Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Bruciata viva

Vittima della legge degli uomini

Di

Editore: Mondolibri

4.1
(1469)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 253 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Francese , Norvegese , Sloveno , Svedese , Polacco

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Luciana Crepax ; Contributi: Marie-Thérèse Cuny

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Biography , Fiction & Literature , Religion & Spirituality

Ti piace Bruciata viva?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Suad, giovane cisgiordana, sta facendo il bucato nel cortile di casa quando sente sbattere una porta alle sue spalle. È il cognato, che le rivolge una frase scherzosa. Suad si volta per replicare ma all'improvviso il suo corpo è intriso di liquido freddo che in meno di un secondo diventa fuoco. Bruciare viva, è questa la punizione inflittale dalla famiglia per aver commesso il peggiore dei peccati, essere rimasta incinta prima del matrimonio. Perché nel piccolo villaggio dove Suad è nata le donne non possono andare a scuola, non possono vestirsi come vogliono, non possono uscire senza essere accompagnate. E non possono innamorarsi. Il loro destino è occuparsi delle incombenze più umili, al servizio di padri e mariti.
Nonostante le ustioni di terzo grado che la ricoprono, Suad riesce a salvarsi. Con l'aiuto di un'organizzazione umanitaria, fugge in Europa. Da qui, con indosso una maschera che protegge e nasconde il suo viso deturpato dal fuoco, racconta al mondo la sua storia, sfidando la legge degli uomini e la loro sete di vendetta. Vive in Europa in una località segreta, per ragioni di sicurezza. È sposata e ha tre figli, tra cui Maruan, "il figlio della colpa". Suad è uno pseudonimo.
Ordina per
  • 4

    Stupendo e terribile, perché vero.

    Suad è una ragazza che vive in un villaggio della Cisgiordania. Conosce solo il lavoro duro nei campi o al pascolo con le pecore e la violenza degli uomini, padri, mariti o fratelli, verso le donne della famiglia, trattate come schiave e considerate meno delle bestie. A 17 anni si innamora di un ...continua

    Suad è una ragazza che vive in un villaggio della Cisgiordania. Conosce solo il lavoro duro nei campi o al pascolo con le pecore e la violenza degli uomini, padri, mariti o fratelli, verso le donne della famiglia, trattate come schiave e considerate meno delle bestie. A 17 anni si innamora di un uomo e rimane incinta senza essere sposata. La vendetta è terribile: il cognato la cosparge di benzina e le dà fuoco. Portata moribonda in ospedale, una volontaria di un’associazione umanitaria la fa trasferire in Europa. La riabilitazione morale è difficile quanto quella fisica: col corpo devastato dalle cicatrici delle ustioni, deve imparare una nuova lingua e nuove abitudini in un paese di cui non conosce nulla, neppure la locazione geografica. Con una nuova famiglia dopo molti anni vuole portare al mondo la sua testimonianza. Questo libro non è un romanzo, ma realtà di un mondo alieno, il cui confine sono i muri di cinta di un villaggio. Un mondo in cui le donne subiscono passivamente la violenza degli uomini, e la trovano normale, perché altro non conoscono: le neonate soffocate perché femmine, e quindi inutili; le ragazze bruciate, strangolate, uccise a colpi di pietra dai loro stessi parenti, x un pettegolezzo, uno sguardo, una risposta sgarbata, un lavoro fatto male, o anche, semplicemente, in un accesso d’ira. Se qualcuno pensa che queste cose accadano solo nel mondo arabo, farà bene a ricordare che fino a pochi decenni fa il delitto d’onore era contemplato anche dal codice penale italiano, e che ancora oggi, nei paesini rurali di tutto il mondo avvengono simili fatti e nessuno ne parla, perché sono “affari di famiglia” protetti da tutta una comunità. Un libro stupendo e terribile, perché vero.

    ha scritto il 

  • 5

    Donne bruciate, donne abbandonate

    Da leggere. Tutti. Per capire l'importanza del libero pensiero, della libertà individuale, dell'istruzione, del sapere, dei libri. Suad stessa lo afferma più volte. Oltre questo, ben più grande, il dolore di chi ha sofferto le pene dell'inferno in terra. Per capire. Leggetelo.

    ha scritto il 

  • 4

    Storia vera. Bruciata viva come le streghe ma è solo una ragazza della Cisgiordania.
    Libro scritto molto bene in prima persona così da far conoscere, attraverso le sensazioni, i sentimenti e i pensieri della ragazza, quel mondo per noi così lontano e assurdo. Forse assurdo è dire poco... ...continua

    Storia vera. Bruciata viva come le streghe ma è solo una ragazza della Cisgiordania.
    Libro scritto molto bene in prima persona così da far conoscere, attraverso le sensazioni, i sentimenti e i pensieri della ragazza, quel mondo per noi così lontano e assurdo. Forse assurdo è dire poco... così non umano dove una mucca vale più di una donna. Letto tutto d'un fiato proprio perchè, anche se si sa che lei “se la cava” vuoi sapere come e scopri che il prezzo della sopravvivenza è comunque molto ma molto alto. Sono arrivata a oltre metà libro senza nessun coinvolgimento emotivo, il mio interesse era solo quello di tentare di capire un poco di più quelle popolazioni e le loro tradizioni.
    Ma è quando la protagonista è in Svizzera da tanti anni, si è rifatta una vita e tutto sembra abbastanza appianato che le lacrime e la commozione arrivano piano piano.... sì quando ormai credevo che tutto fosse a posto scopro che per chiudere il più possibile con il passato Suad deve condividere i suoi fantasmi con i figli (che ha tenuto sempre ben protetti e lontani da questa realtà) ed è una delle prove per lei più difficili. E quando si parla di figli io mi sciolgo e le lacrime scorrono. Da leggere!!!
    Come si fa a “meticciarci” se siamo mentalmente distanti anni luce?

    ha scritto il 

  • 5

    Una donna- esempio

    Questa è un'autobiografia di una donna cisgiordana che è scampata alla crudele legge degli uomini. Suad, è una donna coraggiosa che ha lottato per se stessa e per suo figlio in un mondo dove essere donna è come essere niente,o meglio meno di niente.Ricco di emozioni questo libro, fortemente senti ...continua

    Questa è un'autobiografia di una donna cisgiordana che è scampata alla crudele legge degli uomini. Suad, è una donna coraggiosa che ha lottato per se stessa e per suo figlio in un mondo dove essere donna è come essere niente,o meglio meno di niente.Ricco di emozioni questo libro, fortemente sentito perchè anch'io in quanto donna ho cercato di provare e di immaginare il dolore, la forza e la rabbia di questa donna. Questo è un libro che affronta temi attuali, quali i delitti d'onore, che non vengono condannati in tali paesi perchè appunto d'onore, e per i quali ancora oggi muoiono moltissime donne, uccise in modo brutale.

    ha scritto il 

  • 5

    Per riflettere

    Le 5 stelle sono per il coraggio che Suad ha avuto nel mettere nero su bianco il suo dramma che, sicuramente, non si può comprendere appieno perchè non vissuto in prima persona da chi legge. Questo libro dà parecchio da riflettere in quanto descrive come nei paesi arabi la donna sia considerata m ...continua

    Le 5 stelle sono per il coraggio che Suad ha avuto nel mettere nero su bianco il suo dramma che, sicuramente, non si può comprendere appieno perchè non vissuto in prima persona da chi legge. Questo libro dà parecchio da riflettere in quanto descrive come nei paesi arabi la donna sia considerata meno di un oggetto. Un libro forte i cui contenuti fanno venire i brividi. Tanta sofferenza, un delirio, che le donne accettano come "normalità" perchè è quello che gli uomini fanno credere loro. E la politica non è da meno! Tutti corrotti che non muovono un dito in difesa dei più deboli. Io, da occidentale, non capirò maiil loro pensiero. Sono barbari senza cuore.

    ha scritto il 

  • 4

    UNA MIA AMICA L'HA DEFINITO " AGGHIACCIANTE": NON SAPREI TROVARE UN TERMINE PIU' ADATTO !!
    IL DESIDERIO DI AVERE UNA VITA, DEGNA DI QUESTO NOME, DELLA PROTAGONISTA LASCIA SPAZIO ALLA SPERANZA CHE LE DONNE DI OGNI PARTE DEL MODO POSSANO OTTENERE LA DIGNITA' E I DIRITTI MINIMI CHE OGNI ESSER ...continua

    UNA MIA AMICA L'HA DEFINITO " AGGHIACCIANTE": NON SAPREI TROVARE UN TERMINE PIU' ADATTO !!
    IL DESIDERIO DI AVERE UNA VITA, DEGNA DI QUESTO NOME, DELLA PROTAGONISTA LASCIA SPAZIO ALLA SPERANZA CHE LE DONNE DI OGNI PARTE DEL MODO POSSANO OTTENERE LA DIGNITA' E I DIRITTI MINIMI CHE OGNI ESSERE UMANO DOVREBBE POSSEDERE !!

    ha scritto il 

  • 4

    Va decisamente letto!

    Suad vive in Cisgiordania, schiava del padre e delle abitudini del suo villaggio. Il suo unico desiderio è sposarsi per lasciare la casa paterna e riuscire ad esser libera. Per lei, la libertà è camminare da sola, a testa alta, per strada e poter mettere il rossetto. Mentre fa il bucato in cortil ...continua

    Suad vive in Cisgiordania, schiava del padre e delle abitudini del suo villaggio. Il suo unico desiderio è sposarsi per lasciare la casa paterna e riuscire ad esser libera. Per lei, la libertà è camminare da sola, a testa alta, per strada e poter mettere il rossetto. Mentre fa il bucato in cortile, suo cognato le getta del liquido gelido sui capelli e prima ancora che lei possa rendersi conto di cosa stia succedendo diventa una torcia umana.
    Il libro descrive le difficoltà che questa donna deve affrontare, una volta fuggita dal suo paese, per accettarsi e per adattarsi alla sua nuova condizione di donna libera e indipendente. Quella di Suad è una delle tante testimonianze che possiamo trovare sullo stesso tema in libreria ma, a mio avviso, si colloca tra le più crude, l'autrice ha avuto il coraggio di andare oltre i semplici fatti e riconoscere nell'ignoranza e nella consuetudine la vera causa dei terribili avvenimenti che l'hanno coinvolta.

    ha scritto il 

  • 4

    Dozzine e centinaia di libri del genere, è vero, ma amo queste storie. Non solo perché sono un'appassionata di cultura orientale, ma anche perché questo tipo di lettura ti permette di entrare più a fondo in un'Islam che conosciamo solo in parte, quella parte che viene spesso distorta dai media. L ...continua

    Dozzine e centinaia di libri del genere, è vero, ma amo queste storie. Non solo perché sono un'appassionata di cultura orientale, ma anche perché questo tipo di lettura ti permette di entrare più a fondo in un'Islam che conosciamo solo in parte, quella parte che viene spesso distorta dai media. La crudeltà c'è, ma c'è anche chi aiuta concretamente, non utilizzando la violenza.Suad è una ragazza dolcissima, che come tutte le altre sogna l'amore e quando lo trova si dedica ad esso come a nessuno mai; purtroppo però vive in un posto in cui anche l'amore non è libero dall'orgoglio e dall'ipocrisia ed è costretta a pagare quasi con la vita il suo "errore". Una storia bellissima e commovente e che per fortuna ha il suo lieto fine. Però una precisazione: con Arabi non si intende Islamici e anche negli islamici c'è un'anima. Arabo non significa kamikaze, omicida, irrispettoso delle donne. La violenza non appartiene solo al mondo arabo, ma è OVUNQUE! Basta accendere il televisore e ascoltare un qualsiasi telegiornale!

    ha scritto il 

  • 5

    Questo libro ti fa entrare nel personaggio, vivere insieme a lei le sofferenze e le gioie della vita viste da un'altra prospettiva.Ti introduce in un mondo che per noi occidentali è assurdo,ma che purtroppo per molte donne di quei posti è solo la triste normalità. Appena iniziato a leggerlo mi ha ...continua

    Questo libro ti fa entrare nel personaggio, vivere insieme a lei le sofferenze e le gioie della vita viste da un'altra prospettiva.Ti introduce in un mondo che per noi occidentali è assurdo,ma che purtroppo per molte donne di quei posti è solo la triste normalità. Appena iniziato a leggerlo mi ha dato subito una forte emozione tanto che non sono riuscita a smettere di leggerlo e l'ho letto in 2 giorni. é avvincente, straziante, ma da anche una carica positiva. Non sono brava a recensire libri ma l'emozione e la bellezza di questo libro mi hanno veramente regalato qualcosa di veramente profondo.

    ha scritto il