorrevole....quello che non mi ha convinto fino in fondo è stato l'aver"compresso"tutti i fatti salienti in una sola giornata, cosa che ha reso meno verosimile l'intera vicenda.

    said on 

  • 4

    Microcosmo americano

    Spaccato di un microcosmo americano a tratti banale e semplice, ma la scrittura pulita e delicata e le vicende narrate con dettagli ma senza mai esagerare offrono uno spaccato di questa tranquilla cop ...continue

    Spaccato di un microcosmo americano a tratti banale e semplice, ma la scrittura pulita e delicata e le vicende narrate con dettagli ma senza mai esagerare offrono uno spaccato di questa tranquilla coppia di anonimi americani alle prese con la loro famiglia, i loro pensieri e le problematiche di tutti i giorni. Mi è piaciuto molto la tranquilla semplicità e schiettezza di Ira che contrastava con l'esuberanza infantile e maldestra di Maggie.
    Il Premio Pulitzer però mi sembra un po' esagerato.

    said on 

  • 2

    tanto mi era piaciuto "back when we were grownups" quanto ho trovato inutilmente lungo e noioso questo romanzo di anne tyler, premio pulitzer 1989. la storia è potenzialmente interessante (raccontare ...continue

    tanto mi era piaciuto "back when we were grownups" quanto ho trovato inutilmente lungo e noioso questo romanzo di anne tyler, premio pulitzer 1989. la storia è potenzialmente interessante (raccontare un matrimonio "normale" in una sola giornata costellata di flashback), ma le digressioni sono spesso tediose e didascaliche, i protagonisti più che umanamente fragili sono antipatici- maggie sciocca, maldestra e manipolatrice, ira rigido e insofferente- e bidimensionali. non mi è piaciuto nemmeno il rapporto con i due figli, che restano al margine della storia e, questa volta, secondo me, il tentativo di raccontare la quieta infelicità del quotidiano (e gli sprazzi di gioia) fallisce.

    said on 

  • 4

    Con questo libro la Tyler ha vinto il Pulitzer, anche se a mio avviso non rientra tra i suoi libri migliori.
    La narrazione si svolge all'interno di una giornata, nella quale i vari personaggi, tra cui ...continue

    Con questo libro la Tyler ha vinto il Pulitzer, anche se a mio avviso non rientra tra i suoi libri migliori.
    La narrazione si svolge all'interno di una giornata, nella quale i vari personaggi, tra cui una protagonista decisamente irritante, vivono esperienze ordinarie di portata straordinaria, come sempre accade nei romanzi della Tyler.
    Tuttavia mi è parso molto più significativo, ricercato e poetico il suo "Turista per caso".

    said on 

  • 5

    Lezioni di gentilezza

    Questa scrittrice deve essere una persona molto amabile. Nei suoi libri i personaggi sono tutti buoni, i vicini attenti e premurosi, le persone hanno difficoltà a comunicare ma quasi sempre le miglior ...continue

    Questa scrittrice deve essere una persona molto amabile. Nei suoi libri i personaggi sono tutti buoni, i vicini attenti e premurosi, le persone hanno difficoltà a comunicare ma quasi sempre le migliori intenzioni. Viene voglia di andare a stare dove vive lei. Con questo non voglio dire che sia una persona zuccherosa o noiosa. E' tutto il contrario. E' una scrittrice intelligente e penetrante che descrive le piccole difficoltà di comunicazione in una coppia dove lei è una donna ipersensibile, emotiva, irragionevole e molto dolce. Una che riesce a vedere i sentimenti del figlio sepolti sotto strati di cattive maniere. Una grande impicciona che con le migliori intenzioni riesce solo a combinare guai. Il marito è l'opposto, un uomo che burbero, pratico, ragionevole e sensato. Il libro però non è comico, ma più sottile anche se molte situazioni fanno sorridere. E' una storia delicata e gentile e intelligente come la sua autrice scritta con una freschezza abbastanza unica. I personaggi sembrano vivi. Meritatissimo Pulitzer.

    said on 

  • 5

    Vale lo stesso discorso fatto per Oz e Carver, ed anche per altri formidabili indagatori dell’animo umano quali Abraham Yeoshua o Joyce Carol Oates: in questo romanzo premio Pulitzer, la Tyler prende ...continue

    Vale lo stesso discorso fatto per Oz e Carver, ed anche per altri formidabili indagatori dell’animo umano quali Abraham Yeoshua o Joyce Carol Oates: in questo romanzo premio Pulitzer, la Tyler prende una coppia di mezza età (lei svampita ed imbranata, lui rigido e severo) e la segue lungo un’intera giornata, in cui si racchiude l’intero canovaccio della loro esistenza circolare. Grandissimo romanzo, un capolavoro di stile e sensibilità, una lettura che fa bene al cuore o lo devasta, a seconda della ricettività del lettore. Una nota a parte per il livello dilettantesco della traduzione: incredibile che un’autrice simile ed un romanzo così importante siano stati oggetto di una traduzione così ignobile, in cui addirittura vengono tradotti i titoli ed i versi delle canzoni citate nel corpo del testo invece che in una nota a pie’ di pagina. Ho sinceramente provato imbarazzo per il traduttore come raramente mi era capitato prima.

    said on 

  • 4

    Ann Tyler vuelve a escribir sobre lo que mejor se la da: la historia de una familia y sus complejas relaciones personales y sentimentales.
    Esta novela obtuvo el premio Pulitzer por su extraordinaria y ...continue

    Ann Tyler vuelve a escribir sobre lo que mejor se la da: la historia de una familia y sus complejas relaciones personales y sentimentales.
    Esta novela obtuvo el premio Pulitzer por su extraordinaria y fabulosa calidad.
    Como se ve, no soy nada ecuánime, ya que es una de mis escritoras favoritas.

    said on