Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Breviario comico

A perpetua memoria

Di

Editore: Feltrinelli (Universale economica)

3.7
(302)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 256 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8807722313 | Isbn-13: 9788807722318 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Humor , Non-fiction , Political

Ti piace Breviario comico?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Credevamo di poter dimenticare tutto quello che abbiamo vissuto come cittadini italiani? Michele Serra si adopera perché nessuno debba, perché nessuno possa dimenticare cosa ci ha portato sin qui. Di quando Berlusconi regalò alla regina d'Inghilterra un reggiseno di pizzo, pregandola di indossarlo in sua presenza. Di quando venne finalmente chiarito che "cariche dello stato" non si riferiva agli esplosivi usati durante la prima Repubblica. E di quando il PD diede in affido i suoi elettori a chi garantiva di trattarli con umanità. Torna il Breviario umano, sociale e politico di Michele Serra. In una nuova edizione più vasta, più ricca, ancora più tragicamente comica.
Ordina per
  • 4

    Leggibile anche a distanza d'anni. Strappa ancora sorrisi e risate vere

    E per essere una raccolta di pezzi giornalistici non è mica poco, nonostante qualche fissa legata a quei momenti. Toglie di bocca anche qualche risata vera. Cosa chiedere di più a un libro così? Serra rimane un virtuoso della satira, che se qualche tecnicismo si disvela a leggerne così tanti pezz ...continua

    E per essere una raccolta di pezzi giornalistici non è mica poco, nonostante qualche fissa legata a quei momenti. Toglie di bocca anche qualche risata vera. Cosa chiedere di più a un libro così? Serra rimane un virtuoso della satira, che se qualche tecnicismo si disvela a leggerne così tanti pezzi in sequenza

    ha scritto il 

  • 4

    Per ricordarci chi siamo

    Quant'è cambiata l'Italia, negli ultimi 15, quasi 20 anni? Poco, ci dice Michele Serra, da sempre attento osservatore della "gran movida" che è diventato il nostro paese, un circo Barnum dove starnazzano allegri clown, imbonitori, addomesticatori di bestie feroci, saltimbanchi.


    La penna di ...continua

    Quant'è cambiata l'Italia, negli ultimi 15, quasi 20 anni? Poco, ci dice Michele Serra, da sempre attento osservatore della "gran movida" che è diventato il nostro paese, un circo Barnum dove starnazzano allegri clown, imbonitori, addomesticatori di bestie feroci, saltimbanchi.

    La penna di Michele Serra restituisce ai lettori il ritratto sì spietato, ma sempre ironico, di un'Italia vittima delle proprie idiosincrasie, volutamente piegata su se stessa alla ricerca di un'identità che sembra possa essere solo il riflesso di quei personaggi che da tempo munificano il tubo catodico illustrandoci cosa fare per vivere meglio, senza dar retta ai tromboni menagramo che ci parlano di crisi, di tempi duri.

    Qualche brivido lungo la schiena lo si avverte leggendo questo libro; il suo intento volutamente sarcastico ci fa sorridere in modo amaro, ponendoci di fronte ad una realtà che era ampiamente prevedibile, ma che comunque non abbiamo voluto evitare.

    Il breviario comico di Serra serve a ricordarci ciò che non abbiamo fatto per evitare che certi personaggio assurgessero a ruoli di prim'ordine in un paese dove non si sentiva il bisogno di quella che Guzzanti padre ha definito una volta "puttanocrazia". Come monito, forse, può servire ancora. Magari, dico.

    ha scritto il 

  • 4

    Michele Serra è un grande scrittore di satira, un eroe dei nostri tempi.
    Questo libro è una raccolta di alcuni suoi pezzi, dal 2002 al 2010.
    Impressionante come gran parte dei suoi scritti, anche se già datati di qualche anno, suonino sinistramente attuali.

    ha scritto il 

  • 0

    Ebbravo Michelino Serra(manico)

    Chi mi conosce sa che nei periodi difficili o amari vengo presa dalla smania di leggere libri divertenti, meglio se esilaranti . Questo finisce dritto mia classifica personale.
    Mi sono sganasciata a suon di satira politica. Il nostro premier già al naturale è uno dei miei comici pref ...continua

    Chi mi conosce sa che nei periodi difficili o amari vengo presa dalla smania di leggere libri divertenti, meglio se esilaranti . Questo finisce dritto mia classifica personale.
    Mi sono sganasciata a suon di satira politica. Il nostro premier già al naturale è uno dei miei comici preferit. Le sue gesta poi, rilette da Serra sfiorano picchi sublimi di surrealtà.
    E' vero su molti degli argomenti trattati ci sarebbe poco da ridere.
    Ma, come scrive l'autore in una nota conclusiva: «Quanto a voi, cercate di non essere mai di cattivo umore, per piacere.Non ne vale la pena, è solo uno spreco di tempo».

    ha scritto il 

Ordina per