Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Capitani della spiaggia

By Jorge Amado

(93)

| Hardcover | 9788811660439

Like Capitani della spiaggia ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

39 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    "Perché la rivoluzione è una patria e una famiglia"

    Amado è bravo ed empatico come non mai nel raccontare le miserie e gli abbrutimenti di questo gruppo di ragazzini abbandonati, dello strano mondo che gira loro intorno, della loro quotidianità e dei loro riscatti. Romantico e brutale.

    Is this helpful?

    Dani Torakiki said on Apr 28, 2014 | 4 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    La storia è bella e coinvolgente, ma sono rimasta piuttosto delusa dalla lingua. Che sia un problema di traduzione?

    Is this helpful?

    ElenaElle said on Jan 20, 2014 | 3 feedbacks

  • 8 people find this helpful

    L'infanzia-adolescenza di un gruppo di ragazzi di Bahia, senza famiglia e senza legge. Ognuno di loro saprà prendere una via diversa e cercare la propria identità, nonostante la violenza dentro e fuori il gruppo.
    Una violenza che molto spesso non ho ...(continue)

    L'infanzia-adolescenza di un gruppo di ragazzi di Bahia, senza famiglia e senza legge. Ognuno di loro saprà prendere una via diversa e cercare la propria identità, nonostante la violenza dentro e fuori il gruppo.
    Una violenza che molto spesso non ho compreso e una società che sempre rifiuta chi è in difficoltà... a prescindere dai motivi...
    "Perché la rivoluzione è una patria e una famiglia." Spero che poi siano riusciti a trovarsi davvero.
    Tre stelle e mezzo.

    Is this helpful?

    Chiara White said on Dec 3, 2013 | 3 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    In questo romanzo d'incredibile bellezza, pubblicato nel 1936, Jorge Amado racconta le storie dei ragazzi di strada di Salvador de Bahia. Storie d'innocenza perduta, storie di sangue, d'amore e di morte. Ambientate per i vicoli e le spiagge di una ci ...(continue)

    In questo romanzo d'incredibile bellezza, pubblicato nel 1936, Jorge Amado racconta le storie dei ragazzi di strada di Salvador de Bahia. Storie d'innocenza perduta, storie di sangue, d'amore e di morte. Ambientate per i vicoli e le spiagge di una città che è al tempo stesso rifugio e prigione, parco giochi e campo di battaglia, una sorta di Isola-che-non-c'è a rovescio, con poliziotti, banditi e puttane al posto di pirati, indiani e sirene. Un mondo crudele e senza pietà, da cui non si può fuggire con l'aiuto di un pizzico di polvere di fata, ma in cui c'è ancora spazio per sogni e grandi speranze.

    Is this helpful?

    Mr. Lunastorta said on Oct 5, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    A un mese esatto dalla mia partenza per il Brasile, sono riuscita a riprendere in mano e a finire di leggere "Capitães da Areia" - tradotto in italiano con il titolo di "Capitani della spiaggia" nel caso in cui venga voglia di leggerselo a qualcuno. ...(continue)

    A un mese esatto dalla mia partenza per il Brasile, sono riuscita a riprendere in mano e a finire di leggere "Capitães da Areia" - tradotto in italiano con il titolo di "Capitani della spiaggia" nel caso in cui venga voglia di leggerselo a qualcuno.

    "Capitães da Areia" è a quanto pare un classico della letteratura brasiliana degli anni trenta, bruciato in piazza prima e poi fatto leggere agli studenti delle scuole, che racconta la vita di questi piccoli capitani di sabbia, ragazzini abbandonati, bambini di strada. E' un romanzo corale, che ricorda un po' la struttura di un telefilm: quasi ogni capitolo racconta di un episodio che inizia e finisce in se stesso, riuscendo nella maggior parte dei casi a rimanere in equilibrio fra un lirismo straordinario e la cruda realtà dei fatti.

    Ambientata a Salvador de Bahia negli anni trenta, il Brasile di questo libro vive un momento storico complicato: si iniziava a capire cos'era la lotta di classe, si iniziava a parlare di comunismo, rivolte degli operai, diritti. E' anche il periodo del vaiolo, delle infezioni, della paura di ammalarsi per finire ghettizzati in una specie di lazzaretto da cui è impossibile tornare. Ai margini della grande storia, troviamo loro, i capitani della sabbia: Pedro Bala, Joao il Grande, Pirulito, il Professore, Senza Gambe e molti altri. Ognuno con un diverso carattere e una diversa storia, ma con lo stesso tipo di vita (furti, rapine, stupri, mancanza di una famiglia, lotta continua e costante per la sopravvivenza) e la stessa disperazione. Aiutati dal sacerdote José Pedro, l'unico che intanto che aspetta la sua parrocchia altrove tenta di aiutare e di capire questi bambini già vecchi, la vita di questi ragazzini scorre fra alti e bassi, concedendo loro ogni tanto qualche lieto fine.

    Commovente e bellissimo, vorrei che questo libro fosse più conosciuto anche in Italia.

    Is this helpful?

    LaSalo said on Aug 19, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    un classico

    bellissimo...commovente...in certi punti un pó ripetitivo ma tra i libri che vale la pena leggere!

    Is this helpful?

    Vitcia said on Jul 12, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book