Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Capriccio Italiano

Di

Editore: Feltrinelli

3.6
(18)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 215 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco

Isbn-10: A000182792 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Capriccio Italiano?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Grande Poeta, uomo mite..

    Non avevo incluso questi testi di Sanguineti per una sorta di pudore, sono libri di anni fa che ricordano momenti particolari anche della mia vita. Ma la morte dell'autore mi ha liberato di questo imbarazzo desiderando testimoniare l'attività di un Grande innovatore della poesia italiana.

    ha scritto il 

  • 4

    E' il primo libro di prosa che leggo di Sanguineti ed è come mi aspettavo. L'ho letto in un periodo poco favorevole, è difficile da seguire, specie nella prima parte, nel finale le cose sono più semplici. E' un libro molto bello, stupidamente direi molto poetico, di quella poesia che mi piace: me ...continua

    E' il primo libro di prosa che leggo di Sanguineti ed è come mi aspettavo. L'ho letto in un periodo poco favorevole, è difficile da seguire, specie nella prima parte, nel finale le cose sono più semplici. E' un libro molto bello, stupidamente direi molto poetico, di quella poesia che mi piace: mettere al centro la propria storia, gli elementi della propria storia, e poi aprirli, gli elementi, con un lavoro sul linguaggio e sulla struttura. Un libro che viene voglia di leggere a voce alta, di registrarlo, viene quasi naturale.
    Di cosa parla il libro: è la storia di un parto, avvolto nelle coperte allucinate di un sogno. C'è il sesso, l'amore, il tradimento, la paura, il tempo, che vengono e si mescolano.
    Beati i tempi in cui si pubblicavano queste cose, btw.

    ha scritto il