Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Bucanieri

Di

Editore: Guanda

3.8
(76)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 416 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8877467258 | Isbn-13: 9788877467256 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: C. Gabutti

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Bucanieri?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Non mi aspettavo di restare incollata alle pagine di questo romanzo, bellissimo nonostante sia un’opera incompiuta e che a dispetto della revisione accurata di Marion Mainwaring rivela qualche vuoto qui e là.
    Se Enry James aveva messo in contrapposizione l’America con la vecchia Europa, qui ...continua

    Non mi aspettavo di restare incollata alle pagine di questo romanzo, bellissimo nonostante sia un’opera incompiuta e che a dispetto della revisione accurata di Marion Mainwaring rivela qualche vuoto qui e là.
    Se Enry James aveva messo in contrapposizione l’America con la vecchia Europa, qui la Wharton apre il romanzo con la difficoltà per giovani ragazze che appartengono alle famiglie arricchite dell’ultima ora ad introdursi nella società bene delle famiglie che contano (ugualmente arricchite … ma che possono vantare già 2 generazioni di ricchezza …)

    Alle giovani non resta che l’opportunità di andare a cercare un buon matrimonio in Europa e precisamente in Inghilterra, paese di provenienza della governante di Nan che aprirà loro le porte della società.
    Dopo diverse vicissitudini ognuna di loro riuscirà a coronare il proprio sogno, ma sarà davvero per tutte quello che hanno sognato?
    Nan in particolare combatterà per la sua indipendenza e affermazione, andando contro le convenzioni della società con un grande coraggio.
    La Wharton espone una critica sociale acuta e feroce, per le donne della fine dell’Ottocento non era molto differente il nuovo mondo dalla vecchia Europa, i pregiudizi erano simili e ponevano gli stessi limiti.
    Ma la scrittrice ha saputo anche costruire una storia avvincente e appassionante, ricca di colpi di scena, caccia alle volpi (e alle doti!!), castelli, amori, pettegolezzi, riti del te, tradimenti, eredità, suocere ostili e tanto altro.
    Piacevolissima scoperta la Wharton, una scrittura tra Jane Austen e Enry James.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Le persone che lei e Jinny conoscevano, e che sua madre conosceva ora, erano tutte affaccendate a sposarsi o a essere sposate, ad avere figli o a far sposare i propri figli.

    5 stelle.. solo perchè non ce ne sono di più!

    Bello, bello, bello, da tenerti incollata alle sue pagine fino all'una di notte per sapere cosa succederà.
    Storia di Nan, giovane ragazza americana appartenente alla cosiddetta classe dei parvenu, gli arricchiti dell'ultima ora. La giovan ...continua

    5 stelle.. solo perchè non ce ne sono di più!

    Bello, bello, bello, da tenerti incollata alle sue pagine fino all'una di notte per sapere cosa succederà.
    Storia di Nan, giovane ragazza americana appartenente alla cosiddetta classe dei parvenu, gli arricchiti dell'ultima ora. La giovane, così come la sorella ed alcune amiche, fatica a inserirsi tra "la gente che conta" e così, spinta dalle ambizioni della madre e dall'aiuto della governante, si ritrova a cercare miglior fortuna nella vecchia Inghilterra.
    Qui, mentre le altre ragazze si buttano senza troppi scrupoli alla caccia di un buon partito, la giovane e inesperta Nan riesce a conquistare senza rendersene nemmeno conto il duca di Tingatell e a sposarlo.

    Dopo aver attraversato diverse vicissitudini sentimentali le "americane" sembrano raggiungere tutte il loro scopo, contraendo matrimoni assai vantaggiosi: ma sarà davvero questa la vera felicità? Per qualcuna la ricchezza e il prestigio valgono qualsiasi sacrificio, ma per Nan? Crescendo inizierà a sentirsi chiusa in gabbia, rendendosi conto che, forse, i suoi sogni erano ben altri... e a quel punto inizierà a ripensare a Guy, giovane modesto e gentile, che la giovane aveva sempre ritenuto un sincero amico...

    Colpi di scena, amore, critica sociale, il tutto nell'Inghilterra di fine Ottocento; un bel romanzo che la Warthon non riuscì a terminare e la cui stesura, incompleta e frammentaria, ci è stata restituita nella sua interezza grazie all'accurato lavoro di revisione di Marion Mainwaring. Di tanto in tanto si fatica tra salti temporali e una certa quantità di nomi, ma il romanzo merita assolutamente!!
    Personalmente credo che si tratti di un'opera sottovalutata, soprattutto per quelle che come me vanno pazze per i classici e i romanzi storici. Consigliatissimo!!!

    ha scritto il 

  • 4

    Peccato per la mancata revisione

    Forse sarebbero tre stelline e mezzo, ma il mio giudizio è tutto sommato più che positivo. Il personaggio principale, Nan, mi è piaciuto fin da subito e nonostante qualche "caduta di stile", ho continuato ad apprezzarlo fino alla fine.
    L'ho letto volentieri nonostante svariate pecche probab ...continua

    Forse sarebbero tre stelline e mezzo, ma il mio giudizio è tutto sommato più che positivo. Il personaggio principale, Nan, mi è piaciuto fin da subito e nonostante qualche "caduta di stile", ho continuato ad apprezzarlo fino alla fine.
    L'ho letto volentieri nonostante svariate pecche probabilmente dovute alla mancata revisione della storia da parte dell'autrice (ho saputo solo a lettura iniziata che si tratta del suo ultimo romanzo ed è morta prima di revisionarlo). Pur con tutti i suoi difetti, questo libro mi ha lasciato una gran voglia di leggere altre opere della Wharton.

    ha scritto il 

  • 3

    Gruppo di lettura - libro I


    Prima esperienza, per me, di lettura collettiva; direi che il romanzo non ha entusiasmato nessuna di noi, ma il mio giudizio è comunque positivo (il voto ideale sarebbe tre stelline e mezzo). La scrittura della Wharton è fresca e vivace, un vero piacere, ma la s ...continua

    Gruppo di lettura - libro I

    Prima esperienza, per me, di lettura collettiva; direi che il romanzo non ha entusiasmato nessuna di noi, ma il mio giudizio è comunque positivo (il voto ideale sarebbe tre stelline e mezzo). La scrittura della Wharton è fresca e vivace, un vero piacere, ma la storia risente troppo della mancata revisione da parte dell'autrice, morta prima di poter completare l'opera. Ci son troppi sbalzi temporali, troppe situazioni importanti appena accennate e altre su cui ci si sofferma persino troppo, troppi personaggi di rilievo sono appena abbozzati e si sa poco o niente delle loro vite, l'opera in generale è poco omogenea, come se mancasse il collante che lega le varie situazioni. Peccato :)

    ha scritto il 

  • 3

    Molto confuso..saranno i salti temporali che sono davvero fastidiosi,ho odiato tutti tranne Nan,ho odiato anche la storia..ma consiglio di leggerlo non so neanche io perchè..

    ha scritto il 

  • 4

    Anche in questo romanzo, come in "The Age of innocence", la Wharton mi ricorda molto Henry James. In particolare per questa contrapposizione costante tra vecchio e nuovo mondo. E nessuno dei due ne esce granchè bene...

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Ultimo libro della scrittrice americana. Fu pubblicato postumo, l'autrice non ne aveva completato la stesura e ricevette prima di essere stampato solo una lieve revisione. Sembra che manchi in alcune sue parti del tocco finale di questa grande autrice.
    Il libro è comunque interessante e ben ...continua

    Ultimo libro della scrittrice americana. Fu pubblicato postumo, l'autrice non ne aveva completato la stesura e ricevette prima di essere stampato solo una lieve revisione. Sembra che manchi in alcune sue parti del tocco finale di questa grande autrice.
    Il libro è comunque interessante e ben scritto senza però toccare apici di bellezza paragonabili all' "Età dell'innocenza".
    La Storia riguarda 5 ragazze americane, provenienti dalla nuova e ricca società di New York, che rifiutate dalle più antiche e altolocate famiglie del loro paese partono alla conquista del vecchio mondo e in particolare dell'Inghilterra.
    Qui affascinano i ricchi e aritrocratici inglesi con la loro bellezza e spontaneità, provocando contemporaneamente le ire di madri e sorelle antiquate, ma soprattutto di amanti gelose.
    Mentre tutte sono interessate a contrarre matrimoni vanaggiosi e aristocratici, solo una sembra rimanere indifferente alla caccia al marito perfetto ma affascinata dalla storia e dal paesaggio inglese. Sarà invece lei a contrarre il matrimonio più altolocato con il duca di Tintagel, matrimonio che si rivelerà una prigione di solitudine e tristezza. Ma forse questo matrimonio non è destinato a durare per sempre...

    ha scritto il 

  • 3

    Piacevole

    Un libro da consigliare a chi ama gli intrecci amorosi conditi in salsa ottocentesca. Cinque giovani donne americane vanno a caccia di un riscatto sociale in Inghilterra. Il romanzo è scritto con uno stile elegante, che si lascia leggere.

    ha scritto il