Building Stories

By

Publisher: Jonathan Cape

4.5
(31)

Language: English | Number of Pages: 246 | Format: Hardcover

Isbn-10: 0224078127 | Isbn-13: 9780224078122 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Boxset

Category: Comics & Graphic Novels

Do you like Building Stories ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Follows the inhabitants of a three-flat Chicago apartment house: a thirty-year-old woman who has yet to find someone with whom to spend the rest of her life; a couple who wonder if they can bear each other's company for another minute; and finally an elderly woman who never married and is the building's landlady.
Sorting by
  • 5

    Un manuale di costruzione/decostruzione: dell'oggetto libro, del medium fumetto, della narrazione. Mai titolo fu più azzeccato. Dopo tanto tempo, le mie alte aspettative per un'opera sono soddisfatte ...continue

    Un manuale di costruzione/decostruzione: dell'oggetto libro, del medium fumetto, della narrazione. Mai titolo fu più azzeccato. Dopo tanto tempo, le mie alte aspettative per un'opera sono soddisfatte e mi ritrovo a lasciare una recensione mentre sto ancora gustando, con calma, il sapore della lettura.

    said on 

  • 5

    Chris Ware sempre ai limiti del linguaggio del fumetto

    "Building stories" non è un libro, ma una scatola simile a quella di un gioco da tavolo. All'interno, 14 oggetti tra libri rilegati, plance di cartone pieghevoli, fogli spillati, fumetti in formato qu ...continue

    "Building stories" non è un libro, ma una scatola simile a quella di un gioco da tavolo. All'interno, 14 oggetti tra libri rilegati, plance di cartone pieghevoli, fogli spillati, fumetti in formato quotidiano, fogliettini piegati a fisarmonica.

    Tutti questi fumetti stampati su supporti diversi raccontano la storia di una donna che abita in un palazzo a tre piani di Chicago e dei suoi vicini di casa, e sono leggibili nell'ordine che si vuole. Quindi a seconda si avranno flashback o sguardi sul "futuro" dei personaggi.

    La psicologia femminile è descritta con una profondità sbalorditiva, lo stile grafico è il consueto (quindi a livelli altissimi). Un lavoro certosino, una pietra miliare che una volta di più porta il linguaggio del fumetto ai suoi limiti in maniera rigorosa ed elegante e che fornisce un'esperienza di lettura unica. Molti i riferimenti all'architettura (le opere di Wright a Chicago, l'edifico in cui abita la protagonista che pensa e ricorda gli inquilini precedenti, le tavole con spaccati assonometrici e sezioni dello stabile, il marito della protagonista che è un architetto), di cui l'autore è grande conoscitore.

    Il solito, unico appunto per quanto mi riguarda: Ware racconta solo personaggi depressi e con tendenze suicide... se non fosse così lo avrei letto in metà del tempo.

    said on 

  • 0

    Probabilmente è l'Infinte Jest del fumetto.

    Io ogni week-end ci passo dentro qualche ora ed è come entrare in un'altra dimensione.

    Piccola nota: a febbraio 2013 Igort ha dichiarato davanti a me che la ...continue

    Probabilmente è l'Infinte Jest del fumetto.

    Io ogni week-end ci passo dentro qualche ora ed è come entrare in un'altra dimensione.

    Piccola nota: a febbraio 2013 Igort ha dichiarato davanti a me che la Coconino lo porterà in Italia. Ci crederò quando lo vedrò.

    said on 

  • 5

    A parte la banalità della definizione spontanea che mi viene, appena finita la lettura ("capolavoro!"), si tratta realmente di un libro che sfida il lettore e il medium "fumetto" nella storia che si d ...continue

    A parte la banalità della definizione spontanea che mi viene, appena finita la lettura ("capolavoro!"), si tratta realmente di un libro che sfida il lettore e il medium "fumetto" nella storia che si dispiega letteralmente di fronte ai nostri occhi e di come ci troviamo a ri-costruire le vicende della ragazza protagonista. Un libro che, di nuovo banalmente, avrà bisogno di nuove letture per poter penetrare al meglio la densità della narrazione e della tecnica che ci viene offerta.

    said on