Caesar

L'italiano che dominò il mondo

Di

Editore: Mondadori (Omnibus)

3.5
(137)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 415 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8804524561 | Isbn-13: 9788804524564 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Francesco Saba Sardi

Disponibile anche come: Altri

Genere: Biografia

Ti piace Caesar?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
L'autore ricostruisce la storia dell'uomo che ha creato l'Impero che dominòil mondo per oltre quattro secoli. Al di là dell'anedottica che lo vedevincitore di Vercingetorige o amante di Cleopatra, brillante scrittore e abileoratore, Giulio Cesare emerge per la sua abilità politica e militare e perl'eccezionale impresa che lo condusse a conquistare l'intero bacino delMediterraneo, dalla Spagna all'Asia, dall'Egitto alle coste africane,nonostante le difficoltà dovute ai delicati equilibri politici e alla guerracivile con Pompeo. Ma la sua visione politica, che attraverso la riforma dellaproprietà della terra e una redistribuzione più equa delle ricchezze, avrebbeportato ad un nuovo sistema sociale lo resero solo e vulnerabile.
Ordina per
  • 2

    Mi sembrava impossibile poter rendere la vicenda storica ed umana di C. Giulio Cesare noiosa, eppure… L’autore, con mio sommo stupore e disappunto- c’è riuscito.

    La ricostruzione –questo va riconosc ...continua

    Mi sembrava impossibile poter rendere la vicenda storica ed umana di C. Giulio Cesare noiosa, eppure… L’autore, con mio sommo stupore e disappunto- c’è riuscito.

    La ricostruzione –questo va riconosciuto- degli eventi dell’epoca mi è parsa abbastanza precisa ed accurata; ma la scrittura è eccessivamente ridondante, prolissa e ripetitiva. Poco spazio è concesso alle emozioni, quindi la narrazione, priva di un minimo di pathos, scorre piatta e poco fluente.

    ha scritto il 

  • 2

    Lento, a tratti veramente noioso. Il ritratto di Cesare si intuisce bene tra le righe, un Cesare molto "umano" e quindi imperfetto, ma vividamente reale. L'autore preferisce la scrittura biografica al ...continua

    Lento, a tratti veramente noioso. Il ritratto di Cesare si intuisce bene tra le righe, un Cesare molto "umano" e quindi imperfetto, ma vividamente reale. L'autore preferisce la scrittura biografica al racconto storico, e forse per questo il testo risulta pesante e poco scorrevole. Peccato, le prime venti pagine si fanno leggere che è una meraviglia.

    ha scritto il 

  • 3

    È la storia di Cesare, dalla nascita alla morte, scritta in uno stile poco scientifico, molto "dal di dentro", e anche molto esaltante. I fatti storici sono quasi dati per scontati, perché quello che ...continua

    È la storia di Cesare, dalla nascita alla morte, scritta in uno stile poco scientifico, molto "dal di dentro", e anche molto esaltante. I fatti storici sono quasi dati per scontati, perché quello che conta in questo libro è l'immagine che l'autore vuole dare di Cesare, mentre tutto il resto deve già essere noto. Tutti gli altri personaggi scompaiono davanti al dictator.
    Non mi è piaciuto tantissimo, e a volte è anche un po' noioso. Però è senza dubbio da leggere. Si può fare.

    ha scritto il 

  • 0

    una biografia sui generis, raccontata sotto forma di reso conto delle gesta eroice del personaggio. un filino noioso, tra guerre, tradimenti, orge, dei e semidei ma sicurametn un libro interessante. u ...continua

    una biografia sui generis, raccontata sotto forma di reso conto delle gesta eroice del personaggio. un filino noioso, tra guerre, tradimenti, orge, dei e semidei ma sicurametn un libro interessante. uno spaccato sulla vitadei romani prima dell'anno zero.

    ha scritto il 

  • 4

    Botta Storica

    Lo ammetto, ho avuto la "botta" dei libri di storia. Roma in primis, la Roma imperiale. Questo libro non passerà  alla storia della letteratura, però me lo sono goduto e mi sono riappropriato della fi ...continua

    Lo ammetto, ho avuto la "botta" dei libri di storia. Roma in primis, la Roma imperiale. Questo libro non passerà  alla storia della letteratura, però me lo sono goduto e mi sono riappropriato della figura di Giulio Cesare e della storia di Roma antica che ho studiato sui banchi di scuola.? Mi è proprio piaciuto. Mi devo vergognare? Me lo sono letto divorandolo. Avevo appena finito "Le memorie di Adriano", quindi ero ancora caldo dell'ambientazione storica. Mi è piaciuto, lo ripeto: un Cesare diverso, diversissimo da quello che si legge nei libri di scuola. Un profilo storico che qualcuno pensa  essere discutibile, ma in ogni caso, alla luce della storia, comunque credibile. Un'occasione per ripassare la storia romana, con la scusa di leggersi un bel romanzo.

    ha scritto il