Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Carne e ossa

Di

Editore: Rizzoli

3.7
(913)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 441 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Chi tradizionale , Francese , Portoghese , Olandese , Ceco

Isbn-10: 8817011762 | Isbn-13: 9788817011761 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: I. Annoni , N. Pomilio

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Carne e ossa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Sesso. Aspetto. Età. Antenati. Storia clinica. Spesso perfino la morte. È tutto scritto nelle ossa e Tempe Brennan, antropologa forense, di certo sa come leggerle. Ma quando gli scavi nell'antico cimitero indiano di Dewee, in South Carolina, riportano inaspettatamente alla luce uno scheletro recente,l'esame al microscopio mostra una serie di indecifrabili, sottilissimescalfitture lungo la colonna. Il mistero si complica quando un nuovo corpo, ritrovato appeso ad un albero, senza testa e cotto dal sole, rivela identici segni in corrispondenza delle medesime vertebre. Mentre un terzo cadavere, una donna, affiora dalle acque di una palude, Tempe incomincia a mettere insieme le tessere di un puzzle intricato e perverso. Man mano che si avvicina alla soluzione, la posta in gioco sale e il rischio per la sua vita si fa più reale. Ma per Tempe la verità è un vizio, più duro delle ossa, più forte della morte. Kathy Reichs è nata a Chicago e lavora come antropologa forense nel North Carolina e nella provincia canadese del Québec. Chiamata la "Signora degli scheletri", questo suo nuovo thriller è il settimo romanzo pubblicato in Italia.
Ordina per
  • 4

    Un bel libro con una trama che mi ha davvero appassionata perchè ricca di misteri da svelare e nemici in agguato. Ritengo che l'autrice sia molto abile nel creare la giusta suspence tanto che ogni volta non riuscivo proprio a chiudere il libro, a interromperne la lettura. Ho trovato particolari l ...continua

    Un bel libro con una trama che mi ha davvero appassionata perchè ricca di misteri da svelare e nemici in agguato. Ritengo che l'autrice sia molto abile nel creare la giusta suspence tanto che ogni volta non riuscivo proprio a chiudere il libro, a interromperne la lettura. Ho trovato particolari le descrizioni dettagliate delle analisi postmortem: forse viene utilizzato un linguaggio troppo tecnico-scientifico che per alcuni potrebbe risultare incomprensibile ma personalmente non mi ha affatto appesantito la lettura; sarà che, anche essendo estranea al mestiere, questi argomenti mi interessano abbastanza. Insomma, a mio parere, è davvero un libro coinvolgente.

    ha scritto il 

  • 4

    La dott. Brennan tra Pete, Ryan e il traffico di organi

    La dott. Brennan scopre una sepoltura recente durante scavi archeologici in un antico cimitero indiano sull’isola di Dewees, South Carolina. Il cadavere decomposto di un uomo, apparentemente suicida, viene trovato impiccato a un albero presso Charleston. Il mare restituisce un bidone contenente i ...continua

    La dott. Brennan scopre una sepoltura recente durante scavi archeologici in un antico cimitero indiano sull’isola di Dewees, South Carolina. Il cadavere decomposto di un uomo, apparentemente suicida, viene trovato impiccato a un albero presso Charleston. Il mare restituisce un bidone contenente il corpo saponificato di una donna. Le ossa delle vittime rivelano un inquietante particolare comune: una frattura alla medesima vertebra cervicale. La dott. Brennan, l’ex marito Peter, impegnato in una indagine finanziaria x conto di un cliente, e il detective Ryan vogliono chiarire il mistero. Tempe si trova ad affrontare non solo un problema professionale, ma anche il confronto fra i due uomini della sua vita, ai quali è legata da un profondo e contrastante affetto. Peccato x l’ego immenso di Tempe: crede sempre di sapere quale sia la cosa giusta, x Pete, Ryan, l’amica Emma, lo sceriffo della contea che conduce le indagini. Come sempre, K. Reichs propone in sottofondo un tema attuale e coinvolgente: questa volta si tratta del traffico di organi fra le persone abbienti dei paesi ricchi e gli individui più emarginati della società e del Terzo Mondo, gestito da personaggi senza scrupoli. Una storia abbastanza semplice e lineare eppure coinvolgente, nel consueto equilibrio fra le vicende private della protagonista e le indagini mediche e poliziesche in cui è coinvolta. Stile, come sempre, piacevolmente scorrevole in uno dei più riusciti romanzi di K. Reichs.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Reichs' book is different from the other detective novels because she backed the stories with scientific facts. Author wrote it carefully that the murderer will only come to the surface in the last few pages.


    The storyline between temp and the two guys seems isolated from the rest of the p ...continua

    Reichs' book is different from the other detective novels because she backed the stories with scientific facts. Author wrote it carefully that the murderer will only come to the surface in the last few pages.

    The storyline between temp and the two guys seems isolated from the rest of the plot. It didn't add any spice to the story and make the story too long.

    ha scritto il 

  • 3

    Reichsiana - 04 ago 13

    Ma Irene Annoni e Nicolino Pomilio (esimi traduttori in forza alla BUR) dove sono andati a pescare la Carne che hanno inserito nel titolo? Ci si aspettava qualche sinonimo di rottura (Break) ma niente, si continua con le traduzioni “veloci” che servono a far cassetta, tanto questi sono libri “da ...continua

    Ma Irene Annoni e Nicolino Pomilio (esimi traduttori in forza alla BUR) dove sono andati a pescare la Carne che hanno inserito nel titolo? Ci si aspettava qualche sinonimo di rottura (Break) ma niente, si continua con le traduzioni “veloci” che servono a far cassetta, tanto questi sono libri “da ferrovia”. Ed invece siamo qui, all’ennesima puntata della patologa forense che si divide tra la Ca-rolina ed il Canada, che si divide tra Andy il nuovo amore che non sboccia e Pete il marito che non si decide a lasciare del tutto. Tempe sta ultimando un corso di esame delle ossa a Charlotte quando viene coinvolta in un nuovo caso. La sua amica Emma, coroner del posto, si ammala e per darle una mano a fronte di alcuni ritrovamenti inusuali rimane a Charlotte, dove la raggiunge, non in-vitato, l’ex-marito Pete, avocato incaricato di far luce sui conti poco chiari di una sette religiosa, che guarda caso ha anche le mani in pasta nell’ambiente medico, dove gestisce un ospedale per i bisognosi. Pete è anche incaricato da un suo conterraneo lituano (si sa che in America i legami con i posti natii sono stranamente forti) di scoprire dove è andata a finire la figlia, anch’essa coinvolta nel giro religioso-ospedaliero. Mentre Emma continua a peggiorare (e ben presto scopriremo che è affetta da un tumore poco curabile), continuano a spuntare cadaveri di vario invecchiamento. Uno sotterrato in un’isoletta sabbiosa del vicino lago, una in un bidone di benzina affondato nel lago stesso, uno impiccato ad un albero nella vicina foresta. Assistiamo ai soliti interventi nelle sale o-bituario care alla nostra Tempe, dove continuiamo ad apprendere informazioni di carattere medico sull’analisi delle ossa e su quanto da esse si possa sapere della storia personale. Quasi come leg-gendo un libro, si tirano fuori informazioni su sesso, altezza, morfologia, storia medica. Ed è questa forse la parte più interessante del libro, che, sul versante “giallo” non riesce a prendere molto. Scopriamo così che i morti hanno delle strane scalfitture sulle ossa cervicali, dal lato sinistro. E che quelle più antiche (cioè non l’impiccato) hanno delle incisioni nella parte bassa della colonna vertebrale. Intanto arriva pure Andy, che ha litigato con la figlia, e si prospetta un delicato “menage a tre”, dove Tempe sa cosa vuole, ma non riesce a praticarlo. Con l’aiuto di un giornalista sulle prime poco simpatico, poi una miniera di informazioni, e con il computer ritrovato dell’impiccato (che si scopre essere un investigatore anche lui alla ricerca di informazioni sui religiosi), scopriamo poi che i morti sono tutti un po’ emarginati dalla società. Poveri, diseredati, solitari, spesso alcolizzati. E soprattutto, in cura nella clinica di cui sopra. Dove fa il bello ed il cattivo tempo un medico un pochino loffio. C’è qualche complicazione collaterale (problemi edilizi dove vengono trovati dei cadaveri, ferimento quasi fatale del fascinoso Pete e inizio di catarsi della nostra Tempe che si domanda quale sarà il suo futuro, definitivo collasso e morte della leucemica Emma), ma la nostra trama procede come un fuso verso la soluzione finale. La scoperta, tramite un testo di medicina, delle motivazioni delle abrasioni alle cervicali, e sopratutto perché dal lato sinistro. E la scoperta di un nuovo caso globale, come spesso accade nei libri della Reichs. Che in precedenza se la prese contro i maltrattatori di donne, e con altre piaghe sociali. Qui vi dirò soltanto che c’è una lunga digressione, che mi ha molto divertito, su Burke e Hare, i due famigerati trafugatori di cadaveri di Edimburgo (e ci si andrà presto a vederne le tracce in loco?). Comunque il libro è un po’ stanco, cerca di risollevarsi ponendo le questioni dei rapporti umani (tra Tempe ed Emma, tra Tempe e Andy, tra Tempe e Pete), divagando un po’ sulle morfologie americane (e mi incuriosisce questa Carolina del Nord, sede di molte Chiese Presbiteriane) e sui tic di tutti i nordamericani. Con qualche piccola caduta quando dagli enigmi sulle ossa (che mi incuriosiscono) cercano di passare a delle cifrature che non reggono neanche il tempo di uno sguardo (anche se si ostinano a citare Marian Rejewski, il crittografo polacco che diede il via alla decrittografia dei messaggi tedeschi, poi portata al suo apice da Turing e le sue macchine, noi che ben conosciamo l’informatica…). Un po’ di rilassamento, ma non molto di più.
    “Comunque vada a finire, sono tra i fortunati. Ci sono molte persone nella mia vita. Persone che mi vogliono bene.” (441)

    ha scritto il 

  • 4

    9° Libro con Tempe Brennan

    Altro bel romanzo con Tempe Brennan protagonista; stavolta non basta Ryan, c'è anche l'ex marito Pete a creare qualche problemino sentimentale alla protagonista. Invece per dare una mano a un'amica, la vicenda si svolge a Charleston e il caso si mantiene interessante fino alla fine.

    ha scritto il 

  • 4

    Ancora una volta, Tempe, metterà a rischio la propria vita
    per dare un nome alle persone le cui ossa sono state ritrovate
    durante uno scavo.
    Storia intrigante che ha inizio durante uno scavo estivo che
    ogni anno la nostra dottoressa forense organizza con i suoi studenti. ...continua

    Ancora una volta, Tempe, metterà a rischio la propria vita
    per dare un nome alle persone le cui ossa sono state ritrovate
    durante uno scavo.
    Storia intrigante che ha inizio durante uno scavo estivo che
    ogni anno la nostra dottoressa forense organizza con i suoi studenti.
    Ci troviamo a Dewee in un terreno che una volta veniva usato
    per la sepoltura dei nativi indiani d'America.
    Un po di archeologia che si mescola con l'oggi dopo il ritrovamento di uno scheletro recente.
    A Dewee arriverà anche Pete, il marito separato della Brennan,
    che è stato incaricato della ricerca di una donna scomparsa
    le cui tracce si perdono proprio a Dewee.
    Anche Rayan, il suo attuale compagno la raggiungerà qui e tutti e tre si ritroveranno a condividere la grande casa di Anne, amica della Brennan.
    Altri cadaveri e altri scomparsi arricchiranno questa storia
    e dopo tanti colpi di scena porteranno alla soluzione del
    caso con la scoperta di un traffico di.....
    Buona lettura! :o)

    ha scritto il 

Ordina per