Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Breviario mediterraneo

By Predrag Matvejevic

(269)

| Hardcover | 9788811683100

Like Breviario mediterraneo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

"Trattato poetico-fiIosofico", "romanzo post-moderno", "portolano", "diario dibordo", "libro di preghiere", "midrash", "raccolta di aforismi", "antologia diracconti-saggio", "cronaca di un viaggio": sono queste alcune delledefinizioni che hanno accol Continue

"Trattato poetico-fiIosofico", "romanzo post-moderno", "portolano", "diario dibordo", "libro di preghiere", "midrash", "raccolta di aforismi", "antologia diracconti-saggio", "cronaca di un viaggio": sono queste alcune delledefinizioni che hanno accolto "Breviario mediterraneo". In queste pagine,Predrag Matvejevic ricostruisce la storia di una parola - "Mediterraneo" - erievoca gli infiniti significati che essa include, guidando il lettore versomille scoperte: lo stile dei porti e delle capitanerie, l'addolcirsidell'architettura sul profilo della costa, i concreti saperi della culturadell'olivo e il diffondersi di una religione, le tracce permanenti dellaciviltà araba ed ebraica, le parlate che cambiano nel tempo e nello spazio.

34 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 5 people find this helpful

    La vertigine della Lista …

    Ogni paragrafo è un fotogramma di quell’immenso, meraviglioso film che è la vita sulle rive (e non solo) del … Mare Nostrum.
    per quelli che … ogni faro è l’isola alessandrina,
    per quelli che … la spiaggia e il cielo stellato,
    per quelli che … e che m ...(continue)

    Ogni paragrafo è un fotogramma di quell’immenso, meraviglioso film che è la vita sulle rive (e non solo) del … Mare Nostrum.
    per quelli che … ogni faro è l’isola alessandrina,
    per quelli che … la spiaggia e il cielo stellato,
    per quelli che … e che minchia di lingua parli?
    per quelli che … quella notte a Itaca …
    per quelli che … all’alba … i calamari,
    per quelli che … l'ombrellone e la parmigiana ...
    per quelli che … mai presa la dissenteria!
    per quelli che … passa quella cima!
    per quelli che … ah, ma il mare visto da Gibilterra …
    per quelli che … l’asino merita rispetto …
    per quelli che … hanno il loro Getzemani,
    per quelli che … i monasteri, le isole, la sciara del fuoco, le tonnare, le saline, i Bronzi, i venti, il mare ‘vecchio’, le religioni, le dominazioni, Atene, Cartagine, i Fenici, il Nilo, le carte nautiche, l’al manakh, l’astrolabio … e ancora, ancora, ancora … questo è un libro per loro,
    per tutti l’artri … astenersi …
    «Il mare è una lingua antichissima che non riesco a decifrare.» [Borges]

    Is this helpful?

    Albus said on Dec 15, 2013 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una piccola summa, che l'autore definisce giustamente breviario che va a toccare qualsiasi aspetto riguardante il Mediterraneo, senza approfondirne nessuno.

    Non è l'obiettivo del libro essere trattato di storia, geografia, climatologia, agric ...(continue)

    Una piccola summa, che l'autore definisce giustamente breviario che va a toccare qualsiasi aspetto riguardante il Mediterraneo, senza approfondirne nessuno.

    Non è l'obiettivo del libro essere trattato di storia, geografia, climatologia, agricoltura, pesca, arte della navigazione... eppure riesce a essere tutto questo. Rimandando, ovviamente, a una letteratura molto più ampia per chi vuole approfondire gli argomenti preferiti.

    Toponomastica, storie di popoli, i prodotti del mare e del litorale, l'olio il suo valore e i suoi significati, l'etimologia delle parole, il senso delle isole, la diffusione delle religioni monoteiste e il monachesimo, le feste, la devozione popolare e le bestemmie marinare, la cartografia, le invenzioni... difficile trovare un argomento che non sia almeno accennato in questo volumetto.

    Partendo dalle coste dalmate della sua Croazia, Matvejević viaggia fisicamente e con i libri, con i miti e con i testimoni, per cercare di definire un'identità mediterranea; per trovare i confini della mediterraneità, che sono ben lontani dai litorali - si accenna a Salisburgo, all'Ungheria, a Praga, a Belgrado, all'apparentemente atlantica Lisbona.

    Un viaggio alla scoperta della molteplicità, delle diverse declinazioni di tutte le possibilità che vi erano in partenza, sempre vissute in una grande sintesi che, anche nei periodi di guerra, a impedito che si creassero territori stagni, popoli completamente diversi da altri popoli.

    Matvejević insiste di più su ciò che accomuna, questo mare che, per secoli, è stato il baricentro della civiltà occidentale e che, perdendo di rilievo quando Colombo varcò le colonne d'Ercole, esportò oltre il suo perimetro un patrimonio di cui siamo ancora eredi.

    ---

    Nella prefazione di Claudio Magris, si trova questa curiosa provocazione intellettuale.

    "Questo libro mediterraneo è un racconto, che fa parlare la realtà e innesta perfettamente la cultura nell’evocazione fantastica. Probabilmente oggi questo è il genere più vivo e fecondo della letteratura, almeno di quella narrativa; tanto più vivo e poetico dei “romanzi” che ci raccontano come e perché il signor X ha fortuna o sfortuna con la signorina Y."

    Is this helpful?

    F.Ramone said on Jul 4, 2012 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    UN alettura che è come una poesia o una preghiera.
    Un catalogo di emozioni sensazioni e nomi e cose e tutto quello che significa Mediterraneo.

    Is this helpful?

    Xander Lavelle said on Mar 27, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Navigando sul Dodekanesos, chiamavo il pane, secondo la vecchia usanza ellenica, artos, i marinai lo chiamavno psomi, per acqua dicevo hydor, essi dicevano nero, io davo al vino il nome ecumenico di oinos, e ...(continue)

    "Navigando sul Dodekanesos, chiamavo il pane, secondo la vecchia usanza ellenica, artos, i marinai lo chiamavno psomi, per acqua dicevo hydor, essi dicevano nero, io davo al vino il nome ecumenico di oinos, essi lo indicavano con krassi. Ma il mare aveva mantenuto la stessa voce: thalassa".
    Un libro in cui perdersi e trovare tutto quello che più del Mediterraneo si ama

    Is this helpful?

    Barbara Setti said on Jan 16, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (269)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Hardcover 318 Pages
  • ISBN-10: 8811683106
  • ISBN-13: 9788811683100
  • Publisher: Garzanti Libri (Nuova biblioteca Garzanti; 13)
  • Publish date: 2004-01-01
  • Also available as: Paperback , Others
Improve_data of this book