Brevi interviste con uomini schifosi

Di

Editore: Einaudi (Stile libero Big)

3.9
(1458)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 288 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Tedesco

Isbn-10: 8806202472 | Isbn-13: 9788806202477 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Ottavio Fatica , Giovanna Granato ; Prefazione: Fernanda Pivano ; Postfazione: Zadie Smith

Disponibile anche come: eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Umorismo , Filosofia

Ti piace Brevi interviste con uomini schifosi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    Questione di altezza

    98 cm. Mio figlio, adesso, è alto 98 cm.
    Quando voglio punirlo per qualcosa, il più delle volte un capriccio, prendo un gioco a lui caro e lo metto su un ripiano alto, fuori dalla sua portata. Diciamo ...continua

    98 cm. Mio figlio, adesso, è alto 98 cm.
    Quando voglio punirlo per qualcosa, il più delle volte un capriccio, prendo un gioco a lui caro e lo metto su un ripiano alto, fuori dalla sua portata. Diciamo ad un metro e mezzo. Che frustrazione per lui non arrivarci e che gioia quando, passato il momento capriccio, glielo restituisco (proprio stamattina, alzando gli occhi, ho scoperto che giace sopra il mobile del bagno, dimenticata, una macchinina. Avevo finito i ripiani ad altezza mia e l'ho cacciata troppo in alto per potermene ricordare).
    DFW è un bel giocattolo su un ripiano troppo alto.
    La sua bravura è strabiliante, nulla da dire. Esercizio di stile sopraffino unito ad un'introspezione psicologica pazzesca, a volte analizzata in ogni minima piega, a volte lasciata lì a metà perché il lettore la afferri, su un ripiano alto, sollevandosi sulle punte dei piedi.
    Le brevi interviste mi hanno fatto sentire alta 98 cm e ho capito che mio figlio deve reputarmi sadica almeno quanto io reputo sadico DFW.
    Solo con un paio di racconti ho sfiorato il gioco tanto desiderato (o forse è stato lui a porgermelo, non so) e che soddisfazione, mamma!

    ha scritto il 

  • 5

    Perché se sei davvero capace di vedere un altro soltanto come una cosa allora sei capace di fargli qualsiasi cosa, non si accettano più scommesse, umanità e dignità e diritti e correttezza...non si accettano più scommesse".

    Potrei scrivere fiumi di parole su questo piccolo capolavoro,questa piccola fotografia dei rapporti umani ridotti a merce di scambio nella società neoliberista di inizio millennio,questo compendio del ...continua

    Potrei scrivere fiumi di parole su questo piccolo capolavoro,questa piccola fotografia dei rapporti umani ridotti a merce di scambio nella società neoliberista di inizio millennio,questo compendio del sesso che si fa semplice ginnastica artistica,non apertura all'altro bensì stimolo per l'ipertrofia del proprio ego.
    Vi lascio però questo stupendo articolo,che queste cose le ha sviscerata in abbondanza e dovizia di particolari,per darvi un quadro completo dell'ennesima prova d'autore di uno dei più grandi scrittori contemporanei.
    http://www.lintellettualedissidente.it/filosofia/epifania-del-valore-negato-gli-uomini-schifosi-di-d-f-wallace/
    http://www.lintellettualedissidente.it/filosofia/epifania-del-valore-negato-gli-uomini-schifosi-di-d-f-wallace-2/

    ha scritto il 

  • 3

    Meh, mah. Vebeh.

    A tratti lezioso, a tratti disturbante (ma quindi fedele allo "schifosi" del titolo), a tratti "Davidfosterwò, mi prendi per culo?".
    L'autore si concede di tutto, e questo è indubbio e per certi versi ...continua

    A tratti lezioso, a tratti disturbante (ma quindi fedele allo "schifosi" del titolo), a tratti "Davidfosterwò, mi prendi per culo?".
    L'autore si concede di tutto, e questo è indubbio e per certi versi pure giusto. Mi resta il dubbio su cosa volesse mai dirmi "di preciso", ma probabilmente niente, probabilmente importa solo nausearsi, tanto per consentirsi di credere di poter essere migliori della roba che vien fuori da queste pagine qua.

    Sì, insomma, consiglio di affrontarne la lettura ma per l'amor di ddddio non prendete nulla troppo sul serio. Non lui, non una parola, non voi.

    ha scritto il 

  • 4

    «Ecco cos’è che i suoi uomini hanno davvero in comune fra loro, molto più che la misoginia: conoscono le parole giuste per tutto, ma non sanno il significato di niente»

    "Secondo me, è l’opinione che ci si fa di «Ottetto» a determinare se si può essere o meno lettori di Wallace, perché ciò che ci viene richiesto, in fondo, è di avere fede in qualcosa che lui non potrà ...continua

    "Secondo me, è l’opinione che ci si fa di «Ottetto» a determinare se si può essere o meno lettori di Wallace, perché ciò che ci viene richiesto, in fondo, è di avere fede in qualcosa che lui non potrà mai e poi mai determinare in maniera definitiva nel linguaggio: «i fini che si è proposta la coscienza che sta dietro il testo». La sua urgenza, la sua sincerità, il suo evidente bisogno disperato di raggiungere una «connessione» autentica con il lettore: sono cose in cui uno o crede, o non crede. Ci sono scrittori che vogliono lettori pronti a immedesimarsi; altri che vogliono lettori con il senso dell’umorismo; altri ancora che li vogliono politicamente sulle barricate, infiammati e pronti all’assalto. Strano a dirsi, ma Wallace voleva lettori fedeli. L’ultima riga di «Ottetto»?
    «Perciò decidi»."
    (cit. Zadie Smith, Cambiare idea in cui compare una versione estesa del saggio presente nell'introduzione di questo romanzo e il cui titolo completo è: Brevi interviste con uomini schifosi: I doni difficili di David Foster Wallace p. 372 e sopra p. 353)

    ha scritto il 

  • 0

    Perciò decidi.

    Non sono persuaso che l’intento di DFW fosse di confezionare un libro ad uso di chi desidera tornare a casa e tirare su i piedi dopo una lunga giornata e rilassarsi in uno dei pochi modi sicuri e inno ...continua

    Non sono persuaso che l’intento di DFW fosse di confezionare un libro ad uso di chi desidera tornare a casa e tirare su i piedi dopo una lunga giornata e rilassarsi in uno dei pochi modi sicuri e innocui di rilassarsi ormai rimasti. A meno, con rilassarsi, di non intendere: provare piacere nella lettura di questi racconti non del tutto racconti, cooptati in incursioni dietro alle linee del saggio evitando di esserlo, produzione bellettristica mai scaduta nella tesina da infame corso di scrittura creativa. Probabilmente Proust portato all’estremo, verosimilmente Borges per la post-modernità, ogniqualvolta si chiude il libro si resta con l’ineluttabile sensazione di Avere Letto Qualcosa. Che i testi siano innocui è sarcasmo di DFW. Il trionfo dell’autoanalisi, che non è effetto, ma causa, di questi racconti, uso la definizione semplificata; aggettivo ricorrente è emotivo, altra frustata sarcastica: l’emotività è messa al servizio di un’iperrazionalità che non impedisce di vivere e agire, ma sovraccaricando ogni azione e pensiero e sensazione con un meccanismo di vagli, feedback, test di significatività che costruiscono un’ossessione. Ossessione, è bene ripeterlo, è causa e non effetto, non è l’immaginario di DFW; DFW non propina ossessioni, trascrive dati di fatto, quel che siamo o, meglio, eravamo quando i racconti prendevano forma, anche se è verosimile che da allora la situazione si sia aggravata. A questo punto bisognerebbe ricordare, magari con una nota a piè pagina alla maniera dell’autore, che DFW aveva compreso quest’ossessione, aveva tentato di contenerla in schemi matematici e/o filosofici, infine l’aveva patita lasciandoci le penne, ma si attraverserebbe la porosità di certi confini, e il processo di attraversamento sarebbe, di confine in confine, infinito, allora bisogna decidere arbitrariamente e razionalmente di fermarsi. Perciò decidi. Come suggerisce DFW scrittore a DFW scrittore che, avviato il meccanismo di rappresentazione bellettristica dei nostri processi ricorsivi, potrebbe potenzialmente non licenziare mai la sua opera, aggiungendo alla volta una nuova ipotesi e/o un’ipotesi precedente corretta dal feedback. Così, la fine del racconto non può essere vera fine ma un punto convenzionale che lo scrittore deve porre se vuole, in soldoni, pubblicare, vendere e essere letto. Lasciando, a dispetto dei buoni consigli che DFW scrittore dà a DFW scrittore, tutte le rogne non risolte al lettore.

    Non mi è chiaro perché si consideri come storia esemplare quella del focomelico che si porta a letto le ragazze. Per come la vedo io c’è di meglio nelle Brevi interviste: il figlio che racconta il padre addetto alle toilette di un hotel di lusso; l’uomo che racconta una violenza sessuale abbietta, con tanto di paragone blasfemo con la Shoah, per mostrare come il dolore estremo sia, per chi ne è vittima, una forma di conoscenza e, quasi, di esercizio della libertà assoluta. Per come la vedo io c’è ancora di meglio. Per sempre lassù che analizza una/la paura impiegando, colpo di genio di DWF, la seconda persona singolare. Il secondo racconto dal titolo Il diavolo è un tipo impegnato che spiega come la purezza non esista. Chiesa fatta senza le mani col dramma di una madre che ha visto la sua bambina diventare bianca ed è ora perseguitata dalla visione del marito che le ha rubato i colori. Sul letto di morte, il titolo completo lo riporto nella citazione che ne ho trascritto, racconto tanto più valido oggi per noi che sappiamo che la narrazione, lo storytelling è l’unica cosa che conta. Per come la vedo io due racconti stanno un gradino sopra tutti gli altri. La persona depressa. Mondo adulto, in due parti che, curiosamente, la nota introduttiva di Fernanda Pivano commenta con imprecisione, parla di separazione, disgregazione, atomizzazione che però non distrugge l’amore ma fa di peggio: realizza una nuova mappatura e definizione dell’amore, quella parola diventata trita e ritrita, in un gioco al ribasso, potenzialmente infinito, se abbiamo compreso le categorie di DFW. Anche nell’escalation verso il basso si tratta di porre un punto, basta che si sia consapevoli che esso è puramente arbitrario. Perciò decidi.

    da La morte non è la fine
    … un poeta che due diverse generazioni di americani hanno acclamato come la voce della propria generazione …

    da Brevi interviste con uomini schifosi
    A certi complessi è meglio semplicemente arrendersi e accettarli anziché lottare contro l’imago per pura forza di volontà.

    da Ottetto
    § Una analogia potrebbe essere: Immagina di essere andato a una festa dove non conosci quasi nessuno, e poi tornando a casa all’improvviso ti rendi conto che per tutta la festa ti sei talmente preoccupato di capire se piacevi o no ai presenti che adesso non hai la minima idea se a te è piaciuto qualcuno di loro.
    § Ebbene sì: siamo arrivati al punto che ormai la narrativa bellettristica viene considerata sicura e innocua

    da Sul letto di morte, stringendoti la mano, il padre del nuovo giovane commediografo Off-Broadway di successo, implora una cortesia
    È questa la vera malvagità, non sapere nemmeno che si è malvagi, no?

    da Brevi interviste con uomini schifosi
    … e utilizzando la, be’, quella tra virgolette parola che inizia per A varie volte senza ironia o comunque alcuna apparente consapevolezza del fatto che grazie a un abuso tattico quella parola è diventata trita e ritrita tanto che ormai richiede come minimo delle virgolette invisibili …

    ha scritto il 

  • 5

    Ne avrai altri, all'infuori di me. Ma pochi.

    A noi, donne perbene, questo libro è piaciuto molto.
    Non siamo certe di aver capito proprio tutto, tutto, tutto ma - lo sapete,no? - DFW è un'esperienza religiosa. Di fede.

    (Adesso vado a spegnere la ...continua

    A noi, donne perbene, questo libro è piaciuto molto.
    Non siamo certe di aver capito proprio tutto, tutto, tutto ma - lo sapete,no? - DFW è un'esperienza religiosa. Di fede.

    (Adesso vado a spegnere la candela.)

    ha scritto il 

  • 2

    Mah?! Un Thomas Bernhard dei poveri?! Non so! A mio parere c'è un solo bel racconto: "Per sempre lassù". Il resto è quasi un delirio solipsistico e molto molto noioso anche se, di uno che sa scrivere. ...continua

    Mah?! Un Thomas Bernhard dei poveri?! Non so! A mio parere c'è un solo bel racconto: "Per sempre lassù". Il resto è quasi un delirio solipsistico e molto molto noioso anche se, di uno che sa scrivere. Idee poche, confuse e annacquate di una marea di chiacchiera che probabilmente si pretende funzionale. Cronache di delirio!

    ha scritto il 

  • 4

    « La persona depressa viveva un terribile e incessante dolore emotivo, e l'impossibilità di esternare o tradurre in parole quel dolore era già una componente del dolore e un fattore che contribuiva al ...continua

    « La persona depressa viveva un terribile e incessante dolore emotivo, e l'impossibilità di esternare o tradurre in parole quel dolore era già una componente del dolore e un fattore che contribuiva al suo orrore di fondo. »

    ha scritto il 

Ordina per