La Ginzburg narra, in questo romanzo, la storia di una famiglia che in realtà non è più tale. Adriana, ritiratasi in campagna dopo la separazione da un marito ricco fallito; un figlio, Michele, che vive a Roma in uno scantinato circondato da amici sb ...Continua
Roberto
Ha scritto il 22/02/18
Lettere a uno sconosciuto
Caro Michele è un romanzo epistolare a senso unico: quattro personaggi, madre, sorella e un paio di amici, scrivono lettere a Michele, protagonista assente del libro, in un periodo che va dalla fine del 1970 alla metà del 1971. Ogni lettera, scritta...Continua
  • 16 mi piace
  • 5 commenti
Eurosia
Ha scritto il 19/08/17
“E’ vero che a un certo punto della nostra vita i rimorsi li inzuppiamo nel caffè la mattina come biscotti”. Nel 1973, a quell'Italia che da poco ha conosciuto la contestazione giovanile, Natalia Ginzburg sottrae una tragica cronaca di dolori di spec...Continua
Frabe
Ha scritto il 08/08/17
Romanzo epistolare, protagonisti principali il Michele del titolo, con i suoi misteri, e Mara, che forse l'ha amato, ma è comunque “sola, sbandata, vagabonda e balorda”: Natalia Ginzburg, stemperando le tristezze con l'umorismo, regala qui - nel 1973...Continua
  • 5 mi piace
Grazia
Ha scritto il 24/06/17
"L’importante è camminare e allontanarsi dalle cose che fanno piangere."
Adriana, madre di quattro figlie femmine e un maschio, Michele, vive con la cognata Matilde e la domestica. Adriana vive in una casa di campagna, in cui non si trova completamente a suo agio. Da tanti anni è separata, e contestualmente alla separazio...Continua
  • 43 mi piace
  • 18 commenti
Francesco Giudici
Ha scritto il 17/05/17
Bel libro di Natalia Ginzburg, basato tantissimo su scambi epistolari tra i protagonisti. Michele è un giovane e rappresenta la mentalità degli anni del '68, quelli della ricerca della propria identità. Attorno a lui, famigliari e una giovane che è s...Continua

Sa Jana
Ha scritto il Aug 09, 2011, 11:22
Ti sembrerà strano, ma ci si attacca a desideri minimi e strani, quando in verità non si desidera niente.
Pag. 189
  • 1 commento
Sa Jana
Ha scritto il Aug 09, 2011, 11:21
(...) Così penso che cercheremo di mandarti ogni tanto dei soldi. Non è che i soldi ti risolvano niente essendo tu sola, sbandata, vagabonda e balorda. Ma ognuno di noi è sbandato e balordo in una zona di sé e qualche volta fortemente attratto dal va...Continua
Pag. 176
  • 1 commento
Sa Jana
Ha scritto il Aug 09, 2011, 11:19
(...) Purtroppo è raro riconoscere i momenti felici mentre li stiamo vivendo. Noi li riconosciamo, di solito, solo a distanza di tempo. La felicità era per me protestare e per te frugare nei miei armadi. Ma devo anche dire che abbiamo perduto quel gi...Continua
Pag. 160
  • 1 commento

Felician
Ha scritto il Sep 15, 2016, 11:58
copertina
copertina

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi