Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Caro Fratello vol. 1

Di

Editore: GOEN

3.9
(51)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 250 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8897349323 | Isbn-13: 9788897349327 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Sayaka Kozeki ; Curatore: Paolo Gattone ; Contributi: Chiara Antonelli

Genere: Family, Sex & Relationships , Romance , Teens

Ti piace Caro Fratello vol. 1?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Protagonista della vicenda è Nanako Misonoo, matricola della prestigiosa Scuola Superiore Seiran Gakuen. Come ogni ragazza della sua età si troverà per la prima volta a dover affrontare l'amore, la passione e la paura per ciò che è nuovo. Invece di tenere un diario, preferisce scrivere delle lettere ad un ragazzo più grande con il quale ha un rapporto puramente fraterno, confidandogli i suoi sentimenti e le sue paure.
Ordina per
  • 2

    Le rose di Versailles ed Eroica sono due capolavori. Diversi, perché lo stile è molto cambiato nel frattempo, ma due capolavori. Caro fratello è un’opera differente, non storica, ma che graficamente somiglia molto a Le rose di Versailles. Ma non mi è piaciuto granché. ...continua

    Le rose di Versailles ed Eroica sono due capolavori. Diversi, perché lo stile è molto cambiato nel frattempo, ma due capolavori. Caro fratello è un’opera differente, non storica, ma che graficamente somiglia molto a Le rose di Versailles. Ma non mi è piaciuto granché. I personaggi sono uno più antipatico dell’altro; troppi fiori e tanti “ah” e “oh” e “quanto soffro” (sì, lo so, anche “Lady Oscar” aveva tutto questo, ma almeno l’ambientazione storica la rendeva più interessante). Certo, non posso negare di avere avuto un tuffo al cuore, all’ultima pagina, per un certo personaggio; ma per il resto l’ho trovato sciapo e pesante.

    ha scritto il 

  • 4

    Oniisama e...

    Nanako, una ragazza ingenua e candida, riesce ad accedere al prestigioso liceo femminile Seiran e, contro ogni aspettativa, a farsi ammettere all'esclusivo club della Sorority, del quale possono far parte solo le ragazze più belle, raffinate e ricche della scuola.
    Il suo ingresso in questo club l ...continua

    Nanako, una ragazza ingenua e candida, riesce ad accedere al prestigioso liceo femminile Seiran e, contro ogni aspettativa, a farsi ammettere all'esclusivo club della Sorority, del quale possono far parte solo le ragazze più belle, raffinate e ricche della scuola. Il suo ingresso in questo club le attirerà addosso l'invidia e l'astio della maggior parte delle sue compagne e a causa di ciò comincerà a rendersi conto che le persone intorno a lei nascondono molti segreti.

    Sinceramente, non saprei dire se questo manga mi sia davvero piaciuto: riconosco che ha una certa importanza, che la storia è raccontata bene (ma dalla Ikeda me lo aspettavo) e che i disegni sono molto belli, ma non è scattata la scintilla. Ci sono molti passaggi che ho trovato ingenui, troppe lacrime versate, troppo dramma...troppo tutto insomma. Ci sono talmente tante emozioni nei cuori di queste ragazze che alla lunga fanno quasi sorridere, senza parlare del fatto che io avrei risolto metà delle discussioni con un sovrano "E sticazzi?" Ma vabbè, loro hanno 14 anni e io 23. Bisogna riconoscere che è un manga che ha più di 30 anni sulle spalle e non se li porta proprio benissimo.

    Ottima l'edizione Goen, con una rilegatura morbissima che permette di leggere anche i baloon centrali con facilità, carta bianca e non trasparente e pagine a colori su carta patinata.

    Fa piacere averlo in libreria, ma non credo che lo rileggerò molto presto.

    ha scritto il 

  • 4

    Le apparenze ingannano si dice, ed è vero. Prendiamo "Caro fratello" di Ryoko Ikeda, ad esempio. Uno manga shojo, uno dei primi: quindi con tratto morbido, disegno stracarico di fiori e orpelli, costruzione della pagina singolare. Anche la trama sembra adattarsi a ciò: Nanako Misonoo, la nostra p ...continua

    Le apparenze ingannano si dice, ed è vero. Prendiamo "Caro fratello" di Ryoko Ikeda, ad esempio. Uno manga shojo, uno dei primi: quindi con tratto morbido, disegno stracarico di fiori e orpelli, costruzione della pagina singolare. Anche la trama sembra adattarsi a ciò: Nanako Misonoo, la nostra protagonista, riesce ad entrare in un club della scuola, il Sorority. Non un club qualunque, decisamente: soltanto l'elite può entrarvi. I criteri di selezione sono molto rigidi ma Nanako, pur non rientrandovi affatto, riesce ad avere la meglio. All'inizio tutto sembra perfetto: le ragazze del club sono una più magnifica ed attrante dell'altra, e anche una delle amiche di Misonoo, Mariko Shinobu, entra insieme a lei. Ma presto questa atmosfera idilliaca diventa infernale. Attraverso gli occhi della povera Nanako scopriamo che negli armadi delle protagoniste non ci sono solo vestiti sfarzosi, ma scheletri putridescenti. Ed è questa la vera forza della serie. Chi l'avrebbe mai detto che in un manga del 1975 ci sarebbe stato spazio per certe tematiche? Amori morbosi, famiglie allo sfascio, malattia... c'è tutto questo, in "Caro fratello", e anche di più. Forse perfino troppo: certi intrecci risultano a volte forzati, anche ingenui. Però non ci sono malafede e morbosità in Riyoko Ikeda, così come non ci sono nella protagonista. Attenzione a Nanako: potrebbe quasi passare in secondo piano, considerando le storie da brividi delle comprimarie, ma è in realtà il personaggio più importante della serie. La sua innocenza quasi infantile si contrappone alla perfezione con il marcio del Sorority, facendole scoprire un lato del mondo che non conosceva e anche qualcosa che la riguardava molto da vicino. Potremmo quasi definirlo un manga di formazione: il processo di maturità di Nanako è continuo, e non si conclude nemmeno nelle ultime strazianti righe. Anche gli altri personaggi sono caratterizzati bene, anche se a mio parere non così tanto. A volte la mangaka calca un po' troppo sulle tragedie, e quindi a volte lo spessore voluto si perde per strada: come già detto, potrebbe perfino risultare ingenuo. Ma per un manga della sua età non è affatto ingenuo. Anzi.

    ha scritto il 

  • 4

    "Caro Fratello", insieme a "Le Rose di Versailles" è l'opera più conosciuta e apprezzata di Riyoko Ikeda e ha goduto anche di una trasposizione in anime firmata dal grande Osamu Dezaki. La narrazione prende spunto dall'epistolario-diario scritto dalla studentessa Nanako Misonoo e indirizzato a un ...continua

    "Caro Fratello", insieme a "Le Rose di Versailles" è l'opera più conosciuta e apprezzata di Riyoko Ikeda e ha goduto anche di una trasposizione in anime firmata dal grande Osamu Dezaki. La narrazione prende spunto dall'epistolario-diario scritto dalla studentessa Nanako Misonoo e indirizzato a una sorta di "fratello elettivo", il giovane professore Takehiko Henmi; attraverso la descrizione dei momenti salienti della vita studentesca della ragazza, prende forma un complesso universo di emozioni, un vibrante vissuto giovanile, fatto di tormenti e passioni. Un florilegio di personaggi, tutti estremamente eleganti e sensuali, i cui destini si intrecceranno in modo inaspettato.  Uno splendido manga, che racconta e illustra magnificamente tematiche universali dell'animo umano, toccando con grande sensibilità e originalità l'universo dell'adolescenza, dell'amicizia, della sofferenza, unendo a ciò dei disegni estremamente raffinati. Caro Fratello è un manga "corale", in cui ciascuno dei personaggi, anziché presentare una caratterizzazione precisa e "assoluta", si presenta sfumato, crepuscolare, altalenante, come le emozioni che lo attanagliano. Questa oscillazione emerge da molteplici fattori: dallo sviluppo della trama e dai disegni, oltre che dai dialoghi; l'adattamento italiano del testo tiene conto di tutto questo, valorizzando massimamente l'aderenza allo scritto originale, senza cedere alle lusinghe di un'interpretazione troppo libera e focalizzandosi sulle pagine più intimiste, dove il lirismo e la drammaticità si fanno più intensi. L'edizione GOEN presenta sovracopertina patinata, pagine a colori, un nuovo adattamento grafico, un nuova traduzione; un'edizione di alto livello qualitativo anche dal punto di vista estetico con un prezzo estremamente conveniente viste le oltre 240 pagine di cui ciascun albo è composto!

    ha scritto il 

  • 5

    Se dovessi descrivere questa storia in una sola frase, direi che "Caro Fratello" è il manga di una crescita, del passaggio di una ragazza, Nanako Misonoo, dall' età fanciullesca a quella adulta.


    Fortunatamente ho molto più spazio di una riga per poter parlare e commentare questo manga, pe ...continua

    Se dovessi descrivere questa storia in una sola frase, direi che "Caro Fratello" è il manga di una crescita, del passaggio di una ragazza, Nanako Misonoo, dall' età fanciullesca a quella adulta.

    Fortunatamente ho molto più spazio di una riga per poter parlare e commentare questo manga, perché "Caro Fratello" non è solo quello, ma molto altro. Seppur nella sua brevità, pagina per pagina, Riyoko Ikeda riesce a condurci e a farci esplorare i sentimenti più profondi dell'animo umano, come l'amore e il bisogno d'affetto, la paura di non esser accettati, l'invidia e l' ossessione, finendo per realizzare una perfetta analisi psicologia dell'uomo e lo fa creando un microcosmo, l'Istituto Seiran (la scuola che frequentano le protagoniste), dove i suoi personaggi si muovono, vivono e creano le loro relazioni.

    I protagonisti con le loro esperienze, sono il vero fulcro della storia. Tutti perfettamente caratterizzati e con una psicologia tanto complessa quanto completa.

    Per maggiori info sul manga di Caro Fratelo: http://riyokoikeda.altervista.org/CaroFratelloindex.htm

    ha scritto il