Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Candido

o l'ottimismo

Di

Editore: Newton & Compton (Tascabili Economici, 186)

3.9
(7010)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 98 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Portoghese , Tedesco , Spagnolo , Svedese , Catalano , Olandese , Ceco

Isbn-10: 8879836323 | Isbn-13: 9788879836326 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Paola Angioletti ; Contributi: Riccardo Campi

Disponibile anche come: eBook , Paperback , Altri , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati , CD audio

Genere: Fiction & Literature , Humor , Philosophy

Ti piace Candido?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un autentico gioiello letterario e filosofico, l'opera più celebre di Voltaire, il "Candido" è un sempio unico di perfetta congiunzione tra senso dell'ironia, inquietudine metafisica e perfezione stilistica. La candida domanda «Perché esiste il male in questo mondo» ha turbato i pensatori di tutti i tempi. Voltaire se la pone, in tutta la sua attualità, nel corso del racconto, senza trovare una risposta definitiva, anzi, lasciandoci con il sospetto che questa in realtà non esista affatto. Ma ciò che pare senza dubbio esistere per Voltaire è la forza dell'arguzia, dell'ironia e dell'intelligenza: e se non è sufficiente per trovare soluzioni, essa costituisce comunque uno dei piaceri più compiuti dell'umanità. Per Voltaire «lo spirito è una festa offerta al pensiero»: e "Candido", prima ancora che un romanzo filosofico, è una di queste feste, una delle più riuscite.
Ordina per
  • 2

    Non sono stata catturata né dallo stile del libro né dalle numerose avventure di Candido. Anzi, ho trovato la narrazione tediosa e la vicenda poco credibile, per quanto il libro voglia essere principa ...continua

    Non sono stata catturata né dallo stile del libro né dalle numerose avventure di Candido. Anzi, ho trovato la narrazione tediosa e la vicenda poco credibile, per quanto il libro voglia essere principalmente un racconto filosofico in cui le peripezie che si trova ad affrontare il protagonista rappresentano una sorta di pretesto per fornire un messaggio morale. Il tutto, inoltre, si conclude con un finale che, come il messaggio, definirei banale.

    ha scritto il 

  • 2

    ha un ritmo incredibile! dice bene italo calvino nella prefazione: è come una comica di ridolini, i ritmi sono quelli. gira il mondo nemmeno avesse un missile...per qui tempi. se questo è il capolavo ...continua

    ha un ritmo incredibile! dice bene italo calvino nella prefazione: è come una comica di ridolini, i ritmi sono quelli. gira il mondo nemmeno avesse un missile...per qui tempi. se questo è il capolavoro di voltaire seppellito nel Phanteon a Parigi, io non l'ho capito.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libello breve ma efficace, che tra le pieghe dell'ironia nasconde una grande verità: non è la ricchezza, nè il potere nè lo sfrenato ottimismo ad appagare l'uomo ma è soltanto nella dimensione inti ...continua

    Un libello breve ma efficace, che tra le pieghe dell'ironia nasconde una grande verità: non è la ricchezza, nè il potere nè lo sfrenato ottimismo ad appagare l'uomo ma è soltanto nella dimensione intima e produttiva del lavoro che si può trovare la propria realizzazione personale e l'equilibrio interiore.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Le avventure di Candido, il cui amore è continuamente ostacolato dal suo destino.
    Mentre è alla ricerca della sua amata, Candido si chiede quale sia la giusta filosofia di vita: quella del suo maestro ...continua

    Le avventure di Candido, il cui amore è continuamente ostacolato dal suo destino.
    Mentre è alla ricerca della sua amata, Candido si chiede quale sia la giusta filosofia di vita: quella del suo maestro Pangloss, il quale ritiene che tutto è destinato ad andare per il meglio, o quella di Martin, secondo il quale tutti gli uomini sono destinati ad essere infelici?
    Quando finalmente ritrova la sua amata, oramai vecchia, brutta e insopportabile, risolve il suo dilemma: il modo migliore per vivere la vita è quello di non pensare troppo alla filosofia ma occupare tempo e mente nel lavoro fisico, per questo inizia a coltivare il suo giardino.

    ha scritto il 

  • 4

    Un grande classico che va letto e apprezzato così, per quello che è: la base di tante idee letterarie e una spinta alla visione positiva della vita anche quando non sembra esserci più nulla di bello. ...continua

    Un grande classico che va letto e apprezzato così, per quello che è: la base di tante idee letterarie e una spinta alla visione positiva della vita anche quando non sembra esserci più nulla di bello.

    ha scritto il 

  • 5

    ...se quello in cui viviamo è il migliore dei mondi possibili...chissà gli altri come sono.
    L'unico modo per essere felici è coltivare il proprio orticello senza farsi domande...senza pensare a niente ...continua

    ...se quello in cui viviamo è il migliore dei mondi possibili...chissà gli altri come sono.
    L'unico modo per essere felici è coltivare il proprio orticello senza farsi domande...senza pensare a niente.

    ha scritto il 

Ordina per