Carlotta a Weimar

Voto medio di 63
| 11 contributi totali di cui 8 recensioni , 3 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ha scritto il 07/07/17
Alla fine, oltre l'affresco storico, quello che interessa a Mann è la riflessione sull'artista, sul suo ruolo nel mondo tema che già era presente nei I Buddenbrok, in Tonio Kroger e in La morte a Venezia. Ma Carlotta a Weimar è del 1939 e in ..." Continua...
Ha scritto il 04/11/16
Il calco reale di un grande personaggio
La Carlotta del romanzo è Charlotte Bluff, sposa di Johann Christian Kestner. Lei è il calco reale (ma probabilmente non l’unico – anche se l’osservazione la infastidisce) della Lotte dei "Dolori del giovane Werther". È provato da documenti ..." Continua...
  • 4 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 13/02/12
Esperimento molto ambizioso, forse troppo, persino per un titano del calibro di Mann. Il quale ha forse peccato un po' di ybris nel volersi confrontare con un altro colosso come Goethe. Alla fine il risultato è qualcosa di poco godibile perché ..." Continua...
Ha scritto il 18/01/10
Se non amate Goethe questo libro vi annoierà profondamente. Se invece la sua figura vi interessa, oltre che dal punto di vista letterario, anche da quello umano, venire condotti nel suo mondo da un grande scrittore come Thomas Mann è un'esperienza ..." Continua...
  • 3 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 26/06/09
L'idea era splendida e dopo aver letto "I Buddenbrook" ero pronta ad affrontare con gioia ogni altra opera di Mann, ma...non è esattamente ciò che mi aspettavo.Praticamente non vi è azione e i capitoli consistono in monologhi. Lunghi monologhi. ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • 1 commento

Ha scritto il Jun 09, 2010, 14:24
Se tu vuoi che io sia la luce verso cui si lancia smaniosa la farfalla, io sono però anche, nello scambievole tramutarsi delle cose, la candela accesa che sacrifica il proprio corpo perchè la luce risplenda, sono anche la farfalla inebriata che si ... Continua...
Pag. 349
Ha scritto il Jun 09, 2010, 13:32
Bisognava proprio che quel ragazzo che venne a tentarmi e a perturbarmi per una estate diventasse tanto grande? E che io divenissi grande con lui, incatenata per tutta la vita a quella tensione, a quel doloroso eccitamento in cui m'aveva posto il ... Continua...
Pag. 104
Ha scritto il Jun 09, 2010, 13:24
Da noi a Weimar non ci sono mai grandi distanze: la nostra grandezza è tutto nello spirito.
Pag. 29

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi