Canne al vento

Letto da Michela Murgia

Voto medio di 2979
| 345 contributi totali di cui 313 recensioni , 31 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Versione integrale1 CD (.mp3, 07 h e 10 min)"Canne al vento è un libro potentemente sovversivo, perché mette in scena due rovesciamenti: il servo uccide il padrone, la figlia si ribella al padre," scrive Michela Murgia, e Grazia Deledda è prima di tu ...Continua
Alessia Zanini
Ha scritto il 25/09/18

Malinconico, senza destino, quasi arido da un lato. Dall'altro ricco di sapori, odori, suoni grazie alle meravigliose descrizioni. Letto dalla Murgia amplifica le emozioni.

Monica ( ora...
Ha scritto il 17/09/18
È un libro tristemente maliconico incentrato sull'immobilità delle tradizioni e sul timore di vederle mutare, il cui unico vero mutamento è la morte che spazza via, poco per volta, gli abitanti del paese. Mutamenti annunciati anche solo dall'arrivo d...Continua
Cri1967
Ha scritto il 06/09/18
Canne al vento, scritto nel 1913, è un gioiello della letteratura italiana, troppo spesso dimenticato, che valse alla sua autrice, Grazia Deledda, il Premio Nobel per la letteratura. La prima donna italiana e sarda, ad essere insignita di questo prem...Continua
Cri1967
Ha scritto il 06/09/18
Canne al vento, scritto nel 1913, è un gioiello della letteratura italiana, troppo spesso dimenticato, che valse alla sua autrice, Grazia Deledda, il Premio Nobel per la letteratura. La prima donna italiana e sarda, ad essere insignita di questo prem...Continua
Angebet
Ha scritto il 05/09/18
Ingredienti: un servo anziano e devoto di una famiglia nobiliare in declino, tre sorelle zitelle in un piccolo paesino sardo, un mondo rurale al tramonto fatto di ritmi lenti e ricordi passati, l’arrivo dal continente di un nipote spiantato e sprovve...Continua

Luigi De Rosa
Ha scritto il Nov 24, 2017, 13:20
- Loro? Sono come i santi di legno nelle chiese. Guardano, ma non vedono: il male non esiste per loro.
bookbook
Ha scritto il Oct 16, 2016, 22:29
Le porte, i sostegni e la balaustrata del balcone erano in legno finemente scolpito: tutto però cadeva, e il legno corroso, diventato nero, pareva al minimo urto sciogliersi in polvere come sgretolato da un invisibile trivello”
Elly Chan10
Ha scritto il Oct 10, 2016, 13:23
Dimmi, tu che hai girato il mondo: è da per tutto così? Perché la sorte ci stronca così , come canne? — Sí, — egli disse allora, — siamo proprio come le canne al vento, donna Ester mia. Ecco perché! Siamo canne, e la sorte è il vento. — Sí, va bene:...Continua
Elly Chan10
Ha scritto il Oct 06, 2016, 07:00
Siamo nati per patire.
Elly Chan10
Ha scritto il Oct 05, 2016, 06:28
La vita passa e noi la lasciamo passare come l'acqua del fiume, e solo quando manca ci accorgiamo che manca.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Biblioteche...
Ha scritto il Nov 10, 2016, 14:48
853.9 DEL 4136 Letteratura Italiana

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi