Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Camici e pigiami

Le colpe dei medici nel disastro della sanità italiana

Di

Editore: Laterza

3.7
(61)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 208 | Formato: Altri

Isbn-10: 8842057045 | Isbn-13: 9788842057048 | Data di pubblicazione:  | Edizione 11

Ti piace Camici e pigiami?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un libro di denuncia sulla malasanità da parte di chi ha svolto da medico, per venticinque anni, numerosi compiti assistenziali e di ricerca, sempre nel settore pubblico. Gli episodi riportati hanno carattere esemplificativo e sono stati scelti dall'autore perché emblematici di un sistema che da decenni conosce un progressivo degrado culturale e morale. La vittima più comune di questo degrado è stato il comune senso di solidarietà umana, civile e sociale, radice dell'etica e della deontologia medica.
Ordina per
  • 4

    Regalo di mio padre,"pigiama"per troppi anni,ritrovarlo stasera mi provoca un'infinita tristezza anche perchè io sono rimasta qui senza di lui indossando un camice,seppur da infermiera.

    ha scritto il 

  • 3

    Immaginavo già tutto quello che c'era scritto , mio padre è stato ricoverato per anni in vari ospedali e di quello che ho visto ne sto scrivendo anche un libro. Perciò Camici e pigiami" non è stato per me una novità.

    ha scritto il 

  • 4

    Casta meretrix

    Premetto che odio il "castismo", ossia quel fenomeno ipocrita che spinge a denunciare i privilegi altrui senza considerare i propri, e sono alieno dal grillismo: detto questo dovrei trovare osceno anche questo libercolo. Invece no: e per alcuni (validi) motivi:
    a) l'autore è un medico, quind ...continua

    Premetto che odio il "castismo", ossia quel fenomeno ipocrita che spinge a denunciare i privilegi altrui senza considerare i propri, e sono alieno dal grillismo: detto questo dovrei trovare osceno anche questo libercolo. Invece no: e per alcuni (validi) motivi:
    a) l'autore è un medico, quindi parla anche di sè;
    b) che la sanità sia per i malati è un ideale superato nell'epoca dei DRG;
    c) ogni esperienza personale con i medici è rivelatrice: riletta con Cornaglia assume un senso nuovo che mi fa dire "ma allora non ero io pirla a non capire!"
    d) non c'è solo la denuncia, ma anche la proposta (effinalmente!), per quanto zoppichi un po' in concretezza.
    Assolutamente da leggere prima di essere ricoverati in qualunque struttura, o di intraprendere qualunque seria terapia medica.
    Tre stelle al coraggio, che ha anche pagato...visto che il primario che faceva finta di operare divenuto suo direttore ha trovato il modo di licenziarlo (e di perdere la causa che in seguito l'A. gli ha fatto).

    ha scritto il