Canne al vento

Voto medio di 2951
| 338 contributi totali di cui 306 recensioni , 31 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Nella casa di Pintor, Ruth, Noemi, Ester, discendenti da una famiglia nobileandata in rovina, il servo Efix con grande fatica riesce a conservare il decoro, coltivando l'ultimo podere rimasto. In passato una quarta sorella, Lia,era fuggita in contine ...Continua
Palomar73
Ha scritto il 06/08/18
Non tutti sanno che la Deledda...
...è stata l'unica donna italiana a vincere il nobel per la letteratura (no, dai, questo lo sapevate!) ...è stata "bullizzata" da tale Luigi Pirandello, indispettito dal suddetto nobel, che ebbe giudizi taglienti ed ingiusti sul di lei e sul marito (...Continua
Chiara
Ha scritto il 15/05/18
Sono tutti canne al vento i personaggi di questo romanzo, ambientato nel cuore della Sardegna rurale più ancestrale e superstiziosa. Il sacro e il profano qui si mescolano in un’eterna danza dove l’aspetto magico prende il sopravvento, rendendo più a...Continua
Vilya
Ha scritto il 03/04/18
Scopro con questo romanzo Grazia Deledda. Profondo, dolce e antico, eppure di una amarezza arcana... una prosa che è quasi poesia nella descrizione dei paesaggi dell sua terra che diventano luoghi dell’anima, nella capacità di compenetrare personaggi...Continua
Saveriopablito
Ha scritto il 18/01/18
null

Libro a tratti troppo prolisso nelle descrizioni della natura...la storia non mi è tanto piaciuta mi aspettavo di meglio da un premio Nobel. Da rileggere. L'unica nota lieta il significato del titolo.

Micha
Ha scritto il 07/01/18
Quasi russa
Pensavo fosse una noiosona, ma d'altronde se ha vinto il nobel in tempi in cui gli scrittori erano veramente scrittori, non potevo che sbagliarmi. Efix è un personaggio profondissimo, tormentanto dalla continua tensione fra bene male. La storia scor...Continua

Luigi De Rosa
Ha scritto il Nov 24, 2017, 13:20
- Loro? Sono come i santi di legno nelle chiese. Guardano, ma non vedono: il male non esiste per loro.
bookbook
Ha scritto il Oct 16, 2016, 22:29
Le porte, i sostegni e la balaustrata del balcone erano in legno finemente scolpito: tutto però cadeva, e il legno corroso, diventato nero, pareva al minimo urto sciogliersi in polvere come sgretolato da un invisibile trivello”
Elly Chan10
Ha scritto il Oct 10, 2016, 13:23
Dimmi, tu che hai girato il mondo: è da per tutto così? Perché la sorte ci stronca così , come canne? — Sí, — egli disse allora, — siamo proprio come le canne al vento, donna Ester mia. Ecco perché! Siamo canne, e la sorte è il vento. — Sí, va bene:...Continua
Elly Chan10
Ha scritto il Oct 06, 2016, 07:00
Siamo nati per patire.
Elly Chan10
Ha scritto il Oct 05, 2016, 06:28
La vita passa e noi la lasciamo passare come l'acqua del fiume, e solo quando manca ci accorgiamo che manca.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Biblioteche...
Ha scritto il Nov 10, 2016, 14:48
853.9 DEL 4136 Letteratura Italiana

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi