Libro intenso, pur nella sua apparente linearità, Cacao tratteggia un Brasile che, chiuso il carnevale dei folli anni Venti, comincia a meditare sulla propria realtà di paese del sottosviluppo, con un epicentro del Nordest dello zucchero e del ...Continua
Ha scritto il 18/06/17
Vita nella fazenda
Libro breve, di facile e veloce lettura, ma molto interessante perché offre uno spaccato di vita in una fazenda di cacao a Bahia. Protagonista e voce narrante è un giovane sergipano che da benestante si ritroverà prima operaio e poi bracciante in ...Continua
  • 4 mi piace
  • 2 commenti
Ha scritto il 11/07/15
L'autore lo definisce un "romanzo proletario". E', tutto sommato, una cronaca. La cronaca, cruda, delle vite che i braccianti di fazende, negli anni '30 del secolo scorso, trascorrono nelle piantagioni di cacao di Bahia, tra amicizie, amori vissuti ...Continua
  • 3 mi piace
Ha scritto il 06/07/15
Terribile e crudo constatare le misere condizioni di vita e lo sfruttamento che avviene nelle piantagioni di cacao brasiliane da parte dei "signorotti" locali, latifondisti senza cuore. E' un romanzo proletario, così come lo definisce lo stesso ...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 12/06/15
lettura accattivante e illuminante relativamente alla coltivazione del cacao e ai risvolti sociali connessi ,negli anni 30 a Bahia
  • 1 mi piace
Ha scritto il 12/06/15
lettura accattivante e illuminante relativamente alla raccolta del cacao e ai risvolti sociali negli anni 30 a Bahia, terra di latifondisti
  • 1 mi piace

Ha scritto il Jul 06, 2015, 07:03
- Il destino è Dio che lo dà... - Che Dio....anche Dio sta dalla parte dei ricchi..
Pag. 5
Ha scritto il Jul 28, 2014, 09:01
Dona Rosàlia non avrebbe mai creduto che una prostituta si potesse suicidare per amore. Una prostituta si uccide per castigo dei suoi peccati, amen.
Pag. 67
Ha scritto il Jul 27, 2014, 14:15
"Tu sei 'affittato' dal coronel.."Trovai strano il termine: "La gente affitta una macchina, un mulo, tutto, ma un uomo no.""E invece in queste terre del Sud si affittano anche le persone"Il termine mi umiliava. Affittato...Ero ridotto a meno di un ...Continua
Pag. 36
Ha scritto il Jul 27, 2014, 13:06
[Papà] aveva girato minuziosamente una parte del mondo e amava gli oggetti vecchi e d'arte, le cose fragili e le persone deboli, tutto ciò che dava un'idea di convalescenza o di prossima fine. Da qui, forse, la sua passione per la mamma. Con la ...Continua
Pag. 23
Ha scritto il Aug 27, 2010, 15:08
Antonieta disse una sola frase, un commento, una definizione, che è il più bel epigramma che abbia sentito fino a oggi: "Quell'Osòrio... quello lì è l'avanzo del clistere che il culo sputa fuori."

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi