Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cacciatori di vampiri

Gardella Vampire Chronicles Vol.1

Di

Editore: Newton & Compton

3.6
(1131)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 280 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8854109614 | Isbn-13: 9788854109612 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Tascabile economico , eBook

Genere: Fiction & Literature , Romance , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Cacciatori di vampiri?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Generazione dopo generazione, uno dei discendenti della famiglia Gardella deve accettare il destino della stirpe e diventare cacciatore di vampiri. Questa volta la prescelta è Victoria, diciottenni ancora da compiere. Mentre la sua vita si snoda tra la folla delle sale da ballo e le strade solitarie illuminate dalla luna, il suo cuore è conteso tra il più ambito scapolo di Londra, il marchese di Rockley, e il suo enigmatico alleato, Sebastian Vioget. E quando si ritroverà faccia a faccia con il più potente vampiro mai esistito sulla terra, Victoria dovrà compiere la scelta estrema tra amore e dovere. Ambientato tra gli splendori e le ombre della Londra di inizio Ottocento, il libro è una storia di sangue, di soprannaturale, d'amore e morte.
Ordina per
  • 3

    Inizio nella norma, forse troppo, per la saga di Victoria Gardella, giovane debuttante che, nell'ormai classica (soprannaturale) Londra Vittoriana, deve mettere in secondo piano i balli e la ricerca di un partito perfetto per accogliere l'eredità della sua famiglia: quella di Venator, cacciatori ...continua

    Inizio nella norma, forse troppo, per la saga di Victoria Gardella, giovane debuttante che, nell'ormai classica (soprannaturale) Londra Vittoriana, deve mettere in secondo piano i balli e la ricerca di un partito perfetto per accogliere l'eredità della sua famiglia: quella di Venator, cacciatori di vampiri, i più antichi e potenti fra essi. Un giorno, Victoria erediterà la posizione di comando che è ora di sua zia Eustacia, ed è tempo che cominci a prendere confidenza con il paletto. Ma questo non vorrà dire dover rifiutare all'affascinante (e ricchissimo) Marchese di Rockeley ... o no?

    Mi aspettavo di meglio, considerando che mi era stato raccomandato come qualcosa di più simile a Buffy che a Twilight, ma le premesse sono buone, ed il materiale promette una serie più interessante della media del genere. Quindi, penso che concederò il beneficio del dubbio all'autrice, e continuerò a leggere.

    Mezione d'onore per dei vampiri che finalmente tornano ad essere spietate, assetate, demoniache creature della notte, senza sbriluccicamenti assortiti e pale mentali varie. Ben fatto, Ms Gleason: Bram Stoker ringrazia sentitamente, e noi con lui.

    ha scritto il 

  • 3

    Nonostante un inizio un po' stentato, questo primo volume delle Cronache dei Gardella si è alla fine rivelato un buon inizio per una saga, incuriosisce al punto giusto e lascia in sospeso abbastanza quesiti per spingere alla lettura del secondo volume.
    Nota positiva sono i personaggi, uno m ...continua

    Nonostante un inizio un po' stentato, questo primo volume delle Cronache dei Gardella si è alla fine rivelato un buon inizio per una saga, incuriosisce al punto giusto e lascia in sospeso abbastanza quesiti per spingere alla lettura del secondo volume.
    Nota positiva sono i personaggi, uno migliore dell'altro: la protagonista, Victoria, la zia Eustacia, Max e Sebastian. Personaggi misteriosi, pieni di sfaccettature tutte da scoprire.
    Bellissima l'ambientazione nella Londra ottocentesca, in cui è piuttosto complicato per una Cacciatrice di vampiri potersi muovere liberamente.

    ha scritto il 

  • 4

    una cacciatrice d'altri tempi

    bello bello bello
    questo libro si è rivelato esattamente come me l'aspettavo, in varie recensioni si paragona la protagonista a Buffy ed in effetti in Victoria c'è molto del caratterino della cacciatrice di Sunnydale, ribelle si ma con un gran senso del dovere; una lettura piacevole, scorre ...continua

    bello bello bello
    questo libro si è rivelato esattamente come me l'aspettavo, in varie recensioni si paragona la protagonista a Buffy ed in effetti in Victoria c'è molto del caratterino della cacciatrice di Sunnydale, ribelle si ma con un gran senso del dovere; una lettura piacevole, scorrevole e molto coinvolgente, il tema vampiresco non risente negativamente dell'ambientazione vittoriana che può sembrare insolita, la storia è ben strutturata e vale la pena di proseguire la lettura col secondo libro di questa saga sui vampiri.

    ha scritto il 

  • 3

    2 e mezzo/3

    Ehm... nì. Onestamente non so quali fossero le mie aspettative su questo libro, fatto sta che è stato tutto l'opposto di quello che pensavo. Mi hanno dato fastidio le numerose, e riccorrenti, scopiazzature da serie tv note (Buffy) soprattutto per quanto riguarda i personaggi.
    Diciamo che la ...continua

    Ehm... nì. Onestamente non so quali fossero le mie aspettative su questo libro, fatto sta che è stato tutto l'opposto di quello che pensavo. Mi hanno dato fastidio le numerose, e riccorrenti, scopiazzature da serie tv note (Buffy) soprattutto per quanto riguarda i personaggi.
    Diciamo che la storia in sè era abbastanza buona, aveva del potenziale, ma è stata sviluppata male. Molto male.
    Ho preferito dare il mezzo voto in più perché voglio dare fiducia agli altri volumi e soprattutto al personaggio di Max (che è l'unico che mi è piaciuto).

    ha scritto il 

  • 3

    Cacciatori di Vampiri è il primo volume della serie urban fantasy omonima di Colleen Gleason, pubblicata per la prima volta dalla Newton Compton nel 2007. Non avevo mai preso in considerazione questa saga prima di qualche mese fa, poco incuriosita tanto tanto dalla cover quanto dalla trama. Quand ...continua

    Cacciatori di Vampiri è il primo volume della serie urban fantasy omonima di Colleen Gleason, pubblicata per la prima volta dalla Newton Compton nel 2007. Non avevo mai preso in considerazione questa saga prima di qualche mese fa, poco incuriosita tanto tanto dalla cover quanto dalla trama. Quando però ho scoperto della pubblicazione italiana del volume unico che raccoglieva tutti e cinque i libri della serie, mi sono documentata e ho deciso di provarla ad acquistarla. All'inizio pensavo di fare un'unica recensione dove vi avrei parlato dell'intera saga, ma una volta terminato il primo volume e iniziato il secondo, mi sono resa conto di avere troppe cose da dire su ogni singolo libro per poter pensare di fare una sola recensione. Così ora vi parlo del primo romanzo, Cacciatori di Vampiri, una buona seppur imperfetta introduzione ad una saga che migliora di capitolo in capitolo.

    Protagonista del libro è Victoria, giovane ventenne la cui unica preoccupazione è il debutto in società: vestirsi elegante, comportarsi in modo adeguato, attirare l'attenzione di pretendenti alla ricerca del futuro marito. La sua vita monotona viene però sconvolta quando la ragazza scopre di appartenere alla prestigiosa stirpe dei Gardella, secolare famiglia di cacciatori di vampiri. All'improvviso Victoria viene catapultata in un universo completamente opposto al suo, fatto di duri allenamenti, paletti di legno, occhi rossi ed infinite cacce notturne. Al suo fianco avrà solo Eustacia, amata zia della ragazza, e Max, esperto cacciatore che pare avere solo parole dure e sguardi truci per lei. Divisa a metà tra la sua vita apparente e quella reale, per Victoria sarà sempre più difficile nascondere la verità alla persone che la circondano, specialmente al marchese di Rockley, il suo grande amore.

    Victoria, il personaggio principale dell'intera saga, è una ragazza forte, coraggiosa, testarda ed estremamente orgogliosa, che per certi versi mi ricorda Eloise della Winter. Purtroppo, a differenza di quest'ultima, non sono riuscita ad immedesimarmi molto in lei, ritrovandomi spesso in disaccordo con i suoi pensieri e le sue azioni. Non credo sia il personaggio meglio riuscito nella serie, nonostante il suo non essere la solita damigella indifesa dei libri YA me l'abbia fatta apprezzare maggiormente.
    Eustacia è la zia di Victoria, la donna che le farà da guida nel suo nuovo mondo e che la aiuterà in più di un'occasione. Ammetto di averla trovata leggermente stereotipata: donna anziana saggia e rispettata, che dà consigli materni alla protagonista; tuttavia nel complesso non è un personaggio mal riuscito.
    Sono i personaggi maschili, tuttavia, ad essere i più interessanti del romanzo. E con personaggi maschili intendo Max e Sebastian (Non certo Rockley, che ho a malapena sopportato sin dalla sua prima apparizione).
    Max è un cacciatore di vampiri dal passato sconosciuto e dal comportamento freddo e distaccato. E' costantemente avvolto da un alone di mistero e questo, se da una parte mi ha confuso non aiutandomi a capire se mi andava a genio o meno, dall'altro lo ha reso decisamente intrigante. Sebastian, però, è il personaggio che mi è piaciuto di più. Victoria fa la sua conoscenza quando una ricerca sui vampiri la conduce al Silver Chalice, un locale che accoglie sia umani che non morti e di cui Sebastian si rivelerà essere il proprietario. Il loro rapporto è a mio parere bellissimo, seppur caratterizzato da alti e bassi, causati spesso dall'ambiguità di Sebastian, del quale si scopre continuamente qualcosa di nuovo.
    Il cattivo della situazione, la vampira Lilith, è pressoché assente in questo primo romanzo, cosa che spero (e da una parte, so) che migliorerà nei prossimi volumi.

    L'aspetto che forse ha maggiormente penalizzato questo romanzo è lo stile della Gleason. Non riesco bene ad indicarne il motivo, ma l'ho trovato pesante e difficile da seguire: il problema non è l'essere molto descrittivo, cosa che personalmente apprezzo molto in un libro, ma l'essere descrittivo nei punti sbagliati. Mi spiego: c'erano momenti in cui l'autrice utilizzava un'intera pagina per descrivere un salotto, mentre quando succedeva qualcosa di importante veniva liquidato in due righe.
    Un esempio sono i combattimenti tra Victoria e i vampiri. Ora, io non sono una lettrice accanita di libri con lotte, guerre o quant'altro, ma mi aspetto che venga detto qualcosa in più di "Il vampiro le si avvicinò e con un colpo di paletto Victoria lo tramutò in una nuvola di polvere", specialmente se questo avviene in ogni singola battaglia e se in altre situazioni mi ritrovo con descrizioni chilometriche.
    Per quanto riguarda questo aspetto, comunque, avendo già letto i due libri seguenti, sono felice di poter dire che il problema verrà risolto e che lo stile dell'autrice, già dal secondo volume, migliorerà notevolmente.
    Un'altra cosa che vorrei fare notare è la scelta dell'autrice di ambientare il romanzo nell'Ottocento... Non so se sia stata una buona idea o meno. Non c'è una grande descrizione della società, l'unica cosa che ci fa intuire l'epoca è l'abbigliamento e i dialoghi (che, mi dispiace ammetterlo, ma talvolta appaiono un po' forzati). Per il resto, credo che l'autrice abbia esagerato con i balli e le feste, mentre l'aspetto dark e avventuroso che mi aspettavo di trovare è a malapena accennato.

    In generale non l'ho trovato un libro poco interessante o piacevole da leggere. La trama è intrigante e la mitologia che descrive l'autrice è decisamente originale, cosa che ha influenzato molto sulla scelta del voto. Tuttavia non mi ha soddisfatta pienamente, non come mi aspettavo almeno. So che molti degli aspetti che non mi sono piaciuti si sistemeranno col proseguire della saga, motivo per cui non ho avuto dubbi nella scelta di continuare la lettura dei romanzi.

    http://clary-booktime.blogspot.it/2012/10/recensione-cacciatori-di-vampiri.html#more

    ha scritto il 

  • 5

    La mia saga preferita, i Gardella non vi deluderanno mai! Ho amato tutti e cinque i libri della saga! La gleason ha un buon ritmo e si Sa che ha una predilezione per i personaggi maschili, ha avuto la bravura di riuscire a farmi innamorare di uno dei due protagonisti maschili, Max Pesaro! Ha un f ...continua

    La mia saga preferita, i Gardella non vi deluderanno mai! Ho amato tutti e cinque i libri della saga! La gleason ha un buon ritmo e si Sa che ha una predilezione per i personaggi maschili, ha avuto la bravura di riuscire a farmi innamorare di uno dei due protagonisti maschili, Max Pesaro! Ha un fascino irresistibile quel uomo nonostante sia solo frutto della fantasia nonché parole scritte. La storia di Victoria vi appassionerà , adorerete la buffi dell'Ottocento ;)

    ha scritto il 

Ordina per