Bright lights, big city

By

3.9
(1252)

Language: English | Number of Pages: 228 | Format: Others | In other languages: (other languages) Italian , Swedish , Spanish , Japanese , French , Czech

Isbn-10: 0006543375 | Isbn-13: 9780006543374 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Paperback , Audio Cassette , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Social Science

Do you like Bright lights, big city ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Imparare ad essere onesti con sé stessi, anche a costo di violentarsi un po'. Toccare il fondo per risalire. Banale, datato? Io credo proprio di no.

    said on 

  • 3

    'non capisci come megan possa avere tutta quella fiducia in te, dato che tu non ne hai in te stesso, nemmeno un po'. ma le sei grato.'

    uscito nel 1984, rivelò per primo la vacuità del decennio, l'auto ...continue

    'non capisci come megan possa avere tutta quella fiducia in te, dato che tu non ne hai in te stesso, nemmeno un po'. ma le sei grato.'

    uscito nel 1984, rivelò per primo la vacuità del decennio, l'autodistruzione da cocaina, la disgregazione delle relazioni, ma oggi mi appare invecchiato male e superato. fu allievo di carver, a cui ovviamente non si avvicina ed elemento della brat pack, di cui fece parte anche bret ellis (che preferisco).
    grande comunque per come regge efficacemente l'intero romanzo sulla seconda persona singolare.

    said on 

  • 3

    Forse se l'avessi letto all'epoca, negli anni ' 80 quando è uscito l'avrei trovato molto vivace e spumeggiante, ora mi sembra un po' datato.

    said on 

  • 3

    Incerta se dare due o tre stelle, ho optato per tre ma non so perchè. Non è sicuramente il mio genere di libro, però lo spaccato di vita del protagonista viene a galla in maniera prodigiosa; però trop ...continue

    Incerta se dare due o tre stelle, ho optato per tre ma non so perchè. Non è sicuramente il mio genere di libro, però lo spaccato di vita del protagonista viene a galla in maniera prodigiosa; però troppa poca trama per me

    said on 

  • 5

    Lingua e stile di una creatività unica. Trama un po' debole, ma è talmente alto il valore umano e letterario di quest'opera, per di più una testimonianza degli anni degli yuppies, che non ha molta imp ...continue

    Lingua e stile di una creatività unica. Trama un po' debole, ma è talmente alto il valore umano e letterario di quest'opera, per di più una testimonianza degli anni degli yuppies, che non ha molta importanza...da leggere assolutamente per capire che cosa rende tale uno scrittore.

    said on 

  • 4

    “Sono le sei del mattino: hai idea di dove sei?” (**** e 1/2)

    Gli anni Ottanta narrati da chi ha vissuto a New York e nel mondo della moda, delle feste, della droga e di tutto quello che è richiesto per soddisfare (o almeno provare a farlo) il vuoto di una vita ...continue

    Gli anni Ottanta narrati da chi ha vissuto a New York e nel mondo della moda, delle feste, della droga e di tutto quello che è richiesto per soddisfare (o almeno provare a farlo) il vuoto di una vita o il grigiore di un’esistenza senza ideali. Una città sfavillante e vuota in tutta la sua esteriorità. Una società fondata sull’immagine e sull’apparenza: dietro e dentro c’è il nulla. La caduta del protagonista fino al limite estremo, ad un infinitesimo dal punto di non ritorno e poi...
    Una storia semplice, ma scritta in maniera intrigante.

    said on 

  • 4

    purtroppo, la repubblica è l'Italia

    "Vai a casa. Il peggio deve ancora venire.
    Resta qui. Buttati a pesce.
    Stasera sei una repubblica di voci. Purtroppo, la repubblica è l’Italia. Tutte quelle voci agitano le braccia e si insultano. C’è ...continue

    "Vai a casa. Il peggio deve ancora venire.
    Resta qui. Buttati a pesce.
    Stasera sei una repubblica di voci. Purtroppo, la repubblica è l’Italia. Tutte quelle voci agitano le braccia e si insultano. C’è un messaggio ex cathedra, direttamente dal Vaticano: Pentiti. Il corpo è il tempio del Signore e tu l’hai profanato. Dopotutto è domenica mattina, e finché ti rimarrà una cellula cerebrale intatta, nella tua testa risuonerà una voce patriarcale, echeggiante dalle volte marmoree della tua infanzia religiosa, a ricordarti che questo è il Giorno del Signore. "

    said on 

  • 4

    Breve ma intenso, oserei dire. La trama è uno spaccato di vita più o meno comune e quotidiana ma condito con sapiente ironia e la giusta dose di sentimenti. Nessuna sbavatura e nessun eccesso. Perfett ...continue

    Breve ma intenso, oserei dire. La trama è uno spaccato di vita più o meno comune e quotidiana ma condito con sapiente ironia e la giusta dose di sentimenti. Nessuna sbavatura e nessun eccesso. Perfetto.

    said on 

Sorting by