Breve storia di (quasi) tutto

Di

Editore: Guanda

4.2
(1610)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 589 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Portoghese , Tedesco , Olandese , Svedese , Finlandese , Danese , Sloveno , Basco , Norvegese , Indiano (Hindi) , Polacco , Francese

Isbn-10: 8882467708 | Isbn-13: 9788882467708 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Mario Fillioley

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , eBook

Genere: Storia , Non-narrativa , Scienza & Natura

Ti piace Breve storia di (quasi) tutto?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Viviamo in un pianeta di cui si sa poco o addirittura quasi nulla. Quanto ègrande? Quali leggi ne governano il moto, la natura, i fenomeni? È per questoche Bryson si è convinto che, prima di lasciarlo, sia giusto provare aconoscerlo un po' meglio, usare la propria intelligenza e curiosità perscoprirne le regole e i segreti. E allora parte per un viaggio molto diversoda quelli che ha raccontato negli ultimi anni, un viaggio che lo conduce nelmondo delle scoperte e delle conoscenze scientifiche, narrando la storiadell'universo come se fosse un romanzo, facendo comprendere, senza difficoltàinutili, la teoria della relatività, i segreti chimici del big bang, le leggidell'evoluzionismo, con una prosa ironica e divertente.
Ordina per
  • 3

    L'idea alla base del libro è senza dubbio accattivante: raccontare una storia di quasi tutto (chimica, biologia, oceanografia..) partendo dai protagonisti. Sono rimasta affascinata dagli scienziati de ...continua

    L'idea alla base del libro è senza dubbio accattivante: raccontare una storia di quasi tutto (chimica, biologia, oceanografia..) partendo dai protagonisti. Sono rimasta affascinata dagli scienziati del settecento ottocento, uomini eclettici e "strani", generalmente vulcani di idee.
    Mi ha coinvolto meno la parte del libro dedicata all'origine della vita, di lettura più faticosa e stancante.
    Nel complesso è un bell'esempio di come si possa parlare di cose difficili in modo anche facile, ma l'ambizione di parlare di tutto in 500 pagine è davvero troppo.

    ha scritto il 

  • 4

    Effettivamente una breve storia di quasi tutto: dal big bang ad oggi.
    Una storia vista dalla prospettiva scientifica.
    Piena di nomi, date e teorie, ma scorrevole e densa di aneddoti piacevoli. ...continua

    Effettivamente una breve storia di quasi tutto: dal big bang ad oggi.
    Una storia vista dalla prospettiva scientifica.
    Piena di nomi, date e teorie, ma scorrevole e densa di aneddoti piacevoli.

    ha scritto il 

  • 5

    Breve storia di (quasi) tutto è un interessantissimo saggio di divulgazione scientifica che si prefigge, per l’appunto, di raccontarci la storia di quasi tutte le scoperte scientifiche più importanti ...continua

    Breve storia di (quasi) tutto è un interessantissimo saggio di divulgazione scientifica che si prefigge, per l’appunto, di raccontarci la storia di quasi tutte le scoperte scientifiche più importanti in diversi ambiti quali la fisica, la chimica, la biologia, la formazione della Terra e tutto ciò che accade sul nostro pianeta. Il tutto condensato in 600 pagine circa.
    I punti di forza di questo libro sono la semplicità con cui vengono spiegati concetti anche molto complessi, o la capacità dell’autore di farci esempi pratici che siano più o meno riconducibili alla nostra vita quotidiana: ho adorato gli esempi che vengono fatti soprattutto nella prima parte, dedicata all’Universo, in cui l’autore spesso utilizza cose molto semplici, come oggetti o alimenti, per farci comprendere distanze e dimensioni inimmaginabili: per esempio, ci spiega che le mappe del sistema solare non sono in scala perché le distanze tra un pianeta e l’altro sarebbero comunque troppo grandi, anche se usassimo un pisello per rappresentare la Terra. La cosa strabiliante è che, pur utilizzando esempi di questo genere, le cose che vuole spiegarci risultano comunque spesso inimmaginabili, proprio perché riguardano dimensioni, distanze temperature che vanno oltre il nostro sentire. Ho trovato comunque davvero ammirevole la capacità dell’autore di semplificare i concetti senza comunque nulla togliere alla spiegazione scientifica: per cui voi troverete ad esempio le distanze reali, accanto agli esempi, che serviranno solo per darvi un’idea della vastità dell’universo in cui si trova il nostro pianeta.
    Altro punto di forza del libro è lo stile dell’autore: ci sono spiegazioni di concetti anche piuttosto complessi, resi comunque accessibili anche a chi magari ha studiato quei concetti tanti anni fa a scuola; per esempio, ho trovato che la spiegazione della teoria del bosone di Higgs (ai tempi in cui è stato scritto e pubblicato il libro, nel 2006, il bosone era ancora solo teorico: è stato rilevato nel 2012) fosse comunque abbastanza chiara. Ci sono momenti in cui gli esempi che l’autore sceglie di fare sono divertenti o talmente inimmaginabili da far sorridere; e ci sono altri momenti in cui le parole scelte per descrivere determinate cose sono stupende, da “vero scrittore”. Ammetto che leggendo la descrizione del big bang, o, più avanti, la teoria della relatività mi sono commossa.
    Infine, ho adorato, davvero, tutti gli aneddoti di cui l’autore costella la storia, sia che stia citando qualcuno che ha incontrato e intervistato durante la stesura del libro, sia che ci racconti parte dei viaggi che ha dovuto compiere per fare le ricerche necessarie, sia che ci racconti di qualche sprazzo di vita quotidiana di Einstein o di Darwin. Mi è piaciuto leggere di queste cose, forse anche più che delle scoperte che quegli scienziati avevano (o avrebbero) fatto. Trovo che restituisca loro una sorta di nota più umana, come se fossero più vicini anche a noi. Ma forse sono di parte, io amo gli aneddoti sui personaggi che hanno fatto la storia.
    In definitiva è un libro che io vi straconsiglio. Lo stile dell’autore non è affatto noioso, anzi, sa accompagnare anche nelle spiegazioni più complesse senza mai perdersi il lettore per strada; è perfettamente accessibile anche a chi ha solo vaghi ricordi delle scoperte scientifiche; credo sia perfetto anche per i ragazzini; e davvero, copre una gamma così vasta di discipline che lo si può anche tenere da parte e andare a sbocconcellarselo ogni tanto, quando vi viene voglia di rileggere il capitolo sui fondali marini o quello in cui ci parla delle tantissime specie viventi che ancora non conosciamo.
    E vi consiglio assolutamente anche l’autore: io ho chiuso Breve storia di (quasi) tutto e sono andata a mettermi in wishlist praticamente l’opera omnia di Bill Bryson. Forse vuol dire solo che sono una che si fissa un po’ troppo, ma ci sarà ben un motivo, no?

    ha scritto il 

  • 5

    grande divulgatore

    Bill Bryson ha la capacità di spiegare la scienza in maniera interessante e mai noiosa. Avere un minimo di base di studi aiuta, tante volte sono andata a riprendere leggi e principi che avevo studiato ...continua

    Bill Bryson ha la capacità di spiegare la scienza in maniera interessante e mai noiosa. Avere un minimo di base di studi aiuta, tante volte sono andata a riprendere leggi e principi che avevo studiato ormai 25 anni fa.

    ha scritto il 

  • 5

    Saggio veramente ben riuscito!
    Ho molto apprezzato la capacità di allontanarsi dall'antropocentrismo e porre l'evoluzione umana nella giusta prospettiva...
    Il volume è del 2003: come sarei curiosa di ...continua

    Saggio veramente ben riuscito!
    Ho molto apprezzato la capacità di allontanarsi dall'antropocentrismo e porre l'evoluzione umana nella giusta prospettiva...
    Il volume è del 2003: come sarei curiosa di sapere cosa pensa l'autore delle novità dell'ultimo decennio!

    ha scritto il 

  • 5

    Veramente un ottimo libro di divulgazione. Alcuni argomenti non sono sicuramente per neofiti (almeno un minimo di conoscenze sono necessarie), soprattutto la parte di fisica e quella sulle particelle ...continua

    Veramente un ottimo libro di divulgazione. Alcuni argomenti non sono sicuramente per neofiti (almeno un minimo di conoscenze sono necessarie), soprattutto la parte di fisica e quella sulle particelle. Altre sono 6godibili da chiunque, ad esempio la parte riguardante la geologia. In molti casi il racconto è arricchito da aneddoti e battute sagaci. Consigliato a chi ama le scienze e vuole avere un quadro di insieme del sapere nei vari campi (astronomia, chimica, fisica, geologia, antropologia, biologia, paleontologia...). Interessante anche la presentazione (spesso arricchita di aneddoti) di scienziati noti, meno noti, sottovalutati, sopravvalutati e millantatori truffaldini.

    ha scritto il 

  • 4

    Il libro ripercorre la nascita dell'universo, della terra e dell'uomo. Strutturato molto bene anche per "non addetti ai lavori" e sempre con un filone logico/scientifico assolutamente leggibile. ...continua

    Il libro ripercorre la nascita dell'universo, della terra e dell'uomo. Strutturato molto bene anche per "non addetti ai lavori" e sempre con un filone logico/scientifico assolutamente leggibile.

    ha scritto il 

  • 4

    Viaggio alla scoperta di noi

    Il libro ripercorre la nascita dell'universo, della terra e dell'uomo. Strutturato molto bene anche per "non addetti ai lavori" e sempre con un filone logico/scientifico assolutamente leggibile. ...continua

    Il libro ripercorre la nascita dell'universo, della terra e dell'uomo. Strutturato molto bene anche per "non addetti ai lavori" e sempre con un filone logico/scientifico assolutamente leggibile.

    ha scritto il 

Ordina per