Caro Michele

I grandi romanzi italiani n.36

Di

Editore: RCS - Corriere della Sera

3.7
(688)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 154 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Spagnolo , Catalano

Isbn-10: A000029976 | Data di pubblicazione: 

Prefazione: Paola Capriolo

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Tascabile economico , eBook

Genere: Arte, Architettura & Fotografia , Narrativa & Letteratura , Viaggi

Ti piace Caro Michele?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Romanzo epistolare, in cui tutti i protagonisti (la madre, la sorella, la ex ...) scrivono a "Michele", che ha scelto di andare via da tutti loro. Si spera insieme a loro che un giorno possa tornare. ...continua

    Romanzo epistolare, in cui tutti i protagonisti (la madre, la sorella, la ex ...) scrivono a "Michele", che ha scelto di andare via da tutti loro. Si spera insieme a loro che un giorno possa tornare. C'è una sorta di staticitià e di apatia in queste pagine, la sofferenza è mitigata da uno stile narrativo essenziale e asciutto. E' esasperante questa attesa per un ricongiungimento che si scoprirà poi impossibile.

    ha scritto il 

  • 3

    Intimo, esistenziale, storico, generazionale. Con questo libro ho conosciuto la Ginsburg, della quale ho poi letto quasi tutto (inclusa una traduzione di Bel Amì), apprezzandola tantissimo come scritt ...continua

    Intimo, esistenziale, storico, generazionale. Con questo libro ho conosciuto la Ginsburg, della quale ho poi letto quasi tutto (inclusa una traduzione di Bel Amì), apprezzandola tantissimo come scrittrice... (come giornalista non altrettanto, in seguito a certe prese di posizione discutibili...)

    ha scritto il 

  • 4

    Più passano gli anni e più accrescono le risorse della nostra pazienza. Sono le sole nostre risorse che si accrescono. Tutte le altre tendono a prosciugarsi..

    Una storia dolente e nello stesso tempo vibrante. I sentimenti si fondono e si contraddicono con la semplicità e la profondità dell'esistenza.
    Natalia Ginzburg senza dubbio una scrittrice di primo pia ...continua

    Una storia dolente e nello stesso tempo vibrante. I sentimenti si fondono e si contraddicono con la semplicità e la profondità dell'esistenza.
    Natalia Ginzburg senza dubbio una scrittrice di primo piano nello scenario del novecento.

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro perfetto

    Ascolto in verità l'audiolibro letto da Nanni Moretti.
    Mi godo ogni frase ed ogni punteggiatura (immaginata...).
    Natalia Ginzburg racconta la storia di una famiglia negli anni '70, a cavallo tra tradi ...continua

    Ascolto in verità l'audiolibro letto da Nanni Moretti.
    Mi godo ogni frase ed ogni punteggiatura (immaginata...).
    Natalia Ginzburg racconta la storia di una famiglia negli anni '70, a cavallo tra tradizione borghese e sregolatezza sessantottina.
    Perché questa scrittrice mi commuove così tanto? la trovo perfetta e tanta perfezione mi fa venire voglia di piangere.

    ha scritto il 

  • 4

    «Ho scoperto che la gente a conoscerla un poco fa pena. È per questo che si sta così bene con gli sconosciuti , perché non hai ancora incominciato a provare pena per loro o a odiarli»

    Brutto a dirsi, ...continua

    «Ho scoperto che la gente a conoscerla un poco fa pena. È per questo che si sta così bene con gli sconosciuti , perché non hai ancora incominciato a provare pena per loro o a odiarli»

    Brutto a dirsi, ma Lessico famigliare rimane nella mia mente l'emblema della letteratura che annoia, ed è a tutt'oggi uno dei pochissimi libri che ho iniziato e abbandonato (due volte...). E poi mi imbatto in questo romanzo davvero bello e profondo, disilluso, potente nonostante la misura con cui è costantemente calibrato. Dissolte tutte le istituzioni affettive, i rapporti sociali e i legami famigliari, rimane soltanto una folla di persone sole, inutili (o al massimo dannose) le une per le altre. I gesti sono ridotti a convenzioni, i volti a maschere vuote, le parole diventano un vaniloquio che ammanta la sostanziale incomunicabilità di fondo. E il tutto mi ha davvero affascinato. Va là che ci riprovo anche con quell'altro, prima o poi...

    ha scritto il 

  • 4

    Questo libro preso in biblioteca e poi dimenticato di leggere, la vita stressante di città, poi, mi arriva il sollecito per la restituzione. C'era traffico, la vita stressante di città, e sul sedile a ...continua

    Questo libro preso in biblioteca e poi dimenticato di leggere, la vita stressante di città, poi, mi arriva il sollecito per la restituzione. C'era traffico, la vita stressante di città, e sul sedile accanto c'era Caro Michele: comincio a leggere, preso mi chino verso di lui. Dietro clacson e maledizioni, la vita ... Nel giro di qualche ora lo leggo: sul Gra, a casa, al lavoro, sulla metro. Un libro bellissimo, un racconto carico di sentimenti che ci appartengono tutti e che, a volte, teniamo nascosti spauriti dalla loro potenza devastante seppure benefici, vitali per sondare la nostra identità. La vita vera, signori.

    ha scritto il 

  • 3

    La famiglia borghese, questa istituzione ormai decrepita che si sgretola sotto gli occhi del nuovo che avanza. Una madre ormai sola, portatrice di valori arcaici, che pensa di conoscere bene il propri ...continua

    La famiglia borghese, questa istituzione ormai decrepita che si sgretola sotto gli occhi del nuovo che avanza. Una madre ormai sola, portatrice di valori arcaici, che pensa di conoscere bene il proprio figlio, meglio anche del padre dove egli ha vissuto. Questo figlio, Michele, intorno al quale ruota tutta la vicenda ed i personaggi, il quale però appare appena, non parla, sfocato sullo sfondo, fra lutti, eredità e disonori vari, sempre smarriti in un vuoto di valori, mentre si portano avanti vecchi schemi comportamentali che non riescono ad adeguarsi al nuovo. Persone viste sempre dall'alto in basso dalla madre, ultimo esempio di una classe sociale ormai stanca. Si vede ma non si osserva, o forse non si vuole vedere la cruda realtà dei fatti, la mediocrità e la tristezza che ci ciroconda. Chi riesce a rendersi conto dei cambiamenti, ad accettare ciò che è, riesce forse a vedere un barlume di felicità, ma l'ipocrisia resta.
    Natalia Ginzburg qui ci regala un veloce flash di una famiglia disfunzionale, dove le divisioni interne della famiglia non vengono comprese appieno, sempre nel nome della famiglia che si crede unita in nome di ciò che è stato, anche se sotto sotto si sa che non è così.
    La sua scrittura asciutta, cruda, simile per tutti i personaggi che si scambiano le epistole, rappresenta non tanto delle singole voci ma un coro che canta il requiem di una serie di valori ormai estinti, traditi.

    ha scritto il 

  • 4

    “Ti auguro ogni bene possibile, e spero che tu sia felice, ammesso che la felicità esista. Io non credo che esista, ma gli altri lo credono, e non è detto che non abbiano ragione gli altri.”
    Il pellic ...continua

    “Ti auguro ogni bene possibile, e spero che tu sia felice, ammesso che la felicità esista. Io non credo che esista, ma gli altri lo credono, e non è detto che non abbiano ragione gli altri.”
    Il pellicano

    Caro Michele è un romanzo in prevalenza epistolare, fatto di lettere a Michele, di Michele e anche a/di parenti e amici di Michele. La cosa più bella è il tono delle lettere, la freschezza, il candore, l’intelligenza e la profondità che però sa di immediatezza e non di ragionamento. Alcuni personaggi come il Pellicano, cioè l’editore del bruttissimo romanzo Polenta e Veleno che diventa Polenta e vino e Polenta e castagne in alcune pagine sono fantastici. Bella la figura di Mara, ragazza disinibita e onesta, profittatrice e di cuore. Bella la figura della madre ingenua e intelligente e l’amicizia-forse amore tra Michele e Osvaldo che dà un tocco di malinconia alle pagine.
    “Io lo credo (Osvaldo) molto intelligente, ma sembra che la sua intelligenza la tenga custodita nel suo torace, nel suo pullover e nel suo sorriso, trattenendosi dall’usarla per motivi che restano nascosti. Nonostante il suo sorriso, lo trovo un uomo tristissimo.”

    I rapporti umani sembrano più veri di quelli veri, sembra che siano più indelebili in qualche modo pur nella loro provvisorietà perché i personaggi della Ginzburg sono tutti buoni.
    “Tu dici che non vuoi sulla tua persona, in questo momento, gli occhi delle persone che ti amano. E’ infatti difficile sopportarli, gli occhi delle persone che ci amano in un momento difficile, ma è una difficoltà che si supera rapidamente. Gli occhi delle persone che ci amano possono essere nel giudicarci estremamente limpidi, misericordiosi e severi, e può essere duro ma in definitiva salutare e benefico per noi affrontare la chiarezza, la severità e la misericordia. “
    “La felicità era per me protestare e per te frugare nei miei armadi. Ma devo dire che abbiamo perduto quel giorno un tempo prezioso. Avremmo potuto metterci seduti e interrogarci vicendevolmente su cose essenziali. Saremmo stati probabilmente meno felici, anzi saremmo stati infelicissimi. Però io adesso mi ricorderei quel giorno non come un vago giorno felice ma come un giorno veritiero e essenziale per me e per te, destinato a illuminare la tua e la mia persona, che sempre si sono scambiate parole di natura deteriore, non mai parole chiare e necessarie ma invece parole grigie, bonarie, fluttuanti e inutili.”
    Entrando nei suoi romanzi sembra di essere in un paradiso terrestre.

    “Così penso che cercheremo di mandarti ogni tanto dei soldi. Non è che i soldi ti risolvano niente essendo tu sola, sbandata, vagabonda e balorda. Ma ognuno di noi è sbandato e balordo in una zona di sé e qualche volta fortemente attratto dal vagabondare e dal respirare niente altro che la propria solitudine, e allora in questa zona ognuno di noi può trasferirsi per capirti.”

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per