Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Callisto

Un intrigo americano

Di

Editore: Isbn Edizioni

4.1
(279)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 412 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese

Isbn-10: 8876382496 | Isbn-13: 9788876382499 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Francesco Pacifico

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Callisto?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Mi sembrava di leggere il sequel di "Vacanze matte" di Powell. Libro divertente dove il protagonista narra in prima persona la sua avventura occorsa durante la sua permanenza obbligata nella città di Callisto dove si recava per arruolarsi nell'esercito. Lettura assolutamente divertente, storia (m ...continua

    Mi sembrava di leggere il sequel di "Vacanze matte" di Powell. Libro divertente dove il protagonista narra in prima persona la sua avventura occorsa durante la sua permanenza obbligata nella città di Callisto dove si recava per arruolarsi nell'esercito. Lettura assolutamente divertente, storia (mio parere) accattivante e personaggio ben "dipinto"

    ha scritto il 

  • 4

    Che pensavano, che ero stupido?

    Odell somiglia a uno che conosco.
    Alto, grosso e assurdamente caduto dal nido.
    Anche se ho il forte sospetto che lui, Il Cucciolo, non lo ha letto neanche una volta.
    Figuriamoci sedici...

    ha scritto il 

  • 5

    Il lato scemo degli Americani

    La trama non è geniale, ma lo è il fatto di scriverla in prima persona, con tutte le implicazioni del caso: il protagonista è un mentecatto, che scriva e pensa come tale. Questo rende la lettura scorrevole, ma mai banale, grazie a ironia, sottintesi e dialoghi paradossali. Senza essere mai banale ...continua

    La trama non è geniale, ma lo è il fatto di scriverla in prima persona, con tutte le implicazioni del caso: il protagonista è un mentecatto, che scriva e pensa come tale. Questo rende la lettura scorrevole, ma mai banale, grazie a ironia, sottintesi e dialoghi paradossali. Senza essere mai banale, l'autore (vero o presunto, reale o immaginario che sia) riesce a dire la sua su quella provincia degli USA, ignorante, bigotta, povera e misera, che noi non conosciamo perché Hollywood la trascura. Credo sia doveroso dare buona parte del merito anche al traduttore: impeccabile. Leggerò certamente altri libri dell'autore, non foss'altro per poter dire che Callisto era meglio.

    ha scritto il 

  • 5

    Geniale

    Riuscire a spiegare come girano le cose negli States (ma potrebbe valere anche per altre parti) con un protagonista come Odell è davvero grandioso. Al punto che non riesci a incazzarti del tutto per quello che accade, visto la capacità del nostro eroe nell'affrontare di tutto e di più. Imperdibil ...continua

    Riuscire a spiegare come girano le cose negli States (ma potrebbe valere anche per altre parti) con un protagonista come Odell è davvero grandioso. Al punto che non riesci a incazzarti del tutto per quello che accade, visto la capacità del nostro eroe nell'affrontare di tutto e di più. Imperdibile

    ha scritto il 

  • 3

    Il mondo visto attraverso le lenti della stupidità

    Il diario delle incredibili avventure di un idiota che non capisce di essere idiota ma ogni tanto ne ha il sospetto e se ne dispiace o se ne giustifica (in fondo è fatto così dice, mica è colpa sua!). Puoi calarti per un po' nei pensieri di un ragazzo sempliciotto e imbevuto di patriottismo ameri ...continua

    Il diario delle incredibili avventure di un idiota che non capisce di essere idiota ma ogni tanto ne ha il sospetto e se ne dispiace o se ne giustifica (in fondo è fatto così dice, mica è colpa sua!). Puoi calarti per un po' nei pensieri di un ragazzo sempliciotto e imbevuto di patriottismo americano che tanta voglia di farsi domande non ne ha perché il suo cervello gira a vuoto, perché si affatica tanto a pensare al punto di perdersi e ritrovarsi con la mente totalmente vuota.
    Non puoi odiarlo, neanche quando pensa che solo gli americani sono dei veri dritti; ti fa sorridere, a volte ti sorprende ma soprattutto ti fa provare compassione perché è disperso nel caos senza l'appiglio dei neuroni.
    Un vero esercizio di compassione nei confronti di tutti quegli individui che seguono belando gli spettri della religione, dell'intolleranza, del patriottismo, del razzismo.

    ha scritto il 

  • 4

    Se Forrest Gump avesse vissuto dopo l'11 settembre si chiamerebbe Odell Drefuss. Callisto è la lettura grottesca dell'America di oggi, da cui emergono in maniera lacerante i suoi orrori (come la tortura e Guantanamo). A parte qualche passaggio ripetitivo, vale la lettura.

    ha scritto il 

  • 3

    El personaje principal me ha recordado al genial Ignatius J Reilly de La Conjura de los Necios. El libro es una parodia sobre las reacciones de los medios de comunicación, de los políticos, de la Iglesia y del público en general ante el terrorismo islamista. En este caso, la amenaza no es tal ya ...continua

    El personaje principal me ha recordado al genial Ignatius J Reilly de La Conjura de los Necios. El libro es una parodia sobre las reacciones de los medios de comunicación, de los políticos, de la Iglesia y del público en general ante el terrorismo islamista. En este caso, la amenaza no es tal ya que los que aparecen catalogados como terroristas en la novela no lo son en realidad. La novela es entretenida y tiene algunos toques de humor realmente buenos; el final se deja entrever mucho antes y por eso pierde un poco de interés.

    ha scritto il 

  • 5

    "Stupido è chi lo stupido fa."

    Ci sono due modi per far capire allo stupido che è stupido e all'intelligente che è intelligente:
    1- Dire ad entrambi che lo stupido è stupido;
    2- Dire allo stupido che è intelligente. Lo stupido non capirà, ma l'intelligente sì!
    Ed è proprio questa la genialata di tal romanzo!< ...continua

    Ci sono due modi per far capire allo stupido che è stupido e all'intelligente che è intelligente:
    1- Dire ad entrambi che lo stupido è stupido;
    2- Dire allo stupido che è intelligente. Lo stupido non capirà, ma l'intelligente sì!
    Ed è proprio questa la genialata di tal romanzo!
    Che io ho adorato!
    Che io ho divorato!
    Che descrive la Grande, Invincibile, Infallibile, Super- Mega -Iper Nazione nota a noi comuni mortali come "U.S.A." come un ammasso di redneck e camionisti 'gnurant e cafoni, il quale scopo è proteggere valori a loro totalmente ignoti.
    - Cristiano = Buono, Musulmano = Terrorista
    - Guerra (intesa come, "ammazzare qualche cane pazzo di Allah") = Buona, Pace = Vigliaccheria
    - Americani = Sempre nel giusto, Ignoto = Male...
    Una nazione di bianco o "negro", senza sfumature e senza autocritica.
    Un impero impaurito che, per proteggersi da quell'esterno variegato che tanto teme, si chiude a tal punto da promuovere l'ignoranza come salvezza, spacciandola per patriottismo.
    Un luogo in cui gli uomini sono carnefici e giudici, senza compassione, dei delitti e delle pene comuni all'intera umanità.
    Beh, per dirla tutta, 'sto libro spicca come una balla di fieno che saltella solitaria in un deserto!
    Rincorretelo!

    ha scritto il 

Ordina per