"Capricci del destino", l'ultimo libro pubblicato in vita da Karen Blixen, contiene cinque fra i suoi racconti più significativi. Queste storie ambientate in luoghi diversi (dalla Persia alla Norvegia, alla Cina, alla Danimarca) e tuttavia ... Continua
Ha scritto il 23/04/17
Realtà vs immaginazione
Raccolta di cinque racconti, tutti apprezzabili. A mio avviso l'apice è "La tempesta", ma non si può non ricordare anche "Il pranzo di Babette". Dove si scontrano con più forza realtà e immaginazione ( "La tempesta", "La storia immortale", "Il ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 24/11/16
Senz'arte ne parte. Conoscevo solo la storia del pranzo di Babette, gli altri sono comunque sulla stessa linea, i finali mi lasciano perplessa. La trama sembra attirarti e portarti chissà a quale storia, poi si perdono.
  • 1 mi piace
Ha scritto il 02/07/16
Capricci del destino
Il pranzo di Babette l'ho letto volentieri e mi è piaciuto. Tutti gli altri no. Erano di una noia tremenda.
Ha scritto il 08/02/16
http://www.lalocandadeilibri.com/2013/07/70-recensione-capricci-del-destino-di.html
Ha scritto il 05/02/16
Gruppo di Lettura Biblioteca civica di Sesto San Giovanni
Non avevo mai letto niente di Karen Blixen, ma devo dire che questo libro di racconti non mi ha spinta a voler leggere di più.Non che non mi sia piaciuto, ma non mi ha entusiasmata particolarmente.Per il gruppo di Lettura dovevamo leggere solo Il ...Continua

Ha scritto il Feb 05, 2016, 13:41
La gente pensa d'essere stata insultata quando si sente riferire i propri pensieri. Ma perché mai non è possibile che i loro pensieri valgano anche quando sono espressi dagli altri?
Pag. 155
Ha scritto il Feb 05, 2016, 13:40
Elishama parteggiava sempre con l'individuo contro al mondo, dato che, per quanto pazzo potesse essere l'individuo, il mondo in generale soffriva certamente di un'idiozia ancora più perfida e inguaribile.
Pag. 150
Ha scritto il Feb 05, 2016, 13:39
Il vecchio Jochum Hosewinckel viveva da alcuni anni sotto l'ombra crescente di un destino duro da sopportare perché gli sembrava includesse una specie di colpa o di vergogna: ma non ne aveva mai parlato con nessuno. Non era un castigo personale o ...Continua
Pag. 111
Ha scritto il Sep 17, 2015, 18:10
"Ma viene il giorno in cui i nostri occhi si aprono e vediamo e capiamo che la grazia è invece infinita. La grazia, amici miei, ci chiede soltanto di aspettarla con fiducia e di accoglierla con riconoscenza. La grazia, fratelli, non pone condizioni ...Continua
Ha scritto il Dec 30, 2011, 17:09
Niente di ciò che accadde più tardi nella serata può essere riferito qui in modo preciso. Nessuno degli ospiti ne serbò, poi, un chiaro ricordo. Sapevano soltanto che le stanze si erano ricolmate di luce celeste, come se innumerevoli piccoli ...Continua
Pag. 40
  • 1 commento

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi